Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I futuri vincitori dell’Eurovision sono già noti con 15 giorni di anticipo?

Per quanto comica e popolare com’era nella sua infanzia, Eurovision si è spesso avventurata in prima linea nelle tensioni geopolitiche che dilaniavano il Vecchio Continente. L’edizione 2022 è un caso di studio tragico, con la Russia esclusa e la favorita dell’Ucraina in piedi come favorita.

“Stefania” della Kalush Orchestra, una ninna nanna che unisce rap e musica tradizionale, difenderà i colori dell’Ucraina all’Eurovision Song Contest che si terrà il 14 maggio a Torino, in Italia. “Troverò sempre la strada di casa, anche se distruggo tutte le strade”dice il titolo.

Due settimane prima della grande serata, l’Ucraina ha una probabilità del 42% di vincere, molto più avanti del duo italiano Mahmoud e Blanco (14%) e della svedese Cornelia Jacobs (10%), secondo il sito. eurovisionworld.com, che riunisce i principali siti di scommesse online. Il Regno Unito, la Spagna, la Polonia, la Grecia, la Norvegia, i Paesi Bassi e l’Australia hanno completato la top ten.

Non una prima edizione politicizzata, tutt’altro

La guerra in Ucraina commenterà pesantemente l’evento ma “non nuovo”Lo ha detto all’AFP Dean Voltik, ricercatore dell’Università di Vienna e autore di libri sulla geopolitica dell’Eurovisione.

Nel 1975, la Grecia boicottò la competizione per protestare contro l’invasione turca di Cipro, e poi, nel 1992, furono invitate sul palco le guerre che seguirono la dissoluzione della Jugoslavia. Nel 2004, l’Ucraina ha vinto il concorso e l’anno successivo, dopo la “Rivoluzione arancione”, si sono presentati una canzone molto politica ma alla fine è stata accettata.

Infine, l’anno scorso, l’European Broadcasting Union (EBU) ha squalificato la Bielorussia in quanto i testi delle sue canzoni attaccavano frontalmente l’opposizione democratica al presidente filo-russo Alexander Lukashenko.

READ  Morte alla festa di Travis Scott: il rapper non lo ha sentito urlare durante la sua esibizione ad Astroworld

Non tutto si gioca in anticipo

Mentre l’Ucraina dovrebbe raccogliere un gran numero di voti di simpatia, la sua vittoria non è garantita.“Musicalmente parlando, i contributi ucraini sono forti, ma ce ne sono altri. Il pubblico mostrerà sicuramente un forte sostegno all’Ucraina, ma ciò non significa che vincerà. Nel 1993, Bosnia e Croazia non sono finite molto”. Mentre questi paesi erano presi di mira dalle forze serbe, osserva il decano Voltik.

Slobodan Todorovic, caporedattore del sito di fan di Eurovision Evrovizija.rs in Serbia, ritiene che l’Eurovision non dovrebbe essere solo un’arena politica: “La vittoria dell’Ucraina (per motivi politici) metterà in ombra l’Eurovision e i valori che rappresenta, la neutralità, l’indipendenza della politica, il rispetto e la promozione della diversità”.

L’Ucraina è ancora molto forte in Eurovision

La capitale della simpatia per gli ucraini in Europa è enorme, ammette Benoit Blaschek, segretario di France-Eurofans, la filiale francese dell’Organizzazione generale dei fan dell’Eurovision (OGAE). “Ma qualunque cosa accada hanno una bella canzone, e ogni anno l’Ucraina, l’avanguardia, è guardata molto duramente”arrabbiarsi.

I blocchi non vincono mai

Dovremmo fare affidamento sui voti precedenti per sapere quale paese vota per quale paese? Di certo ci sono dei “blocchi” nel voto dei telespettatori: nell’infanzia dell’Eurovisione i paesi francofoni (Francia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo) hanno votato insieme e hanno vinto tutti o quasi. Successivamente è apparso il Blocco del Nord, che ha votato come uno, e poi sono apparsi i “sottoblocchi” nell’Europa centrale e orientale. “Ma questi blocchi non sono stati determinanti nella scelta del vincitore”dice il decano Voltik.

In effetti, l’elenco dei trofei degli ultimi 20 anni mostra che i Giochi non sono mai stati raggiunti: Turchia (2003), Ucraina (2004), Russia (2008), Azerbaigian (2011) o Israele (2018) sono arrivati ​​a battere la pedina di le Nazioni della Regina (Irlanda, Svezia, Paesi Bassi, Regno Unito).

READ  Cosa sappiamo del suo incidente sugli sci?

Secondo i fan dell’Eurovision in ogni paese, l’Ucraina deve ancora vincere

Almeno 4.400 tifosi dell’Eurovision affiliati all’OGAE hanno votato per determinare la propria classifica in vista dell’appuntamento di Torino: l’Ucraina ha preso solo l’11° posto. La Svezia è stata premiata (ancora) vittoriosa, davanti a Italia e Spagna.

Dal canto loro, i tifosi ucraini dell’OGAE hanno messo in testa la Polonia (il primo paese che ospita i rifugiati ucraini), poi Spagna, Francia, Norvegia e Svezia.

Dal canto loro, i tifosi russi hanno dato il punteggio massimo (12 punti) alla Serbia russa, seguita da Lituania (dove c’è una grande comunità di lingua russa), Spagna e Lettonia (anch’essa ex repubblica sovietica).

In ogni caso, l’Ucraina non ha bisogno di vincere la competizione. “Il semplice fatto di essere rappresentato sul palco, di poter lasciare il proprio Paese, di ricevere molto sostegno, oltre ad escludere la Russia, è davvero una vittoria per gli ucraini”.nota il decano Voltech.