Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I rivenditori di diamanti pagano molto meno tasse del previsto | Economia

La “tassa sui carati”, il regime fiscale speciale introdotto nel 2017 per il settore dei diamanti, rende molto meno di quanto il governo federale si aspettasse all’epoca, hanno riferito venerdì De Tijd e L’Echo, citando il primo rapporto di accertamento di questa tassa.

Per l’anno fiscale 2020, i circa 1.200 commercianti di diamanti del paese hanno pagato 28 milioni di euro di tasse, meno della metà dei 70 milioni annuali su cui contava il governo di Michel.

minori entrate fiscali

Durante i primi anni, il sistema speciale ha compiuto la sua missione. Per gli anni d’imposta 2017 e 2018, la carat tax ha portato rispettivamente 79,8 e 99 milioni di euro, importi molto superiori ai 27,7 e 29,1 milioni incassati nel 2015 e 2016, quando i commercianti di diamanti erano tassati come le altre attività. Ma anche prima della crisi del coronavirus, le entrate fiscali sono scese rispettivamente a 36,1 e 28 milioni di euro nel 2019 e nel 2020.

Secondo il rapporto, questo crollo delle entrate fiscali è dovuto principalmente al fallimento di un gruppo di società dopo il 2018. Questi commercianti di diamanti hanno, infatti, pagato 55 dei 99 milioni di euro di tasse pagate nel 2018. Dall’introduzione del carat tax, il numero di società di diamanti è diminuito tassabile in Belgio da 1445 nel 2017 a 1220 nel 2020.