Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti sono determinati a ottenere un accordo di armistizio “adesso”

Gli Stati Uniti sono determinati a ottenere un accordo di armistizio “adesso”

Trovate qui il nostro aggiornamento sulla situazione di ieri.

Lo ha detto il segretario di Stato americano Anthony Blinken, mercoledì 1Lui è May, determinato a rapire ” Ora “ L'accordo di tregua tra Israele e Hamas è stato accompagnato dal rilascio degli ostaggi, invitando il movimento palestinese ad accettare l'ultima proposta. Hamas non ha ancora fornito la sua risposta all'ultima proposta, che prevede una tregua di quaranta giorni e lo scambio di ostaggi rapiti durante l'attacco del 7 ottobre 2023 e trasferiti a Gaza in cambio di prigionieri palestinesi detenuti da Israele.

Ha aggiunto: “Anche in questi tempi difficili, siamo determinati a garantire e raggiungere il cessate il fuoco e il rimpatrio degli ostaggi adesso. L'unica ragione per cui ciò non avviene è a causa di Hamas”.Lo ha detto Blinken durante il suo incontro con il presidente Isaac Herzog a Tel Aviv. Un funzionario israeliano dice che Israele aspetterà fino a quando… “Mercoledì sera” Hamas ha risposto prima di decidere se inviare una delegazione al Cairo con l'obiettivo di raggiungere un possibile accordo.

Nel settimo mese di guerra, i bombardamenti aerei israeliani sulla Striscia di Gaza non si sono fermati, uccidendo almeno 33 persone nelle ultime 24 ore, secondo il Ministero della Sanità della Striscia di Gaza, diretto da Hamas.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati In Israele, Netanyahu teme di essere sottoposto a un mandato di arresto internazionale da parte della Corte penale internazionale

Il leader di Hamas afferma che Hamas continua a chiedere un cessate il fuoco permanente

Hamas risponderà “In brevissimo tempo” Uno dei suoi leader ha confermato all'Agence France-Presse che il movimento palestinese continua a chiedere un cessate il fuoco permanente e il ritiro di Israele dalla Striscia di Gaza. “Non vogliamo fissare un’ora o un giorno specifico”.Ha identificato Suhail al-Hindi, membro dell'Ufficio Politico.

READ  Biglietto sicuro Covid a nome di Adolf Hitler, convalidato dall'app Covidscan: come si spiega?

“Hamas è aperta a qualsiasi discussione attraverso la mediazione”. et al “A tutte le iniziative per porre fine alla guerra (…) Ma a condizioni molto chiare a cui non si può rinunciare”.innanzitutto “Cessazione delle ostilità e ritiro completo dell'occupante dalla Striscia di Gaza”Ha aggiunto.

Da parte sua, lo ha confermato il capo della diplomazia egiziana, Sameh Shoukry “La flessibilità necessaria affinché ciascuna delle parti raggiunga un accordo di tregua”. Tra Israele e Hamas a Gaza, durante la visita del suo omologo francese Stephane Ségournet al Cairo.

Leggi anche | Cessate il fuoco nella Striscia di Gaza: adozione della prima risoluzione alle Nazioni Unite grazie all'astensione degli Stati Uniti

Antony Blinken ha ribadito a Benjamin Netanyahu l'opposizione americana all'attacco a Rafah

Il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, a Gerusalemme dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, ha rinnovato l'opposizione di Washington all'attacco israeliano alla città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, secondo Matthew Miller, portavoce del Dipartimento di Stato. .

Applicazione universale

Buongiorno mondo

Ogni mattina trovi la nostra selezione di 20 articoli da non perdere

Scarica l'applicazione

Ma il primo ministro israeliano rifiuta di arrendersi nonostante l'opposizione delle Nazioni Unite e di molte capitali, che temono un massacro tra il milione e mezzo di civili lì riuniti, la stragrande maggioranza dei quali sfollati.

