Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il commissario per la salute e il benessere denuncia l’ambiguità della salute pubblica

Il governo dovrebbe conferire al Direttore nazionale della sanità pubblica il potere di informare in modo indipendente il pubblico e di comunicare le sue opinioni e raccomandazioni in modo trasparente, come raccomanda al Commissario per la Salute e il Welfare nella sua relazione finale sullo stato dei servizi per gli anziani durante il periodo iniziale. ondata epidemica.

il documento È stato presentato ai media mercoledì. In particolare, sottolinea “l’atteggiamento paternalistico” del governo nei confronti degli anziani e il fallimento del sistema di monitoraggio del Quebec nell’anticipare la crisi dei CHSLD, che tuttavia emergeva dal 22 marzo, secondo l’indagine.

“L’allarme chiaramente non è stato lanciato in tempo, dato l’impatto della pandemia sui CHSLD. […] Ciò che si dice è che siamo stati lenti a rispondere e che il sistema di monitoraggio non era adeguato”, ha dichiarato il commissario Joan Castonguey presentando la sua relazione.

Ha notato che il tasso di mortalità durante la prima ondata ha superato il normale nei CHSLD del 34% – numeri che ci si sarebbe aspettati se non fosse stato per l’epidemia – rispetto a un aumento del tasso di mortalità del 15% nella popolazione generale. Inoltre, durante questa stessa ondata, il 47% dei lavoratori infetti nella rete sanitaria ha lavorato nei CHSLD.

Non c’è bisogno di una richiesta generale?

La relazione finale di M.io Castongoy si concentra sulla risposta del governo alla prima ondata di COVID-19. Non valuta le misure adottate per controllare le ondate successive. A giudizio dell’assessore, le indagini svolte dalle sue équipe, quelle del difensore civico e del coroner sono sufficienti a fare luce sulla crisi che ha scosso il Quebec. “Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per impegnarci nella trasformazione e guardare al futuro. È davvero tempo di passare al miglioramento del nostro sistema sanitario per affrontare le crisi future”.

READ  Ne manquez pas ce week-end l'alignement exceptionnel des planètes Mars, Vénus, Jupiter et Saturne

Ciò non ha impedito ai tre partiti di opposizione di ripetere le loro richieste di un’indagine pubblica e indipendente sull’epidemia. Le tre formazioni hanno indicato che molte domande sull’amministrazione del governo sono rimaste senza risposta.

Il ministro della Salute, Christian Duby, ha confermato di aver adottato una serie di misure in linea con le raccomandazioni del commissario, in particolare lo sviluppo di un piano di prevenzione e “controllo” del contagio oltre all’inserimento di personale e lavoratori. Ridurre il turnover dei dipendenti nei CHSLD. Non ha specificato se il governo intendesse consentire al direttore nazionale della sanità pubblica di comunicare le sue opinioni e raccomandazioni direttamente alla popolazione, come suggerito dall’assessore.

La salute pubblica manca di indipendenza

Nel corso della sua indagine, il commissario ha rilevato una “percepita mancanza di indipendenza del Direttore nazionale della sanità pubblica”. Osserva che i ruoli e le responsabilità degli attori della salute pubblica sono “non riconosciuti e imprecisi, il che può suscitare sfiducia”.

“Altrove in Canada, i direttori della sanità pubblica possono comunicare le loro opinioni direttamente ai residenti, e questo influisce sulla fiducia del pubblico nelle raccomandazioni loro rivolte”, ha affermato la signora.io Castongway.

Ha spiegato che tale autonomia in Quebec avrebbe potuto consentire ai residenti “di differenziare tra raccomandazioni basate sulla scienza e decisioni prese dal governo”. Questo tipo di trasparenza – che non significa necessariamente che il direttore nazionale della sanità pubblica debba rinunciare alla carica di viceministro – porta anche a decisioni politiche in materia di consulenza scientifica, secondo il commissario.

mio Castonguay suggerisce quindi che il governo dovrebbe “dare espressa autorità al Direttore nazionale della sanità pubblica di informare in modo indipendente il pubblico”. In generale si denuncia l’esistenza del “sistema” [de santé] opaco concentrandosi sulla protezione delle informazioni personali” e chiedendo una transizione verso “un sistema integrato, aperto e trasparente che sfrutti tutto il potenziale dei dati per prendere decisioni informate, senza compromettere la privacy”.

READ  Les Vertes s'engageront pour la santé des femmes au Grand Conseil

Più spazio per gli anziani

L’indagine del commissario rileva anche che i leader del Quebec hanno dimostrato “una leadership inadeguata per prestare una ‘lente sottile’ al processo decisionale del governo”. Il funzionario ha definito “paternalistico” l’atteggiamento del governo nei confronti degli anziani.

“Ad esempio, nel principale comitato decisionale che è stato istituito per gestire la crisi, sono all’inizio [les dirigeants] Nessuno è stato invitato a rappresentare gli anziani, ha spiegato il commissario in una risposta inglese. Non hanno nemmeno chiamato le infermiere. Quindi non hanno tenuto conto delle proprie esigenze. »

Il rapporto propone l’introduzione di un “metodo di finanziamento paritario” per i servizi ricettivi e l’implementazione, attraverso i CISSS e il CIUSSS, di un sistema di valutazione “in tutte le strutture e risorse ricettive del loro territorio”.

Quebec “non configurato”

Al termine del suo lavoro, il commissario per la salute e il benessere ha concluso che il Quebec “non era preparato ad affrontare una pandemia”. Rileva che il suo sistema di monitoraggio non era adeguato.

A partire dal 22 marzo si sarebbe dovuto tenere conto di segnali come l’alto tasso di positività dei test effettuati dagli anziani, osserva l’assessore. “Avere un buon sistema di monitoraggio in atto avrebbe allertato le autorità sin dall’inizio sulle sfide poste dalla pandemia negli ambienti di vita”, ha affermato la signora.io Castongway.

Il rapporto chiede anche il rafforzamento del ruolo strategico della salute pubblica e l’avvio di un processo di riflessione che ponga le questioni sanitarie “al centro delle priorità strategiche della salute pubblica”. [ministère de la Santé et des Services sociaux] ».

READ  Barometro Corona in azione da venerdì: ecco cosa cambierà

Vediamo nel video