Febbraio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli attuali livelli di anidride carbonica non si vedevano da 14 milioni di anni sulla Terra

Gli attuali livelli di anidride carbonica non si vedevano da 14 milioni di anni sulla Terra

Questa pubblicazione sulla rivista Science traccia i livelli di anidride carbonica da 66 milioni di anni aC fino al riscaldamento globale di oggi con una precisione senza precedenti.

“Vieni alla nostra porta accanto, in questo punto dove il treno della fiera è in viaggio, casa nella storia del paese”, ha pubblicato sulla sede principale dell’AFP Baer Bel Hoenisch, disponibile per la Columbia University di New York.

L’ultima volta che l’atmosfera del nostro pianeta conteneva la stessa concentrazione odierna del principale gas serra (CO2), circa 420 parti per milione (ppm), è stato tra 14 e 16 milioni di anni fa.

Ciò risale a molto più tempo di quanto stimato in precedenza dagli scienziati (da 3 a 5 milioni di anni fa).

Ad esempio, da 14 a 16 milioni di anni fa, la Groenlandia non era coperta di ghiaccio.

Climi sconosciuti all’umanità

Tuttavia, “la nostra civiltà è abituata ai livelli del mare che viviamo attualmente, alle regioni tropicali calde, ai poli freddi e alle regioni temperate che beneficiano di abbondanti piogge”, avverte Purple Hönisch.

“La nostra specie (…) si è evoluta solo per 3 milioni di anni”, ricorda lo scienziato. “Non abbiamo mai visto nulla di simile a questi climi caldi”.

Prima dell’era industriale, la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera era di circa 280 parti per milione. Questo valore è aumentato della metà con le attività umane, provocando un aumento della temperatura di circa 1,2 gradi Celsius.

Se le nostre emissioni continuassero, la concentrazione potrebbe salire a 600 o 800 ppm, tassi raggiunti durante l’Eocene (da 30 a 40 milioni di anni fa), prima che l’Antartide fosse coperta dai ghiacci e quando la fauna e la flora del pianeta erano molto diverse, sul pianeta Esempio: grandi insetti.

READ  Road 96 arriva dal 15 aprile su PS4, PS5, Xbox One e Xbox Series X|S

Dal plancton all’anidride carbonica

Lo studio pubblicato giovedì sulla rivista Sciences è il risultato di sette anni di lavoro di un gruppo di 80 ricercatori in 16 paesi. Le loro conclusioni sono ora considerate un consenso scientifico.

Il loro contributo non sta nella raccolta di nuovi dati, ma nel scrupoloso lavoro di rivalutazione e sintesi dei lavori esistenti per aggiornarli e classificarli in base alla loro affidabilità, che ha permesso di utilizzare i dati migliori per estrarre un quadro completo.

Per ricostruire i climi del passato, una tecnica ben nota consiste nel recuperare le bolle d’aria dalle profondità delle calotte polari che intrappolavano la composizione dell’atmosfera dell’epoca. Ma questa tecnologia ci permette di tornare indietro solo di poche centinaia di migliaia di anni.

Per andare avanti, devi usare segni indiretti. Pertanto, lo studio chimico delle foglie antiche, dei minerali o del plancton ha permesso di estrarre la concentrazione di anidride carbonica in determinati periodi più antichi.

Effetti a cascata

Negli ultimi 66 milioni di anni, il periodo più caldo che la Terra abbia mai conosciuto risale a circa 50 milioni di anni fa, con concentrazioni di anidride carbonica pari a 1.600 ppm e temperature 12 gradi Celsius più calde di oggi.

Questi livelli diminuirono lentamente fino a circa 2,5 milioni di anni fa e, durante l’era glaciale, le concentrazioni di anidride carbonica scesero a 270-280 parti per milione.

Questi livelli sono rimasti stabili fino a quando l’umanità non ha iniziato a bruciare combustibili fossili su larga scala.

Secondo lo studio, raddoppiare il tasso di concentrazione di anidride carbonica porterebbe ad un graduale aumento della temperatura del pianeta, nel corso di centinaia di migliaia di anni, fino a raggiungere +5-8 gradi Celsius, a causa degli effetti a cascata che potrebbero essere causati dall’aumento delle temperature.

READ  Social network: TikTok ispirato a Twitch

Pertanto, lo scioglimento del ghiaccio polare riduce la sua capacità di riflettere la luce solare, il che aumenta la velocità di scioglimento, ecc.

Lo studio mostra che 56 milioni di anni fa, l’atmosfera terrestre ha sperimentato un rapido aumento della concentrazione di anidride carbonica simile a quello osservato oggi, che ha causato massicci cambiamenti negli ecosistemi e ha impiegato circa 150.000 anni per dissiparsi.

“Rimarremo qui per molto tempo, a meno che non riusciamo a catturare l’anidride carbonica dall’atmosfera e a fermare le nostre emissioni molto presto”, riassume Purple Hunisch.