Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hamilton imbarazzato a correre a Jeddah, Vettel organizza un’operazione shock

È trapelato molto inchiostro sul Gran Premio di Formula 1 che si terrà in Arabia Saudita. Il circuito di Jeddah è scettico a causa del suo carattere sciatto, e non aiuta molto nei sorpassi e persino pericoloso. Ma è il fatto che la Formula 1 si svolga in un altro paese che sta violando i diritti umani che fa arrabbiare le persone.

Lewis Hamilton, che indosserà di nuovo un casco arcobaleno a sostegno della comunità gay, ammette di sentirsi a disagio a correre in Medio Oriente tra i ripetuti abusi dei diritti dei gay e delle donne da parte della comunità internazionale.

“Mi sento felice di correre in Arabia? Non lo direi” Attaccato al campione del mondo in carica. “Non è una mia scelta correre qui, ma la scelta della F1. Devono esserci dei cambiamenti qui. Se qualcuno vuole prendersi il tempo per andare a leggere qual è la legge per la comunità LGBTQ+, è piuttosto terrificante. Ecco perché dovremmo educare le persone su quando siamo qui.Ecco perché ho indossato un casco arcobaleno in Qatar e lo indosserò per le prossime due gare.So che ci sono persone che sono molto influenzate dalle regole e dall’ordine qui, ci sono ancora donne in prigione per guidando qui. Sento che è mio dovere richiamare l’attenzione anche su questo punto».

Fino a pochi anni fa, alle donne non era permesso guidare. Sebastian Vettel, che aveva già sfidato il regime anti-gay ungherese vestendo i colori dell’Lgbt in Hungaroring, ha organizzato il campionato di karting per sole donne. Un’altra coraggiosa iniziativa del quadruplo campione del mondo.

“Avevamo un gruppo di sette o otto ragazze e donne in pista e abbiamo organizzato un bel evento solo per loro”., spiega il pilota dell’Aston Martin. “Stavo cercando di trasmettere alcune delle mie esperienze nella vita e ovviamente in pista, per fare qualcosa insieme, per sviluppare la loro fiducia. Le donne possono guidare solo dal 2018. Quindi alcune di loro avevano la patente, altre no t. Alcuni erano fan della Formula 1, alcuni erano fan della F1, alcuni L’altro non aveva nulla a che fare con la Formula 1 o le corse prima di oggi, quindi è stato un buon mix di donne di diversa estrazione e un grande evento in cui tutti erano molto felici. L’aspetto è da una prospettiva occidentale o europea, ci sono ancora molte cose da migliorare che devono essere affrontate, ma è anche vero che alcune cose cambiano”.

READ  Formula 1 | I piloti di Formula 1 saranno liberi di criticare il Qatar a Lusail

Con queste due azioni Hamilton e Vettel mandano segnali forti. Nelson Mandela diceva che lo sport ha il potere di fare la differenza, anche quando la situazione sembra disperata, dopotutto…