Aprile 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I nostri accenti belgi scompariranno?

I nostri accenti belgi scompariranno?

L’attuale densità di connessioni contribuisce alla standardizzazione dei dialetti belgi, osserva Klinkenberg (ULiège). ma se la diversità di questi tende a scomparire, le stesse caratteristiche belghe rimangono e ci distinguono ancora dai dialetti della Francia.

Intervista a Jean-Marie Klinkenberg, linguista dell’Università di Liegi:

In una piccola area come il Belgio, come si spiega l’esistenza di così tanti dialetti diversi?

Nel Belgio francofono esistono dialetti valloni e di Bruxelles. Nel sud del paese, tutti i dialetti provengono dalla stessa famiglia, la famiglia oïl. Questa famiglia combina i dialetti romani che si trovano in Francia, in particolare nella Loira settentrionale. A Bruxelles, i dialetti vicini sono della famiglia germanica. Per illustrare ciò, troviamo i dialetti vallone e picar in Vallonia e i dialetti germanici nella capitale.

Come sono apparsi questi dialetti? Tecnicamente, questo è ciò che si chiama un “substrato”: la lingua francese si deposita come un secondo strato sopra il primo strato già esistente, il dialetto. Oggi i dialetti sono meno presenti nella vita pubblica, e quindi sono le caratteristiche fonetiche dei dialetti che sono state trasferite al francese. Questo spiega la differenza non solo dialettale ma anche lessicale tra i valloni ei brussellesi.

Chi sono i giovani che non vogliono più figli?

Questa diversità nei dialetti belgi sta scomparendo?

Sì, questa varietà tende a scomparire. All’inizio della mia carriera di insegnante all’università, potevo dire da quale parte del paese provenivano i miei studenti in base al loro dialetto. Oggi le differenze tra i nostri dialetti belgi sono molto meno pronunciate. Ciò è dovuto principalmente all’intensità della comunicazione: all’aumentare dell’intensità della comunicazione, la diversità tende a scomparire, sia che si tratti di dialetti o di vocabolario. Ovviamente sto puntando qui alla comunicazione in senso lato: la comunicazione orale, ciò che ascoltiamo alla radio, ciò che guardiamo alla TV francese, l’iperconnettività o la mobilità geografica, il fatto che le persone abbiano più capacità di viaggiare, di essere mobili . Tutto ciò contribuisce alla standardizzazione dei dialetti belgi.

Ma manteniamo ancora differenze con gli accenti della Francia?

Sì, naturalmente. Se c’è una qualche forma di uniformità attorno allo standard vallone o allo standard di Bruxelles (che non è proprio francese), ciò non significa che non ci siano più caratteristiche belghe che ci distinguono dalla Francia. Sentiamo ancora la differenza tra un parigino e un belga. Un esempio tra gli altri: pronunciare “uno”. Nella sua canzone “Les Deux Oncles”, Georges Brassens fa rima: “Che abbiamo ravvivato, nel cielo di Verdun, le stelle sbiadite del maresciallo Pétain. Fa rime “Verdun” e “Bétain”. Per noi belgi questa non è una filastrocca, ‘un’ e ‘ain’ sono completamente diversi. In Francia questa opposizione è scomparsa. In Belgio riserviamo anche alcune lunghezze come “Cucino la pasta”, e la lettera “a” è più lunga che se dici “Il mio gatto ha quattro zampe”. A Parigi, non vedrai alcuna differenza nella vocalizzazione tra la pasta che stai cucinando e le zampe del tuo gatto.

READ  Un ruolo chiave per la salute del futuro dell'infermiere del Canton Vaud - rts.ch

Stiamo censurando la bandiera per proteggere le minoranze?

Cosa succederà al nostro accento belga dopo trent’anni?

È difficile dire come si svilupperanno le cose nei prossimi anni, ma bisogna sempre tenere presente che ci sono due tipi di forze: le forze unificanti che ho rivelato sopra e le forze diversificatrici. Tra questi ultimi c’è questo: più il mondo diventa unificato, più il mondo diventa globale, più peso abbiamo per ciò che ci distingue. È un meccanismo psicologico abbastanza noto, dobbiamo dimostrare di essere diversi. C’è una tendenza a compensare gli effetti della globalizzazione evidenziando le idiosincrasie, come il folklore. In altre parole, ci saranno sempre segni di differenza e non ci sarà mai una vera scomparsa dell’accento belga.

“Le persone cercano di rimuovere le differenze salienti nel dialetto ma non vogliono che siano tutte uguali”.

Per il signor Hambye (UCLouvain), è molto difficile prevedere cosa accadrà ai dialetti belgi tra cinquant’anni poiché, come afferma, la lingua seguirà gli sviluppi sociali. Mentre le persone vogliono rimanere diverse l’una dall’altra, le persone si sforzano di non sottolineare.

