Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha messo in luce i problemi del “finanziamento ombra” della Cina

Ha messo in luce i problemi del “finanziamento ombra” della Cina

Sabato le autorità cinesi hanno imposto sanzioni ai funzionari di Zhongzhi Enterprise Group, una delle istituzioni finanziarie più grandi e misteriose della Cina. Le difficoltà affrontate da questo blocco evidenziano il peso di questo settore alternativo nell’economia cinese.

Pubblicato su:

6 minuti

Harrow sul finanziamento ombra in Cina. Pechino Ha denunciato “reati illeciti” e adottato “misure penali coercitive” – Terminologia ufficiale degli arresti – contro funzionari dell’istituto finanziario Zhongzhi Enterprise Group (ZEG), sabato 25 novembre. Frasi che le autorità cinesi riservano a questioni più delicate, come la messa agli arresti domiciliari nel settembre 2023 Xu Jiayin, il capo del colosso immobiliare Evergrande, che era sull’orlo della bancarotta.

Questa volta Pechino ha attaccato un altro pilastro dell’economia cinese. Tuttavia, la ZEG, poco conosciuta al di fuori dei confini cinesi, rappresenta “una delle società finanziarie ombra più potenti della Cina”, afferma Chen Sun, specialista in economia cinese al King’s College di Londra. Si tratta di una parte dell’economia cinese che comprende tutti gli attori che finanziano l’economia al di fuori dei circoli bancari tradizionali.

In questo mondo parallelo di banche tradizionali, Zhongzhi è una delle prime banche nella sua categoria. Si tratta di un gruppo che fornisce prestiti a promotori immobiliari e autorità locali, e gestisce anche miliardi di dollari affidatigli da ricchi cinesi.

“grave bancarotta”

In quanto tale, Zhongzhi Enterprise Group è un ingranaggio essenziale in un settore – la finanza ombra – che è stato a lungo uno strumento essenziale. Un importante motore della crescita cinese.

Ma ZEG non è più… solo l’ombra di se stesso. L’arresto di “diversi sospetti” da parte della polizia è solo l’ultimo episodio del rapido declino del gruppo specializzato nel finanziamento parallelo.

READ  Questo progetto vuole andare più veloce e più lontano che unire Shiba Inu e Bitcoin!

Pochi giorni prima che le autorità intervenissero, Zhongzi si era annunciato “grave bancarotta” In una lettera che ha inviato agli investitori. Più specificamente, l’organizzazione ha notato di aver raccolto almeno 59 miliardi di dollari di debiti e di avere un patrimonio di appena 28 miliardi di dollari. I leader del gruppo hanno anche ammesso di non sapere come colmare questo buco di 31 miliardi di dollari.

Leggi anche“Ocean Flower Island”, simbolo della paranoia per l’imprenditore immobiliare Evergrande

È un disastro che “era previsto almeno da quest’estate”, afferma Shin Sun. Ad agosto, la polizia è addirittura dovuta intervenire presso la sede di Zhongzi per disperdere una manifestazione organizzata da cinesi che lamentavano di non poter ritirare il denaro messo nelle mani dei finanziatori di ZEG.

I motivi del crollo di Zhongzi House sono noti: “Il gruppo sta pagando il prezzo della crisi immobiliare in Cina e del rallentamento generale dell’economia”, riassume Shen Sun. Fondata nel 1995, ZEG è diventata negli anni il simbolo del trionfo della finanza ombra in Cina.

Questo sistema bancario alternativo è più opaco e meno regolamentato rispetto al settore finanziario tradizionale, consentendo spesso di mobilitare fondi più rapidamente e offrendo investimenti a tassi di interesse più vantaggiosi rispetto a quelli offerti dalle istituzioni tradizionali.

Più del Pil francese

Il settore è decollato dopo la crisi finanziaria globale del 2008, “quando l’accesso al credito tradizionale è diventato più difficile”, come ha riportato il Wall Street Journal. Le istituzioni “ombra” divennero poi le “migliori amiche” dei promotori immobiliari e delle autorità locali, e presto ebbero bisogno di somme astronomiche per finanziare costosi nuovi progetti infrastrutturali o per costruire intere città dal suolo.

READ  "Ha pagato più di 100 euro": i consigli di questo esperto per ridurre le bollette delle telecomunicazioni

Anche le banche tradizionali “usavano queste strutture alternative come intermediari per prestare denaro agli sviluppatori immobiliari”, ricorda Shin Sun. Possono così liberarsi da parte delle regole imposte da Pechino per limitare i rischi.

Il finanziamento ombra si è affermato come una parte fondamentale del boom immobiliare cinese negli ultimi 20 anni. Si tratta di un intervento costoso, poiché il peso economico del finanziamento ombra è stimato a oltre 2.900 miliardi di dollari, leggermente superiore al PIL francese (2,639 miliardi di euro nel 2022ovvero 2881 miliardi di dollari).

Finché la crescita cinese era buona, gli affari andavano bene per queste istituzioni finanziarie alternative. Le banche tradizionali fornivano loro denaro che poi sapevano come coltivare, consentendo alle più grandi di diversificarsi. Così Zhongzhi divenne uno dei principali gestori dei fondi dei ricchi cinesi e poté investire in settori diversi come quello minerario e quello delle auto elettriche. Lo conferma il Financial Times.

Ma quando gli immobili cominciarono a mostrare segni di esaurimento, queste istituzioni si trovarono a fronteggiare costruttori che trovavano sempre più difficoltà a pagare. Senza contare che con il rallentamento dell’economia, gli investimenti effettuati da questi istituti sono diventati molto meno redditizi del previsto. Pertanto, gli insuccessi di Zhongzi sono “un buon indicatore della salute dell’economia cinese”, come riassume Shen Sun.

Rischio di infezione?

Molto più difficile è invece valutare le conseguenze del crollo di questo conglomerato. A partire dagli effetti sul settore bancario cinese. Anche meno di un decennio fa, avrebbero potuto essere ostacolate dal crollo di un pezzo del puzzle delle dimensioni di Zhongzi, ma “dal 2015, il governo ha incoraggiato le banche tradizionali a prendere le distanze da queste istituzioni, e oggi sono molto più importanti”. .” meno esposti al settore”, conclude una nota del King’s College di Londra Sui legami tra finanza ombra e settore bancario, pubblicazione 2023.

READ  Una Mercedes unica per Will.i.am

“Non credo che le battute d’arresto affrontate da Zhongzi avranno un effetto contagioso sul resto del settore bancario tradizionale”, afferma Shen Sun. D’altro canto, l’onda d’urto si farà sicuramente sentire in tutta la finanza ombra. “Ciò che dobbiamo capire è che negli ultimi anni queste istituzioni si sono reinventate diventando gestori patrimoniali che offrono rendimenti più interessanti rispetto alle banche ordinarie”, afferma Shen Sun. “Ma per attrarre investimenti, gli investitori devono avere fiducia”.

Per questo motivo, e non solo per il settore bancario, le difficoltà incontrate da uno degli attori più importanti di questo circuito finanziario parallelo potrebbero innescare un movimento di sfiducia che potrebbe essere molto costoso. Molte piccole e medie imprese cinesi dipendono ancora dalle scommesse che queste “banche ombra” erano disposte a fare.