Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Metà Ue sarà in recessione nel 2023, secondo il Fmi: qual è l’impatto?

Metà dell’Unione europea sarà in recessione nel 2023, secondo il Fondo monetario internazionale. Le tre maggiori economie del mondo: Stati Uniti, Cina e Unione Europea stanno rallentando insieme.

Il capo del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha dichiarato in un’intervista al canale americano CBS che metà dei paesi dell’Unione europea sarà in recessione il prossimo anno. La stagnazione è spesso un fenomeno malvagio. Poiché le famiglie devono pagare bollette esorbitanti, ad esempio, consumano meno in generale, rallentando l’economia. Di conseguenza, spesso ci troviamo con posti di lavoro persi, e quindi famiglie povere, che consumano meno, e così via. Insomma, il ciclo si ingrossa.

Era l’Unione Europea “Sono stato profondamente colpito dalla guerra in Ucraina”

Kristalina Georgieva ha anche avvertito che l’economia globale sarà in difficoltà dopo il 2022. Prevediamo che un terzo dell’economia globale sarà in recessione.Lei disse. La signora Georgieva ha spiegato durante l’intervista con il programma, “Affronta la nazioneDalla CBS, questoLe tre maggiori economie – Stati Uniti, Unione Europea e Cina – stanno rallentando tutte insieme“.

Lo scorso ottobre, il Fondo monetario internazionale ha avvertito che un terzo dell’economia globale si sarebbe ridotto e che c’era una probabilità del 25% di una crescita del PIL globale inferiore al 2% entro il 2023, che il FMI considera una recessione globale. Il capo del Fondo monetario internazionale dipinge un quadro diverso delle maggiori economie. “Mentre gli Stati Uniti potrebbero essere in grado di evitare una recessione”era l’Unione Europea “Sono stato profondamente colpito dalla guerra in Ucraina”.


Di conseguenza, prevedi che metà dell’Unione europea sarà in recessione quest’anno. Allo stesso tempo, la Cina sta attraversando un “anno difficile”. “Ciò si traduce in tendenze negative in tutto il mondo. E quando guardiamo ai mercati emergenti nel mondo in via di sviluppo, la situazione è anche peggiore”.disse la signora Georgieva.

READ  Internet mobile: l'IPBT incontra fin à l'utilizzo abusivo delle terme «illimitato»

Spera che gli Stati Uniti possano alleviare la situazione. “Se il mercato del lavoro americano rimane resiliente, gli Stati Uniti possono aiutare il mondo in un anno molto difficile”.