Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I lavoratori belgi sono pronti per questo?

I lavoratori belgi sono pronti per questo?

Per te gli uffici di LinkedIn, Dropbox o anche Netflix sembrano enormi spazi aperti con scrivanie modulari, con tavoli da ping-pong nella caffetteria e “camere da letto” su tutti i piani? Situata nel cuore degli Stati Uniti, la Silicon Valley sogna non solo per la sua architettura innovativa progettata per migliorare il benessere dei suoi dipendenti, ma anche per le sue idee futuristiche. Tra questi c'è il concetto di “vacanza illimitata”. Un modello che fatica ad affermarsi qui. Anche i belgi sarebbero particolarmente riluttanti ad accettare questa idea. Ma perché, dietro questo nome da sogno, questa nuova organizzazione del lavoro lascia le persone così scettiche?

Uno studio ha dimostrato che quasi la metà dei belgi si annoia al lavoro:

Partiamo dove vogliamo e quando vogliamo?

Se ti chiedessero di prenderti tutti i giorni di ferie che desideri, cosa diresti? A questa domanda, che potrebbe sembrare retorica, molti rispondono “no”. Ma l’idea nata negli Stati Uniti ha lentamente messo radici in Francia, dove sempre più aziende si presentano come “liberatrici”. È auspicata la completa autonomia dei dipendenti nella gestione della pianificazione e dei rapporti con i clienti. Le risorse umane sono poste al centro del sistema e la gerarchia è costruita nel modo più orizzontale possibile. Ciò include in particolare le ferie prese in conformità con i desideri e l'organizzazione di ciascun dipendente. il sogno ? Sì e no.

Sì, perché non siamo tutti uguali in ogni periodo dell’anno. A volte ci troviamo ad affrontare eventi complessi che possono avere un impatto diretto sulla nostra produttività e sui nostri risultati. Da qui la necessità di ristabilire l’equilibrio tra vita privata e professionale. In questo contesto, se avessimo “vacanze illimitate”, potremmo fare un passo indietro e ricominciare da capo. Logica che gioca anche un ruolo di maggiore flessibilità per quanto riguarda gli orari di lavoro. Le aziende permettono a chi lo desidera di lavorare di più al mattino, durante il giorno o la sera, quindi perché non di notte, se è quello che gli conviene. Un modo per valorizzare le performance dei propri dipendenti, ma anche e soprattutto per instaurare una cultura di fiducia e trasparenza. Si ricorda che in Belgio i lavoratori a tempo pieno beneficiano generalmente di quattro settimane di ferie all’anno. Tuttavia, il calcolo del numero dei giorni di ferie e delle ferie retribuite è diverso per operai, impiegati, tirocinanti, artisti e dipendenti pubblici.

READ  Il declino della matematica, il declino di diverse discipline e i danni del Covid... Ecco i risultati della nuova indagine di Pisa

In alcune circostanze

Per garantire una corretta regolamentazione di queste “vacanze illimitate”, le aziende generalmente stabiliscono diverse regole. Il primo: il congedo che prendi non impedisce ad altri di prenderlo. Non è necessario che tu abbia un progetto particolarmente importante o stressante. Infine, esiste un certo “diritto alla considerazione” che deve essere rispettato. Ciò significa che se parti per tre giorni devi dare un preavviso di tre giorni, due settimane se parti per due settimane e così via. E i ribelli? “Dobbiamo smettere di gestire quel 3% che frena la maggioranza. Infatti, spesso mettiamo in atto misure per impedire ai dipendenti (3% in media) di abusare del sistema. Questo dimentica che il 97% delle persone è onesto! “lui spiega benvenuto nella giungla.

Allora perché così tante persone fanno termica?

Molti esperti parlano di “una buona idea sulla carta” o addirittura di “puro marketing”. Secondo Jeffrey James, redattore capo della rivista online di Inc.com: “Potresti sognare di prenderti un mese libero, ma probabilmente non avrai il coraggio di farlo.”. Alcuni psicologi professionisti vedono questo come un trasferimento dannoso di responsabilità ai dipendenti e una fonte di tensione tra i colleghi. Ci sono anche alcune restrizioni legali. Sebbene in Belgio la quantità massima di lavoro non possa superare legalmente le 8 ore, come puoi ridurre tutto il tuo lavoro nel corso di un anno a, diciamo, otto o sei mesi?

Il belga, che è molto umile, per lo più resiste a questa idea. Solo il 21% dei dipendenti intervistati lo prenderebbe in considerazione. Il 36% non direbbe no a ulteriori ferie e il 36% è soddisfatto della situazione attuale. Se i belgi sono i meno convinti, insieme agli irlandesi, i risultati dello studio mostrano che solo il 48% dei lavoratori europei è interessato alle “ferie illimitate”. per colpa di ? I lavoratori sono generalmente soddisfatti del numero di giorni di ferie di cui dispongono. Ma anche il fattore psicologico può giocare un ruolo. Il lavoro, fonte di realizzazione e sviluppo personale, permette di organizzare la propria vita quotidiana e di avvicinarsi agli altri.

READ  Previsioni preoccupanti mettono sotto pressione la fine dell'anno

Non perdere nessuna notizia sullo stile di vita sosoir.lesoir.be Iscriviti ora alle nostre newsletter tematiche Cliccando qui.