Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: almeno 20 persone uccise nei bombardamenti ucraini a Lysychansk

Guerra in Ucraina: almeno 20 persone uccise nei bombardamenti ucraini a Lysychansk

Lysychansk, nella regione di Lugansk, è caduta nelle mani delle forze russe nell’estate del 2022 dopo una violenta battaglia.

Il fronte nell’Ucraina orientale non si è mosso quasi per mesi, ma i combattimenti sono ancora sanguinosi e l’intensità dei bombardamenti su entrambi i lati è aumentata quest’inverno.

Il ministero ha scritto nei messaggi sull'applicazione Telegram: “A Lysichansk, i dipendenti del Ministero russo per le situazioni di emergenza hanno trovato i corpi di 20 persone sotto le macerie”.

La stessa fonte ha pubblicato un video in cui i soccorritori lavorano nell'oscurità, recuperando un corpo da sotto le macerie prima di scoprire una donna ferita che veniva trasportata su una barella.

Il ministero aveva detto in precedenza che intendeva continuare le ricerche “per tutta la notte” e che i soccorritori avevano “finora salvato dieci persone” da sotto le macerie.

Leonid Pasichnik, governatore di Luhansk nominato dalla Russia, ha accusato le forze ucraine di aver preso di mira un panificio molto frequentato che, secondo lui, era noto per servire pane fresco nei fine settimana.

Guerra in Ucraina: i russi vorrebbero non aver mai invaso l’Ucraina? Questo è quanto rivelano gli ultimi sondaggi d’opinione

Un uomo è stato trasferito in “gravi condizioni” all’ospedale della città di Lugansk, secondo le autorità filo-russe.

L'agenzia di stampa russa RIA Novosti ha pubblicato un video di un edificio distrutto, dove si vedono anche i soccorritori che tirano fuori dalle macerie un'auto completamente distrutta.

L'edificio ad un piano aveva una grande insegna che riportava la scritta “Ristorante Adriatico” e appariva completamente distrutto e ridotto in macerie.

Il ministero degli Esteri russo ha affermato che nei bombardamenti sono state utilizzate armi occidentali e ha espresso la speranza per una “condanna rapida e incondizionata” dell'attacco da parte delle organizzazioni internazionali.

READ  Due esplosioni subacquee sono state registrate prima della fuga di notizie del Nord Stream, Kiev accusa la Russia di terrorismo

Lysychansk si trova a 15 chilometri dal territorio controllato dall’Ucraina e la sua popolazione era di 111.000 persone prima dell’inizio dell’attacco russo.

Le forze russe ne hanno preso il controllo nell’estate del 2022, così come la città di Severodonetsk, dopo una delle battaglie più feroci dall’inizio dell’attacco nel febbraio 2022.

I droni sono stati abbattuti

Da parte ucraina, l'aeronautica militare ha annunciato sabato di aver abbattuto nove dei 14 droni lanciati dalla Russia nell'Ucraina meridionale e centrale nella notte tra venerdì e sabato.

“L'Ucraina ha distrutto nove droni nemici nelle regioni di Dnipro, Odessa, Mykolaiv e Zhytomir”, ha detto l'aeronautica di Kiev.

La maggior parte dei droni Shahed di fabbricazione iraniana hanno preso di mira le “infrastrutture energetiche” nella regione di Dnipro, nel centro del paese, dove migliaia di persone vivono senza elettricità, secondo la stessa fonte.

L’interruzione di corrente ha colpito principalmente la città di Kryvyi Ryg, città natale del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj.

Il governatore della regione del Dnipro, Sergei Lysak, ha affermato che 15.000 residenti di Kryvyi Ryg sono rimasti senza elettricità dopo l'attacco dei droni.

Da quando ha iniziato la sua offensiva in Ucraina, la Russia ha preso di mira le infrastrutture energetiche del Paese, lasciando migliaia di persone senza riscaldamento durante un’intensa campagna lo scorso anno.

Da parte sua, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha elogiato le sue forze per aver colpito le forze di Mosca lontano dal campo di battaglia, “sia sulla terra che in mare”.

Guerra in Ucraina: nuovo attacco notturno con droni e missili russi

Questa dichiarazione arriva due giorni dopo che Kiev ha annunciato di aver distrutto una nave da guerra russa al largo delle coste della Crimea, e dopo che sabato è scoppiato un incendio in una grande raffineria nella regione di Volgograd, nel sud-ovest della Russia, dopo un attacco di droni di cui l’Ucraina ha rivendicato la responsabilità. .

READ  Un americano è morto di peste

Il governatore locale Andrei Bocharov ha dichiarato sull'applicazione Telegram: “Dopo la caduta di un drone, è scoppiato un incendio nella raffineria di Volgograd”, ma non sono state segnalate vittime.

Al mattino presto, i servizi di emergenza hanno confermato, citando la TASS, che l'incendio era stato domato.

Una fonte della sicurezza ucraina ha detto all'AFP che l'incendio alla raffineria di Volgograd è stato “il risultato di un attacco riuscito con droni da parte del servizio di sicurezza ucraino”.

La raffineria, di proprietà del colosso Lukoil, afferma sul suo sito web di essere “il più grande produttore di prodotti petroliferi nel Distretto Federale Meridionale”, che comprende otto regioni della Russia sudoccidentale.

Dall’inizio dell’offensiva su Kiev nel febbraio 2022, il territorio russo è stato regolarmente preso di mira da attacchi e attacchi di droni attribuiti a Kiev.