Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Club Brugge, guidato da Scott Parker e Karl Hofkens, ha ottenuto più punti nella stessa tappa: perché Ronnie Deila si è fermato?

Il Club Brugge, guidato da Scott Parker e Karl Hofkens, ha ottenuto più punti nella stessa tappa: perché Ronnie Deila si è fermato?

Estrapolato dal contesto, questo è solo uno dei 591 gol segnati nel PSL in questa stagione. Ma per Nelson Angulo, questa resterà per sempre la prima con l'Anderlecht. Per lo Sporting, questo ha permesso loro di affermarsi come l'unico sfidante dell'Union SG nella corsa al titolo. D’altro canto, per gli abitanti di Bruges, ciò li porta effettivamente fuori dalla lotta per l’incoronazione e li spinge oltre il limite.

È infinito ed è una crisi

L'eliminazione in coppa, per gli uomini di Alex Plesin, li metterà sicuramente in crisi, mentre il loro biglietto per le qualificazioni alla Champions League è ancora lungi dall'essere convalidato. “No, la crisi non è ancora arrivataHa detto Ronnie Della dopo Topper. Inoltre, non dobbiamo agire come se tutto fosse perduto. Dobbiamo essere uomini, raddrizzare la schiena e dimostrare mercoledì chi siamo veramente.

Questa situazione non sarà una novità in questa stagione. Perché non bisogna dimenticare che questa sconfitta a Courtrai di fine ottobre (1-0, 21/10) ha spinto molti a pronunciare la famosa “parola C” a Venezia del nord. Il giorno dopo l'11, i numeri parlano chiaro: con il club, Deila ha fatto il peggior inizio del campionato degli ultimi 40 anni.

Hazard è il migliore in campo, la scelta paga per Remer: appunti dopo Brugge-Anderlecht

Ha ottenuto 11 su 33 per i primi 7

Questa impressionante serie di 15 partite di imbattibilità, iniziata contro il Lugano in Conference League e terminata contro l'Anversa, ha almeno riacceso le speranze. Fino a quando quel terribile mese di febbraio vanificò i piani. La constatazione è chiara: dopo 27 giornate, il Club Brugge di Ronnie Deila ha meno punti (45) di quelli guidati prima da Karl Hofkins e poi da Scott Parker lo scorso anno (46).

Secondo miglior attacco ma… 40% di gol contro Eupen e RWDM.

È chiaro che la capacità dei Blauw en Zwart di vantarsi di avere il secondo miglior attacco (dopo l'Union SG) e la migliore difesa della Pro League non permetterà loro di giocarsi il titolo. E non essere sicuro di far parte della Top 6 tre giorni prima della fine della Classic. Strano ma nemmeno sorprendente. Le statistiche rivelano che il 40% dei 55 gol sono stati segnati nei quattro confronti con RWDM ed Eupen. O anche che contro i club che compongono le prime sette del torneo, il Club Brugge ha solo 11 punti su 33. Solo La Gentoise fa peggio con 9 punti in 11 partite.

READ  Formula 1 | Gasly in Alpine F1, De Vries ad AlphaTauri nel 2023

Opinione dell'esperto: Della dovrebbe invidiare Rimmer e la sua morte per fame

Un risultato tutt'altro che promettente all'alba dei playoff… Dobbiamo ancora essere della partita. Cinque squadre sono a due punti da quattro posizioni. Ci sarà inevitabilmente qualcuno deluso. Per mettere tutte le probabilità a suo favore, il club dovrà unire le forze. A cominciare da mercoledì, difendendo il breve vantaggio maturato all'andata, ma anche domenica nella decisiva trasferta di Genk.

Se i Limburghesi, capaci sia del peggio che del meglio, apriranno le marcature, Deila spererà necessariamente che le sue forze non si ritirino così tanto come durante Topper. Mentre l'allenatore norvegese conferma di non aver chiesto ai suoi uomini di fare marcia indietro, la domanda sorge spontanea: è stata arroganza o una sorta di ammissione di debolezza? Ciononostante Della non ha esitato a puntare il dito contro la sua difesa, sottolineando specificatamente la sua squadra “Si ritrova sempre in una situazione in cui oscilla alla cieca in avanti.”.

Il problema della profondità e della qualità

Dovremo fare in modo di non subire più gol stupidamente alla fine della partita, come è successo contro il Kortrijk (3-3), l'Anversa (2-1), l'Union in Coppa (2-1) o addirittura l'Anderlecht. .

Poi arriva il momento di analizzare la pura qualità del chicco. L'assenza di Igor Thiago (che tornerà mercoledì dopo la squalifica) e di Philipp Zinkernagel ha avuto un impatto, ma Simon Mignolet non ha esitato a dichiarare che il Bruges non può contare su “game changer” come i Violet. L'opzione di non nominare un difensore centrale in inverno tormenta sempre più il gruppo. Joel Ordonez è chiaramente l'unica alternativa a Brandon Michel e Jorn Spillers, con Dedrick Boyata utilizzato solo come ultima risorsa da Deila.

READ  Coppa d'Africa 2022: Campioni d'Africa, l'Algeria è più forte di quanto non fosse nel 2019?

L'ex allenatore dello Standard ha anche ammesso che il club era in fase di ricostruzione dopo la crisi “La generazione d’oro che ha vinto tre titoli tra il 2019 e il 2022”. La partenza di Thiago è già confermata, il futuro di Antonio Nosa non è affatto chiaro, mentre Andreas Skov Olsen, dal canto suo, conta di lasciare il Belgio… Non che Deila abbia torto, ma questo processo continua a Venezia del nord e in ogni vertice. Il club appartiene al campionato professionistico. Senza dimenticare che quest'estate bisognerà ricostruire senza l'esperienza di Vincent Manert. Bob Maddow assumerà parte delle funzioni dell'amministratore delegato uscente. Resta da vedere chi assumerà le sue responsabilità sportive.