Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I giovani della Georgia scendono in piazza “per non diventare Russia”

I giovani della Georgia scendono in piazza “per non diventare Russia”

Quasi un migliaio di manifestanti, per la maggior parte giovani, si erano ancora radunati lunedì 13 maggio davanti al parlamento georgiano. Questo paese caucasico è arrabbiato per le massicce marce contro la legge sull’“influenza straniera”, accusata di deviare Tbilisi dal suo percorso europeo e di trascinarla verso Mosca.

Il testo deve affrontare aspre critiche da parte degli Stati Uniti e dell’Unione Europea, per la quale la Georgia, ex repubblica sovietica, ha lo status di candidato. Ha anche scatenato enormi raduni di oppositori, alcuni dei quali sono stati repressi.

Il partito al governo Sogno georgiano intende spingerlo al voto parlamentare martedì, nonostante le polemiche, dopo che i parlamentari lo hanno approvato lunedì in commissione giuridica. I suoi oppositori, che protestano dall’inizio di aprile, l’hanno chiamata “legge russa” perché imita la legislazione utilizzata dal Cremlino per sopprimere le voci dissenzienti.

Il progetto europeo è in pericolo

Lunedì i manifestanti, per la maggior parte giovani, hanno espresso la loro rabbia nei confronti del progetto, sottolineando che sta sabotando i sogni europei del loro paese e mettendo in pericolo la democrazia. “Questa legge significa che non entreremo in Europa”.Preoccupata Maryam Kalandadze, 22 anni, Golden “È qualcosa che ho sempre desiderato”. “Abbiamo intenzione di restare qui per tutto il tempo necessario.”ha dettoAgenzia di stampa franceseLunedì gli studenti della capitale Tbilisi hanno annunciato uno sciopero.

Decine di migliaia di persone hanno manifestato domenica e alcune sono rimaste tutta la notte per impedire ai parlamentari di entrare in Parlamento. All’alba,Agenzia di stampa francese Ha visto agenti di polizia arrestare e aggredire un gruppo di manifestanti.

READ  Come aprire facilmente le ostriche usando il microonde?

Le marce si svolgono in un clima di tensione, poiché le autorità hanno avvertito che arresteranno coloro che ostacolano il Parlamento. “Se questa legge verrà approvata, diventeremo gradualmente la Russia”.Arshile Svanidze, un altro manifestante di 26 anni, ha avvertito che si tratta di un perfetto controesempio per il futuro che spera per il suo paese.

Dall’inizio delle marce, le persone sotto i 30 anni sono state in prima linea nel movimento. Ma molti confermano che anche i loro sceicchi ne sono convinti.

«Abbiamo sempre saputo che facevamo parte dell’Europa Lo sanno tutte le generazioni»Lo ha annunciato Arshile Svanidze, orgoglioso che suo padre avesse manifestato per buona parte della notte. Si disse Salome Lubjanidze, 18 anni “distruttivo” Per legge. “Se passa, molte delle persone che sono qui oggi se ne andranno”. Il Paese, come previsto.

Trasparenza o repressione

Se adottata, la legge imporrà a qualsiasi ONG o organizzazione mediatica che riceve più del 20% dei propri finanziamenti dall’estero di registrarsi come organizzazione.“Un’organizzazione che persegue gli interessi di una potenza straniera”.

Il governo afferma che questa misura mira a costringere le organizzazioni a manifestare di più “Trasparenza” sul loro finanziamento. La legge è già stata approvata in due letture e necessita di una terza votazione.

La presidente Salome Zurabishvili, filoeuropea e in aperto conflitto con il governo, dovrebbe porre il veto alla risoluzione. Ma il Sogno Georgiano afferma di aver ricevuto abbastanza voti per passare.

Le autorità hanno anche presentato i manifestanti come una folla violenta. Il partito al governo aveva già tentato di approvare questa legge nel 2023, ma è stato costretto a rinunciarvi a causa dei massicci assembramenti che aveva già provocato.

READ  Guerra in Ucraina: l'esplosione del ponte in Crimea ha schiaffeggiato Putin

Leader dell’ombra

Il suo ritorno in parlamento all’inizio di aprile ha suscitato sorpresa e scatenato manifestazioni. Alcuni furono repressi violentemente.

Bidzina Ivanishvili, un ricco uomo d’affari considerato il leader ombra della Georgia, vede le ONG come un nemico interno al servizio delle potenze straniere. Lo ha criticato durante un recente discorso “Falsa élite” Attaccò ferocemente l’Occidente e fu descritto come… “Festa della Guerra Mondiale”.

Quest’uomo, primo ministro dal 2012 al 2013 e oggi presidente onorario del “Sogno georgiano”, è accusato di avere legami con la Russia, Paese nel quale ha fatto fortuna. Ad esempio, non ha mai condannato l’invasione dell’Ucraina, anche se il suo Paese è stato invaso dalla Russia durante una breve guerra nel 2008.