Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Ti odio ad un certo punto’: la rabbia di Christophe Dechavanne contro Michelle Simes si intensifica

Sabato sera, Michelle Sims è stata l’ospite dello spettacolo Che epoca! in Francia 2, Accanto ai suoi ospiti, Leah Salameh e Christophe Dechavane. Abbiamo potuto vedere in particolare lo YouTuber Tibo InShape e Sandrine Rousseau, che sono anche venute per discutere dei loro progetti e delle loro vite.

L’ex dottore prima di parlare del suo libro Niente è impossibile: la mia storia può essere tua, Ha deciso di riconsiderare le sue osservazioni fatte il 10 marzo 2020. Nella compilation quotidiana, Michel Symes ha fatto infuriare molti francesi paragonando il coronavirus all’influenza: “È una forma di influenza un po’ più grave dell’influenza. Ma è ancora una malattia virale come ogni anno”., Egli ha detto. Queste parole furono interpretate come un palese eufemismo della gravità dell’epidemia in quel momento. “Non ho capito perché ho trasmesso le informazioni che ci sono pervenute dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che a sua volta ha ricevuto informazioni dalla Cina, Poi si è giustificato nel girone France 2. Possiamo solo provare a spiegare cosa ci è stato dato”.

Questa giustificazione non sembra sufficiente a Christophe Dechavane, che ha ritenuto anche una mancanza di serietà di fronte al virus le parole dell’ex medico, sconvolto: “Ti ho odiato una volta Annuncia. E si è scoperto che era molto, molto vicino a me, avevo qualcuno da cui sono scappato per diverse settimane, perché, come ho detto, nessuno sa dove stiamo andando. Il facilitatore ha continuato a determinare le condizioni di questo parente in quel momento: “cervo Era incaricata di servire il Covid, lavorava come una sfigata e aveva segni di mascherine sotto gli occhi come i suoi colleghi”.

READ  Muore Thierry Mugler, favoloso stilista di cultura pop

Christophe Dechavan lo ha poi ammorbidito spiegando che l’ex medico, secondo lui, avrebbe presentato una “negazione medica” con le sue stesse parole:Non credo che tu sia l’unico a pensarlo davvero. A parte dire che in tv c’era, secondo me e all’epoca… L’ho gestita malissimo, scusa, poi ho capito… immagino tu abbia capito che la gente era un po’ confusa”, Pubblicizzato come difensore di Michael Symes.

Tuttavia, l’ex medico si è difeso e ha confutato le affermazioni di Christophe Dechavane dichiarando di non averlo fatto. Non abbiamo mai sottovalutato i sintomi del Covid. Non sapevamo quali complicazioni potesse causare”.Ha aggiunto.