Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Canada nominerà l’astronauta che parteciperà alla missione lunare lunedì

Il Canada nominerà l’astronauta che parteciperà alla missione lunare lunedì

Marc Garneau, il primo canadese ad andare nello spazio, attende da tempo il giorno in cui il prossimo astronauta si unirà a lui nel gruppo di pionieri esploratori per il titolo onorifico di “Primo canadese”.

La sua attesa è quasi finita: in programma per il lancio già nel novembre 2024, Artemis II sarà la prima missione a portare gli astronauti in orbita lunare dall’ultima missione Apollo nel 1972. Sarà anche una prima canadese. Si avventurerà oltre l’orbita terrestre.

Chi sarà il fortunato? Il mondo lo scoprirà lunedì, quando la NASA e l’Agenzia spaziale canadese annunceranno i quattro astronauti – tre americani e un canadese – che prenderanno parte alla fase successiva di un ambizioso piano per stabilire una presenza a lungo termine sulla luna.

Il team di astronauti canadesi comprende attualmente quattro persone, tra cui David St. Jacques, un astrofisico e medico di Montreal e l’unico membro del gruppo che sia mai stato nello spazio.

Il signor Saint-Jacques, 53 anni, è volato alla Stazione Spaziale Internazionale nel 2018. È stato selezionato nel 2009 insieme all’ontario Jeremy Hansen, 47 anni, colonnello e pilota del CF-18 nella Royal Canadian Air Force.

Nel 2017, due albertini hanno ingrossato i ranghi del gruppo: il pilota collaudatore e tenente colonnello della Royal Canadian Air Force Joshua Cottrick, 41 anni, e Jennifer Sadie, 34 anni, ingegnere meccanico e docente all’Università di Cambridge.

Gli astronauti di Artemis orbiteranno attorno alla Terra prima di ascendere nello spazio per eseguire una manovra di otto uomini attorno alla Luna, rendendo il Canada e gli Stati Uniti gli unici due paesi ad aver visto il volto nascosto dalla Luna.

READ  Come Unreal Engine 5 ha rivoluzionato il settore

“Quando ricordo il 1984, quando ho viaggiato per la prima volta, non sapevamo cosa sarebbe potuto succedere dopo”, ricorda Marc Garneau. Avere il Canada ora avere l’opportunità di essere il secondo paese a inviare un astronauta in missione lunare è eccezionale.

Se possibile, tornerà in orbita “in un batter d’occhio”. “Avendo volato tre volte, mi considero fortunato oltre ogni ragionevole aspettativa nella vita”, dice l’ex astronauta e membro del Parlamento in pensione del Quebec – all’età di 74 anni ha finalmente rinunciato al suo posto alla Camera dei Comuni, quasi tre settimane fa .

La missione Artemis II è il risultato di un duro lavoro e di investimenti significativi, spiega Gordon Osinski, direttore dell’Institute for Earth and Space Exploration presso la Western University in Ontario. Ha trascorso la maggior parte della scorsa settimana a Houston, partecipando a simulazioni per capire meglio come viene svolto il lavoro geologico che i futuri astronauti dovranno svolgere sulla superficie lunare.

“Posso fare geologia sul campo sulla Terra con uno strumento che sembra uscito direttamente da Star Trek, che mi parla della chimica delle rocce. Non avremmo potuto immaginarlo nemmeno 50 anni fa”, gongola.

Poi ci sono i Canadarms, manipolatori remoti articolati che sono diventati un punto fermo delle missioni della Stazione Spaziale Internazionale e motivo di orgoglio nazionale per innumerevoli canadesi.

Gli Stati Uniti si sono fidati di noi abbastanza da “mettere nelle nostre mani la vita dei loro pionieri”, ha affermato il prof Osinski, osservando che questo è stato certamente un fattore nella decisione di prenotare un posto per il canadese.

La terza e ultima missione Artemis vedrà un uomo e una donna camminare sulla Luna nel 2025, aprendo la strada per raggiungere infine Marte.

READ  La scoperta di fossili nell'armadio della scorta spinge l'origine della moderna lucertola indietro di 35 milioni di anni

“Stiamo tornando sulla luna. La luna non è niente. Questo è il Canada che sta facendo grandi cose sulla scena mondiale”, ha dichiarato la scorsa settimana il ministro dell’Innovazione François-Philippe Champagne.

Dopotutto, questa potrebbe essere la più grande eredità di Artemis II per il Canada: ispirare la prossima generazione di astronauti, proprio come fece Apollo tanto tempo fa.

Ma questa volta, le foto del viaggio saranno fantastiche.