Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Centre Pompidou Metz: Secondo il museo, una delle cinque opere contrassegnate è stata gravemente danneggiata

Centre Pompidou Metz: Secondo il museo, una delle cinque opere contrassegnate è stata gravemente danneggiata

Il pestaggio ha lasciato il segno. Una delle cinque opere segnalate lunedì al Centre Pompidou di Metz da due donne è stata gravemente danneggiata, ha riferito il dipartimento di comunicazione del museo. Oriente repubblicano Mercoledì.

“Aktionhose: Genitalpanik”, dell’artista austriaco Valle Export, non era protetto da un pannello di vetro, a differenza delle altre quattro opere prese di mira, tra cui il dipinto allegorico “L’origine del mondo” di Gustave Courbet.

Due donne, accusate, in particolare, di danneggiamento di beni culturali durante un incontro, sono entrate nella mostra “Lacan, Mostra”. “Quando l’arte incontra la psicoanalisi” a cura del Centro Culturale. Hanno inserito la frase “Me Too” su diverse opere, tra cui l’immagine di Vale Export, un gesto richiesto dall’artista franco-lussemburghese Deborah de Robertis.

Secondo il museo, un’opera d’arte di Annette Messager, del 1991, un ricamo rosso su tela intitolato “Penso, quindi sono cattivo”, è stata “vandalizzata e rubata”.

“L’indipendenza del lavoro artistico è stata distrutta”.

In dichiarazioneLunedì il centro ha indicato che “tutti i lavori sono attualmente sotto esame”. Mercoledì ha spiegato a Est Républicain che il quadro di Valie Export intitolato “Aktionhose: Genitalpanik” (“Movimento dei pantaloni: panico genitale”) era gravemente danneggiato dai segni. La foto in bianco e nero, in cui l’artista femminista si raffigurava con una pistola in mano, una giacca di pelle e pantaloni che rivelavano il suo genere, è stata scattata nel 1968, secondo l’account Instagram dell’artista. Ma è ancora troppo presto per dire se sia stato irrimediabilmente distrutto.

“Per scoprirlo bisogna rivolgersi a uno specialista nel restauro di opere d’arte. “Una cosa è certa, non era protetto e quindi contrassegnato”, ha detto al giornale il pubblico ministero Metz, Yves Badorc, aveva stimato infatti che una delle opere colpite “avrebbe potuto essere danneggiata dal punto di vista della sicurezza”, senza specificare quale, “perché non tutte erano protette, ma non è così”. Origine del mondoChe era protetto da un vetro.

READ  Jacques e Thomas Dutronic, con la gola ammanettata, evocano Françoise Hardy: "Ecco, non sta molto bene"

Da parte sua, Vale Export, il cui vero nome è Waltrude Lehner, ha criticato l’attacco al suo lavoro in un comunicato pubblicato online. “Ogni opera d’arte ha una propria lingua, che è la lingua che gli artisti danno alle loro opere d’arte. È una lingua indipendente, una lingua indipendente in cui non possiamo interferire senza il consenso dell’artista. “Se questo linguaggio indipendente viene violato attraverso l’intervento non autorizzato dell’artista, si autorizza un’ingerenza non autorizzata e si distrugge l’indipendenza dell’opera artistica. » Sulle pareti della gallery viene visualizzato un messaggio al posto della foto del designer.

L’artista Deborah De Robertis, fan dei movimenti violenti e talvolta controversi, si è descritta sul suo account Instagram come “l’organizzatrice esclusiva di questo spettacolo”. Ha indicato sulla rete sociale di aver inviato un messaggio a Valie Export lo stesso giorno dei segnali, chiedendole di “sostenere” la sua iniziativa. “Questo non è un insulto, considero il tuo lavoro molto stimolante, ma si tratta di chiederti un posto come artista nel movimento Me Too”, ha sottolineato.

“Spero che prenderete almeno in considerazione la possibilità di lasciare l’opera d’arte in questa forma, come una collaborazione tra noi”, ha scritto, giustificando il gesto come un segno di protesta contro il “comportamento del curatore” e “l’abuso”. “Potere quando ero un giovane artista.”

L’artista quarantenne, che ha anche esposto una sua foto nella mostra del museo, ha anche affermato di aver “riposseduto” il ricamo perduto di Annette Messager, di cui ha condiviso una foto. L’opera proviene dalla collezione personale del critico d’arte, che è anche curatore della mostra, e che lei accusa di averle preteso “molti pompini”, “come se questo fosse dovuto a lui”, quando aveva 26 anni , ha spiegato all’AFP.

READ  Meghan Markle sospesa: l'ex attrice imita le sue interviste ai podcast di Spotify

In un comunicato stampa pubblicato mercoledì, l’artista ha ancora una volta giustificato il suo gesto: “Perché (opera rubata) “Simboleggia tutto ciò che mi ha rubato.” Ha anche scritto: “Ho una differenza di età di 35 anni” con questo curatore e “Sono schiacciata dal suo potere”.

Ha affermato più in generale che la “performance” mira a “denunciare l’abuso di potere e la violenza sessuale che è stata diffusa per decenni nel mondo dell’arte” e “porre fine a questo dominio”. L’artista ha inoltre confermato nelle sue precedenti pubblicazioni che “da allora le opere non sono state più vandalizzate o distorte”. colore Cancella in un secondo e senza danni.

Danni ad altri tavoli

Per quanto riguarda le altre quattro opere segnalate, che sono dipinti protetti da un pannello di vetro, non sono state risparmiate. Alcuni di essi hanno anche subito danni, soprattutto a livello di pneumatici, come nel caso dell'”Origine del mondo” prestata dal museo d’Orsay di Parigi, secondo il quotidiano L’Est Républicain, che precisa che nulla è stato ancora segnalato in merito alla gravità dei possibili danni. Né sul costo finanziario delle riparazioni, poiché il museo ritiene che “non sia ancora giunto il momento” di esprimere la propria opinione su questo tema.

Ma il pubblico ministero di Metz, Yves Badorc, stima al quotidiano regionale che l’apertura di un’inchiesta giudiziaria soprattutto sui “danni o deterioramento dei beni culturali durante una riunione” “permetterà di stimare i danni”.

La direttrice del Centre Pompidou Metz, Chiara Parisi, in un comunicato stampa di lunedì ha condannato gli “atti di vandalismo” contro le opere. Ha detto: “Con tutto il rispetto che abbiamo per i movimenti femministi, siamo scioccati quando vediamo le opere degli artisti, in particolare delle artiste femministe, al centro delle lotte della storia dell’arte, essere vandalizzate”.

READ  YouTubeur Squeezie non ha ancora preso l'insulto e mette uno strato su Thierry Ardisson: "Mi fa impazzire"