Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Olivier Vandecastele lancia la piattaforma “Protect Humanitarian Workers” per “proteggere le persone che proteggono”

Olivier Vandecastele lancia la piattaforma “Protect Humanitarian Workers” per “proteggere le persone che proteggono”

Lanciando il progetto Tutela degli operatori umanitariOggi Olivier Vandecastelle vuole creare una piattaforma di sostegno per i colleghi vittime di incidenti che spesso sfuggono al radar dei media. E per una buona ragione, dato che queste questioni riguardano nella stragrande maggioranza dei lavoratori locali (94%). tutto il giorno”Ricostruzione”, Anche lui venne catturato per la prima volta La Libre BelgioIn questo progetto, sostenuto dalla Fondazione Re Baldovino (FRB), Olivier Vandecastelli ritrova…“Energia per andare avanti.” Vede questa iniziativa come un modo per superare la sua esperienza personale in…vittima” E basato su“Fai qualcosa di utile collettivamente”.. che ““È importante non sentirsi soli in questi momenti.”Si ritiene che all’epoca questa professione diventasse “Sempre più difficile.”

Perché gli aiuti umanitari sono sempre più esposti alla violenza, come mostrano le statistiche?

Innanzitutto, il numero dei contesti di crisi umanitaria è in aumento. Ciò è anche legato al fatto che le soluzioni diplomatiche a volte sembrano irraggiungibili. Perché prima che si possa trovare una soluzione a lungo termine, le persone si impegnano in azioni umanitarie per salvare vite umane e ridurre la sofferenza delle popolazioni vulnerabili. Assistiamo quindi all’erosione del diritto internazionale umanitario, che a volte viene addirittura deriso. Penso che lo spazio di discussione sia sempre più ristretto a livello diplomatico o tra i belligeranti. Lo stesso fenomeno può essere osservato a livello umano, con la crescente complessità dello spazio di lavoro.

Tranne che in situazioni di conflitto, il diritto internazionale rimane poco chiaro per quanto riguarda la protezione degli operatori umanitari…

In effetti, questo è molto chiaro nel caso di un conflitto armato. Le Convenzioni di Ginevra hanno avuto una meravigliosa intuizione per i movimenti umanitari. A quel tempo era chiamato il principio dell’umanità. È l'idea che una vita può rappresentare la vita di altre, che i nostri destini sono legati e quindi dobbiamo trovare un modo per alleviare la sofferenza. Pertanto, attori neutrali e imparziali che forniscono il primo soccorso possono intervenire in questo campo umanitario. Le Convenzioni di Ginevra dicono molto chiaramente che gli stati e le parti in conflitto non solo devono rispettarlo, ma devono lavorare per attuarlo. È un obbligo legale. Nello Statuto della Corte penale internazionale, un attacco intenzionale contro un attore umanitario è classificato come crimine di guerra. Ma spesso c'è una distorsione tra i testi e la realtà.

READ  Riuscirà Hamas a sferrare attacchi in Europa, come sostiene Israele? “Ciò è improbabile, ma la minaccia potrebbe assumere un’altra forma”.

Molti altri incidenti si verificano in altri contesti. La vostra iniziativa è prevalentemente in questo ambito?

Il progetto mira a trovare soluzioni molto concrete, come l’apertura di un fondo di emergenza, per fornire un sostegno tangibile alle vittime di incidenti umanitari, la maggior parte delle quali sono residenti locali. Sono soprattutto coloro che vengono feriti, uccisi o rapiti, mentre vogliono salvare vite umane o aiutare la popolazione. Queste persone si impegnano in attività umanitarie per la loro comunità e non necessariamente beneficiano della copertura mediatica. L’ambizione del progetto è quella di portare competenze per discutere questioni come la salute mentale, in particolare post-trauma, e il sostegno agli operatori umanitari feriti o alle famiglie in lutto. L'idea è che ogni persona che subisce un incidente nell'ambito del proprio impegno debba potersi sentire parte della comunità.

La famiglia di Olivier Vandecastelle esprime il suo sollievo e il suo ringraziamento

Prevedete la creazione di una struttura centrale che invierà competenze caso per caso o si tratta di avere punti di riferimento locali?

Si tratta piuttosto di creare una piattaforma per condividere esperienze e risorse quando si verifica un incidente. Lo scopo del Fondo di emergenza è proprio quello di fornire i mezzi finanziari per aiutare e sostenere le persone a livello tecnico, legale, medico e psicologico. L’obiettivo è proteggere le persone che proteggono. Perché finché non avremo questo, l’impunità degli aggressori sarà quasi totale.

Pensi che una tale piattaforma potrebbe scoraggiare azioni ostili contro gli operatori umanitari?

Amnesty International scoraggia alcuni paesi dall'effettuare esecuzioni capitali? Reporter Senza Frontiere mette al bando un numero record di giornalisti uccisi in determinati conflitti? Tuttavia, ci permette di parlarne e di incontrarci. Poiché il secondo obiettivo è l’advocacy, è rendere visibile il problema. Prendiamo ispirazione da ciò che stanno facendo altri settori. Questo cambierà la situazione? Non fingo di credere che le cose cambieranno da un giorno all'altro. D’altro canto, non farlo favorisce l’impunità. La mia convinzione è che possiamo fare meglio sostenendo le piccole strutture. Pertanto, la sensazione della vittima di far parte di un gruppo ha un effetto terapeutico.

READ  'Non mi sarei mai aspettato una cosa del genere'

In che modo la tua esperienza di detenuto ha influenzato questo progetto?

Prima del mio incidente ho avuto la responsabilità di capo missione in almeno due contesti in cui dovevo gestire eventi. Nel Mali e altrove. I collaboratori nazionali sono rimasti feriti e la difficoltà è stata quella di ottenere informazioni concrete e verificate e di far fronte alle preoccupazioni della famiglia. Questo mi ha davvero reso consapevole di questo problema di salute mentale. Il fatto che dobbiamo fare di più per i nostri colleghi locali di quanto facciamo noi è fondamentale. Poi, da un giorno all'altro, diventi tu stesso una vittima. Ciò ha rafforzato questa volontà. Penso che sia importante andare verso questo principio umanitario, verso le persone che soffrono, per fornire loro assistenza. Il momento in cui ho capito che c’era un’opportunità per crearlo è stato nel contesto della detenzione. Praticamente ero solo. Mi ha tenuto occupato. Mi ha anche dato la forza, ad un certo punto, di dire a me stesso che potrebbe esserci un progetto che avrei intrapreso quando me ne sarei andato.

Il Fondo “Protezione dei Lavoratori Umanitari” è aperto a donazioni (da parte di individui, organizzazioni e aziende), sia tramite Internet Oppure tramite conto FRB BE10 0000 0000 0404 (menzionando “240410 – Fonds Protect Humanities”).