Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I vecchi modelli di telefoni BlackBerry hanno smesso di funzionare


Il pioniere canadese degli smartphone, il cui dispositivo di punta un tempo era ritenuto così essenziale e avvincente da far guadagnare ai suoi utenti il ​​soprannome di “crackberry”, sta voltando pagina.

Il brand canadese ha infatti deciso di interrompere l’aggiornamento del proprio OS, in quanto i dispositivi venduti erano equipaggiati fino al 2013.

La società ha annunciato sul proprio sito Web il mese scorso che “i sistemi precedenti BlackBerry OS 7.1 e versioni precedenti, il software BlackBerry 10 e BlackBerry Playbook OS 2.1 e versioni precedenti non saranno disponibili dopo il 4 gennaio 2022”.

BlackBerry ha spiegato che d’ora in poi “i dispositivi che utilizzano questi servizi e software legacy, tramite il loro provider o la loro connessione Wi-Fi, non funzioneranno in modo affidabile”.

Tuttavia, i dispositivi che utilizzano il sistema operativo Android di Google, incluso il BlackBerry KEY2 rilasciato nel 2018 e progettato dal gruppo cinese TCL, non saranno interessati da queste modifiche.

Questa decisione segna la fine dell’era dei telefoni cellulari, culminata alla fine degli anni 2000, periodo durante il quale i dispositivi BlackBerry hanno riscosso un enorme successo commerciale, soprattutto tra i professionisti.

L’ampia tastiera per un facile invio di e-mail, con digitazione a due pollici, combinata con lo stile semplice e ordinato dei dispositivi, è stata ben accolta da molti leader aziendali, celebrità e politici.

Attaccato a un BlackBerry, l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama era ansioso di tenerlo alla Casa Bianca dopo essere stato eletto nel 2008, costringendo la sua stretta guardia del corpo a creare un modello personalizzato per lui, ridotto alle funzioni essenziali per proteggere i suoi dati. .

READ  Stazione rotante per iMac e hub Thunderbolt 4 in Hyper

Sostituito da iPhone

Poi gli smartphone hanno sostituito i BlackBerry, a cominciare dall’iPhone, che è arrivato sul mercato nel 2009.

I tentativi di riavvio si sono conclusi con un relativo fallimento. La partnership con TCL non è stata rinnovata per KEY2, l’ultimo modello.

“Per i fanatici, è la fine di un’era. Il BlackBerry è stato il primo smartphone, quindi possiamo dire che non è solo la fine di un capitolo, ma la fine di un intero libro”, ha affermato Bruno Guglielminetti, un imprenditore con sede a Montreal. specialista in tecnologia.

Si parla spesso del mondo del lavoro, ma ha anche rivoluzionato in profondità la vita politica. Questo è stato l’inizio dell’immediatezza che preludeva al resto, con l’arrivo dei social network”, aggiunge.

Come Nokia, che un tempo era il più grande produttore di telefoni cellulari al mondo, Blackberry è stato scavalcato in un settore molto competitivo in cui devi adattarti rapidamente, ma stai cercando di reinventarti per diversi anni.

Dal 2013, l’azienda, con sede nel sud di Toronto, in Ontario, e precedentemente nota come Research in Motion, è passata alla produzione di software e servizi aziendali: sicurezza informatica e centralizzazione dei dati.

Nel terzo trimestre, conclusosi a fine novembre, l’ex leader tecnologico ha registrato un utile netto di 74 milioni di dollari, quasi dieci volte inferiore al picco del 2009.