Intervista a Philip Hamby, professore di sociolinguistica all’UCLouvain:

In una piccola area come il Belgio, come si spiega l’esistenza di così tanti dialetti diversi?

C’è un principio di base da tenere a mente: se c’è una diversità di dialetti in un paese, allora c’è una varietà di società. Se il tuo vicino non ha il tuo stesso accento, è perché non fa parte del tuo gruppo, o perché vive dall’altra parte del fiume e non c’è il ponte o perché vive dall’altra parte della politica confine.

READ  33,6 milioni di euro in aiuti sanitari

Un terrorista dovrebbe essere rilasciato per salvare Olivier Vandecastel?

Storicamente, questa domanda nasce dalla presenza o meno di un potere centrale. In paesi come l’Inghilterra o l’Italia, ad esempio, c’è una tradizione di relativa autonomia regionale con scarso potere centrale. Ciò mantiene le comunità frammentate e autonome. Da questo punto di vista, il Belgio romano ei Valloni belgi non fanno eccezione. Al contrario, in Francia – e soprattutto al nord – c’è una cultura e una tradizione molto centralizzate. Molto presto e con vigore nella sua storia, la Francia ha voluto unire, abbattere i confini territoriali, le barriere tra le sottocomunità… a cui si devono aggiungere i movimenti di popolazione verso Parigi, che hanno avuto l’effetto di distruggere le abitudini del piccole comunità che vivevano isolate le une dalle altre. Poiché il nostro accento ci viene da persone che imitiamo, i parlanti di questa tradizione del francese centrale si muoveranno e ameranno parlare come se fossero a Parigi. Nel Belgio romano l’ansia era meno forte fino a un certo momento.

Questa diversità dei dialetti belgi associata alla diversità delle nostre società, come dici tu, sta scomparendo?

Sì, questa varietà tende a diminuire nel tempo ma non scompare. Abbiamo visto emergere in Belgio una forma di co-dialetti che, di fatto, coincide con l’enfasi delle regioni e delle comunità nel nostro Paese. Siamo passati dalla caccia al belga negli anni ’70, dove dovevamo rifiutare tutto ciò che era specificamente belga, ai discorsi sugli anni ’80 e ’90 che diventavano indulgenti, poi gratificanti, riguardo alla “diversità” della lingua francese. Ciò ha permesso alle élite – che prima avevano ritenuto necessario parlare come in Francia per mostrare chiaramente che erano élite – pensare di parlare come i belgi, a patto che non fosse troppo bello e che non lo fosse. Associato a un background comune, era accettabile.

READ  spazio. Il carro della perseveranza trovò un amico su Marte

Invece di guardare tutti allo stesso posto e convergere su un unico paradigma (standardizzazione), le persone si sforzano di non essere troppo diverse l’una dall’altra. Questo si chiama “livellamento”: le persone cercano di rimuovere le differenze salienti di accento ma non vogliono che siano tutte uguali.

L’odio per il giornalista è antico quanto l’esistenza della professione.

Sotto quali effetti si è verificato questo fenomeno di assestamento degli accenti?

Entrano in gioco due fattori che rispondono alle seguenti due domande: le persone hanno interesse ad avere lo stesso aspetto o, comunque, a non connotare molto? Hanno mezzi maggiori o minori per soddisfare questo desiderio di differenziarsi? Al giorno d’oggi, ci sono sempre più persone per le quali è importante parlare bene, e questo significa non avere un accento così grande come quello dei loro nonni. D’altra parte, le possibilità di convergenza verso questi modelli più standardizzati stanno aumentando perché c’è più mobilità geografica, più contatti attraverso i media, ecc.

Questo processo di livellamento potrebbe trasformarsi in una pura e semplice scomparsa degli accenti belgi?

Non possiamo prevedere cosa accadrà. Ma facciamo un po’ di fantasia: immaginate che domani assisteremo alla divisione del Belgio. La Vallonia diventa uno stato indipendente, Bruxelles diventa indipendente, quindi ci sarà una più forte affermazione regionale. Inoltre, la guerra scoppia e porta a grandi movimenti di popolazione. Si può immaginare che ciò accentuerebbe il processo di insediamento, almeno sulla scala del Belgio francofono.

Ma si potrebbe verificare il fenomeno esattamente opposto con l’avvento di una federazione europea, un’altra illusione dell’immaginazione. Come reazione all’autoaffermazione dell’identità europea, emergerà il fenomeno della compensazione che porterà all’affermazione del folklore a livello locale e regionale. Come se più in alto si sale da una parte, più in basso si scende dall’altra parte per compensare. Per intenderci, poiché la lingua segue gli sviluppi sociali, è molto difficile prevedere cosa ne sarà dei dialetti belgi tra trenta o cinquant’anni.