Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ho venduto la mia casa e non mi è rimasto più niente”: quando una crociera infinita viene cancellata, mandando in strada tanti clienti

“Ho venduto la mia casa e non mi è rimasto più niente”: quando una crociera infinita viene cancellata, mandando in strada tanti clienti

La barca avrebbe dovuto lasciare il porto di Istanbul il 1° novembre, che era già in pericolo poiché Life at Sea non aveva una barca disponibile in ottobre. Pertanto, questa partenza è stata posticipata all’11 novembre e spostata al porto di Amsterdam. È stato poi rinviato al 30 novembre, da Amsterdam.

Dall’ansia al fastidio, i clienti sono ormai completamente delusi. Venerdì 17 novembre è arrivata la notizia: la crociera è stata cancellata. Tra i passeggeri, alcuni si trovano ancora a Istanbul, altri sono riusciti a raggiungere il nuovo porto di partenza.

“Non ho più una casa a cui tornare”

La tragedia più grande per molti passeggeri è la perdita delle loro case. Infatti, per potersi permettere questa fantastica esperienza, molti clienti hanno deciso di vendere o affittare la propria casa, dismettere i propri beni, vendere la propria attività… per poi ritrovarsi senza nulla. “Avevo pianificato i prossimi tre anni della mia vita, ero pronto a vivere una vita straordinaria, e ora non ho nulla. Sto facendo fatica ad andare avanti”, ha detto un cliente alla CNN. “Non avrei mai immaginato che avrei trovato “Io stesso in questa posizione da senior”, ha detto un cliente alla CNN. “Non so quale direzione prenderà la mia vita”, lamenta un altro. “Non so quale direzione prenderà la mia vita”, un altro aggiunge il cliente.

Ora, i passeggeri di Life at Sea Cruises si trovano ad affrontare lunghe attese per i rimborsi, poiché la compagnia ha annunciato che implementerà i pagamenti mensili a partire da dicembre e fino a febbraio. L’azienda si è inoltre offerta di pagare le spese di alloggio per i clienti ancora bloccati a Istanbul.

READ  Mark Zuckerberg su Le Monde: da visionario della tecnologia a "ex amico pubblico n. 1"

Barca troppo cara?

La società avrebbe dovuto acquistare AIDAaura. Questa nave, ritirata da AIDA Cruises quest’estate, avrebbe dovuto essere ribattezzata MV Lara e riacquistata alla fine di settembre. La compagnia pianificò quindi di rimontare la nave prima di salpare per Istanbul. Ma nonostante le intenzioni di Life at Sea, la vendita della nave è stata annunciata il 16 novembre. Tuttavia, l’acquirente non era Life at Sea ma Celestyal Cruises.

L’ex amministratore delegato della compagnia ha poi pubblicato un video esplicativo, seguito poco dopo da un messaggio del proprietario di Life at Sea, Miray Cruises. Quest’ultimo ha confermato l’annullamento della partenza, ammettendo di non avere i mezzi necessari per acquisire la nave. Inoltre, i suoi investitori avrebbero potuto ritirarsi nonostante il pagamento iniziale fosse già stato effettuato. Pertanto “hanno rifiutato di fornirci ulteriore sostegno a causa delle turbolenze in Medio Oriente”.

Ma l’azienda non rinuncia al suo progetto: “Se non potremo partire il 1° dicembre, offriremo di partire in un’altra data o di effettuare tutti i pagamenti secondo un breve calendario”.

Life at Sea ha anche spiegato che la crociera avrebbe potuto essere effettuata con una nave più piccola, ma sembrava essere troppo piccola per la compagnia.

La compagnia ha lasciato un’ultima speranza, che senza dubbio è stata accolta male dai passeggeri, nel messaggio che confermava l’annullamento della crociera. “Anche se siamo tutti delusi e frustrati per non aver potuto salpare questa volta, per noi è importante che tu sia soddisfatto della tua esperienza con noi”, si legge nella lettera. Il messaggio diceva anche “Spero di avere presto un’opzione per lo spettacolo”.

READ  L'outlook del Belgio passa da "stabile" a "negativo" secondo un'agenzia: ecco cosa indica