Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: il ministro della Difesa russo ordina il ritiro delle forze russe da Kherson

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu mercoledì ha ordinato il ritiro delle truppe russe dalla regione ucraina di Kherson.

Ciò avviene anche in un momento in cui Vladimir Putin ha espressamente ordinato il 21 settembre la mobilitazione di circa 300.000 riservisti per unire le linee russe. Decine di migliaia di loro sono già nelle zone di combattimento.

“Ritirate le truppe”, ha detto il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu durante un incontro televisivo con il comandante delle operazioni russe in Ucraina, il generale Sergei Surovkin, che aveva appena formulato questa raccomandazione pur riconoscendo che si trattava di una decisione “per niente facile”. produrre.

Il simbolo era ancora più forte perché Kherson era l’unica capitale regionale occupata dalle forze russe, nei primi giorni del loro attacco all’Ucraina, e faceva parte delle regioni dell’Ucraina sotto il controllo del presidente russo Vladimir Putin. Mosca lo ha annesso, alla fine di settembre.

Da parte sua, la presidenza ucraina ha indicato, mercoledì sera, di non vedere in questa fase una “firma” del ritiro delle forze russe da Kherson.

Non vediamo alcuna indicazione che la Russia lascerà Kherson senza combattere. Il consigliere presidenziale, Michalo Podolyak, ha affermato che una parte dei russi (truppe) si trova nella città “nel sud dell’Ucraina, criticando “dichiarazioni televisive teatrali” rilasciate da Mosca.

Concretamente, il signor Shoigu ha ordinato ai combattenti russi di ritirarsi dalla sponda destra (occidentale) del Dnepr, dove si trova la città di Kherson, per creare una linea di difesa sulla sponda sinistra (orientale) di questo fiume. ostacolo naturale.

READ  Elezioni di medio termine Usa: Miami e Florida girano a destra

Il Cremlino ha rinviato il più a lungo possibile questo umiliante ritiro, ma la situazione è diventata più difficile per le sue forze contro un esercito di Kiev equipaggiato con armi moderne fornite dai suoi alleati occidentali.

La regione di Kherson è considerata più strategica perché il suo territorio si trova al confine con la Crimea, la penisola ucraina, che Mosca ha annesso nel 2014. Il generale Surovkin, prima della proposta di ritiro, aveva giustificato il ritiro con il suo desiderio di proteggere la vita dei soldati di le forze russe e ha accusato le forze ucraine di bombardare i civili.

“Crediamo soprattutto nella vita di ogni soldato russo”, ha detto, sottolineando che l’esercito russo “resiste con successo ai tentativi di attaccare l’Ucraina”.

popolazione sfollata

Da quando il Cremlino ha annunciato alla fine di settembre l’annessione di quattro regioni dell’Ucraina, inclusa la regione di Kherson, Mosca considera questi territori come parte del suo territorio nazionale. Tuttavia, Putin ha avvertito che la Russia difenderà “con tutti i mezzi” ciò che considera il suo territorio e alti funzionari russi hanno apertamente accennato a un possibile ricorso alle armi nucleari.

AFP_32N733U-1.retina.jpg

Il generale Surovkin ha anche annunciato mercoledì che le autorità di occupazione avevano iniziato nelle ultime settimane a “evacuare” 115mila persone dalla riva destra alla riva sinistra del fiume Dnepr. L’Ucraina ha denunciato questi spostamenti di popolazione, definendoli “deportazioni”.


Leggi anche
Guerra in Ucraina: le autorità filo-russe evacuano altre 70.000 persone a Kherson

Un altro segno della situazione caotica a Kherson, un alto funzionario dell’occupazione russa, Kirill Strimosov, è morto mercoledì, secondo le autorità locali, in un incidente stradale. Il signor Strimosov era un convinto sostenitore dell’annessione di Kherson da parte di Mosca e la sua morte arriva dopo che molte figure dell’occupazione russa hanno affrontato una fine violenta in tutta l’Ucraina.

READ  Un uomo è stato arrestato in Marocco dopo l'uccisione di una francese e il ferimento di una vittima belga in un mercato

Prima di annunciare questo ritiro, le forze di occupazione russe hanno annunciato che si stavano preparando a difendere in profondità sulla riva sinistra del Dnepr. Con l’offensiva russa che è entrata presto nel suo nono mese, l’Occidente ha continuato a riaffermare il suo sostegno militare, logistico e finanziario alla città di Kiev.

La Commissione europea mercoledì ha proposto ai 27 Stati membri di donare all’Ucraina 18 miliardi di euro di aiuti per il 2023, sotto forma di prestiti. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha elogiato la “solidarietà” dell’Unione europea poiché le preoccupazioni di Kiev sull’indebolimento del sostegno statunitense dopo le elezioni di medio termine statunitensi rimangono incerte, anche se la Casa Bianca afferma che il suo sostegno sarà “infallibile”.

Forte sostegno dalla NATO

Anche il capo della Nato, Jens Stoltenberg, ha voluto rassicurare Kiev.

“È assolutamente chiaro che c’è un forte sostegno bipartisan negli Stati Uniti per continuare a sostenere l’Ucraina, e questo non è cambiato”, ha detto ai giornalisti mercoledì in un incontro con il primo ministro britannico Rishi Sunak a Londra.