Maggio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I mutui ipotecari incidono sempre di più sui bilanci familiari: ecco alcuni accorgimenti per mitigarlo

I mutui ipotecari incidono sempre di più sui bilanci familiari: ecco alcuni accorgimenti per mitigarlo

Il numero di nuovi mutui concessi in Belgio è fortemente diminuito a febbraio. Cosa fa affondare il mercato immobiliare? Cosa puoi fare affinché questo prestito non diventi un pesante fardello per il tuo budget? I potenziali acquirenti hanno molte domande. Ecco alcune risposte.

1. Gli alti tassi ipotecari finiranno presto?

L’aumento dei tassi di interesse sui mutui per la casa è stato sbalorditivo negli ultimi mesi. Così facendo, sono passati da una media dell’1,38% di inizio 2022 al 3,38% di fine anno per un prestito a tasso fisso a 20 anni con una quota dell’80%, come misurato dallo specialista Immotheker Finotheker. Nel corso di un anno, la rata mensile del prestito di 250.000 euro è aumentata di 236 euro al mese. L’elenco è pesante se trasliviamo questo aumento sull’intera durata del prestito, poiché, in questo stesso esempio, dovrebbero essere pagati 56.675 euro di interessi aggiuntivi, secondo il consulente.

Immobiliare: la ‘scommessa rischiosa’ per alcuni proprietari belgi

Ma la marea potrebbe cambiare. Il relativo rallentamento dell’inflazione e, soprattutto, le turbolenze bancarie potrebbero indurre la Banca Centrale Europea (BCE) ad allentare la pressione sui tassi di interesse. Sulla Terra, i sensitivi stanno già sperimentando una stabilizzazione o addirittura un declino. “L’aumento si è attenuato da metà febbraiospiega Pascal Duwinter, direttore del rischio operativo presso Midfinances. E per la prima volta da molto tempo, la scorsa settimana abbiamo persino assistito a un forte calo dei prezzi: sono scesi dal 3,86% in 25 anni per il 90% della proprietà, al 3,5%. I prestatori hanno soldi e stanno in qualche modo tagliando i loro margini. Per Eric Verlinden, ex amministratore delegato della rete di agenzie immobiliari Trevi, questa tendenza continuerà. “Le banche, con le quali comunichiamo regolarmente, ci dicono che vedono un calo dei tassi di interesse dalla seconda metà del 2023”.lui discute.

Scala dei tassi ipotecari © IPM Graphics

2. Il mercato immobiliare non si piega

Questi tassi elevati scoraggiano i prestiti. Di conseguenza, a febbraio il numero di nuovi mutui emessi in Belgio è fortemente diminuito. Cosa fa affondare il mercato immobiliare? No, rassicura la Banca nazionale. “Non ci aspettiamo un crollo dei prezzi delle case, ci aspettiamo un rallentamento della crescita dei prezzi”.spiega l’istituzione. Infatti, secondo gli specialisti, il mercato “stabilizzatore “, Dopo un periodo di euforia durante il covid e subito dopo la pandemia. “Con noi, non vediamo davvero un rallentamento, perché stiamo cercando di attenerci il più possibile alla realtà del mercato.nota di Eric Verlinden. Potrebbe esserci meno credito, ma i soldi continuano a uscire, sia attraverso i risparmi che con i fondi familiari”. Secondo il nostro interlocutore, il mercato è ancora una volta “Ragionevole, come lo era nel 2018-2019”.

READ  Fibra ottica in Belgio: perché accelera la sua diffusione?

In quali comuni i prezzi delle case nuove sono aumentati di più?

Non siamo più in questo periodo di sopravvalutazione e sovreccitazione che ha portato a fare offerte eccessiveinsiste M. Verlinden. L’equilibrio è tornato: gli immobili che non corrispondono al valore di mercato non vengono più venduti.

3. Acquisti meno urgenti

Anche il comportamento dei potenziali acquirenti è cambiato. Questi ultimi si rendono conto di avere ora un certo margine di negoziazione con i venditori, in particolare gli immobili sopravvalutati. I potenziali acquirenti si prendono il tempo, moltiplicano le loro visite e si istruiscono per capire veramente i prezzi. “ Le persone non si lasciano ingannare, comprano e basta.Quest M. Verlinden.

Costruire o ristrutturare per risparmiare energia è ovvio per i belgi, soprattutto per i giovani

E in modo meno frettoloso. “Le merci che mettiamo in vendita ora partono, in media, dopo 15 giorni e un mese, mentre un anno fa lo erano a volte dopo un giorno. è stato anormalmente veloce.. Secondo l’uomo che è diventato co-CEO della società di investimenti immobiliari Goddard Lloyd, se la situazione economica complessiva rimane la stessa, “Non eccezionale ma evitate la stagnazione”il mercato immobiliare aumenterà dal 2 al 2,5% nel 2023”.C’è una crescita particolarmente forte in termini di terra.Monitoraggio M. Verlinden. “Riteniamo che i nuovi acquirenti aspettino un po’ prima di intraprendere lavori non urgenti, come ad esempio un terrazzo”.Pascal DeWinter osserva da parte sua.

4. Pagamenti sempre più pesanti

Ovviamente, questi tassi più elevati hanno un impatto diretto sul portafoglio della famiglia che ottiene un mutuo. Anche tenendo conto dell’ancoraggio salariale automatico, secondo i dati della Banca nazionale (BNB) in tre anni l’onere del pagamento mensile è aumentato notevolmente. Poco prima dell’inizio del Covid, a fine 2019, una famiglia che acquistava una casa a prezzo medio – finanziando l’80% dell’importo di acquisto con un mutuo fisso di 20 anni – prendeva in prestito in media 1.014 euro al mese, che rappresentavano il 23,4% del il loro reddito netto medio disponibile. Con l’aumento dei tassi di interesse, nel terzo trimestre del 2022, questa commissione di rimborso mensile è salita a 1.302 euro per un nuovo prestito, pari al 27,1% rispetto al reddito medio disponibile netto.

READ  Bitcoin crolla improvvisamente, l'ondata di freddo travolge i mercati

5. Cosa fai per ridurre i tuoi pagamenti mensili?

Cosa fare per non soffocare con questo prestito? “Il modo principale per ridurre l’impatto sulla capacità di rimborso dei nuovi mutuatari è quello di estendere la durata dei prestiti.spiega BNB, sanni purché il periodo di credito di 25 anni – o più – non diventi lo standard per il futuro.

L’istituto di controllo “sui fatti” Che dal 2022 le banche hanno esteso la durata (scadenza) dei nuovi mutui. Per il resto, la Banca nazionale, che segue questi sviluppi.avvicinamento”, Pensa che non ci sia motivoIn questa fase” Facilitare le condizioni per la concessione del credito. “Il margine di manovra – relativamente ampio – lasciato alle banche per continuare a concedere prestiti di valore permanente più elevato (soprattutto ai nuovi acquirenti) non è completamente utilizzato dalle banche”.

Si noti inoltre che alcuni istituti di credito applicano tagli “economici” alle tariffe quando il certificato PEB della proprietà è un A o B (o talvolta un C). Per tenere il passo con questi tassi elevati, sono emersi anche nuovi prodotti, come i prestiti a 20 o 25 anni, con pagamenti mensili che cambiano gradualmente ogni 5 anni. La prima rata mensile corrisponde, diciamo, all’80% o all’85% della tradizionale rata mensile.