Discussioni tra M. Blinken e Netanyahu hanno continuato – prima faccia a faccia, poi la questione è stata estesa ai loro collaboratori – per due ore e mezza. Questo è il settimo viaggio di Blinken in Medio Oriente dall'attacco del 7 ottobre 2023.

READ  Attacchi di Hamas: ufficiale israeliano dice di aver scoperto un bambino senza testa
Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Israele intensifica i preparativi per l'attacco a Rafah

Il presidente israeliano afferma che l'utilizzo della Corte penale internazionale contro Israele costituisce una minaccia per le democrazie

Rappresenta una potenziale accusa da parte della Corte penale internazionale contro i leader israeliani per la loro condotta nella guerra a Gaza “Un pericolo per le democrazie”Lo ha detto il presidente israeliano Isaac Herzog, invitando i suoi alleati a farlo “contrario”.

Lo hanno detto i funzionari israeliani Ora di New YorkS Ci aspettiamo che la Corte Penale Internazionale emetta mandati di arresto contro membri del governo israeliano con accuse legate alle devastanti operazioni militari israeliane a Gaza. Secondo il quotidiano americano, la Corte penale internazionale intende incriminare anche i leader del movimento islamico Hamas.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati In Israele, Netanyahu teme di essere sottoposto a un mandato di arresto internazionale da parte della Corte penale internazionale

Ha aggiunto: “Il tentativo di utilizzare la Corte penale internazionale contro Israele, che combatte il terrorismo, rappresenta un pericolo chiaro e immediato per le democrazie e per i paesi liberi e amanti della pace che rispettano le regole del diritto internazionale”.Ha detto il signor Herzog. “Israele ha un sistema giudiziario molto efficace” da “Ha intentato una causa contro le autorità superiori di questo paese, come ogni cittadino, ne siamo orgogliosi”.Lo ha completato.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati “Complicità nel genocidio” a Gaza: la Corte internazionale di giustizia respinge il ricorso del Nicaragua contro la Germania

“Gaza ha più macerie dell’Ucraina”, secondo le Nazioni Unite

“Gaza ha più macerie dell’Ucraina e, per metterlo in prospettiva, il fronte in Ucraina è di 600 miglia”. [un peu moins de 1 000 kilomètres] Lungo e Gaza, lungo 25 miglia.Mungo Birch, responsabile del Servizio di azione contro le mine delle Nazioni Unite a Gaza, lo ha spiegato durante una conferenza stampa tenutasi mercoledì a Ginevra. Ma la massa delle macerie nei territori palestinesi (37 milioni di tonnellate, ovvero 300 chilogrammi al metro).2(secondo una stima fornita dalle Nazioni Unite a metà aprile) non è l’unico problema.

READ  Uomo bruciato a morte dalla folla inferocita in Nigeria

“È probabile che queste macerie siano fortemente contaminate da ordigni inesplosi, ma la pulizia sarà più complessa a causa di altri pericoli presenti nelle macerie”.“, spiega il signor Birch. Quindi, “Si stima che ci siano più di 800.000 tonnellate di amianto sotto le macerie della sola Gaza”.Il direttore aggiunge. Questo prodotto è molto pericoloso per la salute e richiede precauzioni speciali.

Il signor Birch spera che l'UNMAS prima o poi lo faccia “Essere un organismo di coordinamento per l’azione contro le mine a Gaza e creare le nostre squadre per l’eliminazione degli ordigni esplosivi”. In termini di finanziamenti, l’organizzazione ha invece ricevuto cinque milioni di dollari “Per continuare il nostro lavoro nei prossimi 12 mesi, abbiamo bisogno di 40 milioni di dollari”. Inoltre, ha confermato il funzionario. Ma “Il settore nel suo insieme avrà bisogno di centinaia di milioni di dollari nell’arco di diversi anni per rendere Gaza nuovamente sicura per i residenti”.lui pensa.

Il mondo con l'Agence France-Presse

Riutilizza questo contenuto