Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli astronomi scoprono una stella che è stata fatta a pezzi da un gigantesco buco nero

Tutto è iniziato l’11 febbraio 2022, alle 11:42:40 (ora di Parigi). Era ancora buio in California sul Monte Palomar, dove erano installati molti telescopi. Uno è dotato di una telecamera che scansiona il cielo con un campo visivo abbastanza ampio, alla ricerca di quelli che gli astronomi chiamano eventi transitori (comete, asteroidi, ma anche esplosioni stellari, ecc.). E in questo giorno d’inverno, questa struttura chiamata Zwicky Transit Facility (ZTF) vede una luce nel cielo che non c’era prima. Come annunciato mercoledì 30 novembre, due studi internazionali, uno pubblicato in natura e l’altro dentro astronomia della natura –Questa luce è un’indicazione di un evento tanto lontano quanto raro: una stella lacerata da un buco nero supermassiccio che era troppo vicino per passare.

Scritto così sembra tutto semplice, ma prima di giungere a questa conclusione gli astrofisici hanno dovuto seguire un lungo percorso intrapreso da Susana Ferjani, direttrice di ricerca del Centro nazionale per la ricerca scientifica dell’Osservatorio di Parigi e cofirmataria dello studio. natura : “Quando lo ZTF scansiona il cielo, lo confronta con quello precedente per scoprire le fonti fugaci. Ogni notte se ne trovano molte altre e tutto il gioco è capire la causa di ogni differenza. Perché abbiamo sviluppato strumenti automatizzati per questo, questo l’analisi iniziale viene eseguita molto rapidamente e quindi le informazioni vengono diffuse in una rete internazionale.” dei ricercatori.”

Quando il comportamento di una sorgente luminosa sembra particolarmente interessante, la comunità astronomica si muove per effettuare una serie di osservazioni complementari a diverse lunghezze d’onda. Nel caso dell’evento dell’11 febbraio, chiamato AT 2022cmc, un totale di 21 telescopi sono stati puntati verso la sorgente. “L’idea quindi è di mettere insieme tutte le note e cercare di capire cosa sono”.E il Susanna Ferjani conferma. La prima ipotesi riguardava un lampo di raggi gamma, che è la trasformazione di una stella morente in un buco nero o stella di neutroni, un evento cataclismico che invia una grande quantità di energia nello spazio. Ma questo scenario non si adatta alle note.

READ  Legends of Space - La Patrouille suisse va briller pour les astronautes d'Apollo

disco accumulatore

La migliore spiegazione implica un fenomeno noto come evento di rottura della marea.E il Si è verificato un disturbo della marea (TDE) in ingleseE il Spiegato da Suzanna Ferjani. Una stella squarciata dalla gravità di un buco nero supermassiccio in avvicinamento. » L’attrazione gravitazionale del buco nero strappa la materia dalla stella, proprio come si strappa la manica di una camicia quando la tiri troppo forte. Questa materia inizia quindi a girare attorno al buco nero in quello che gli specialisti chiamano un disco di accrescimento.

Hai ancora il 37,47% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.