Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Siamo davvero progettati per vivere come una coppia sposata?

Un recente studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences fa luce sul fatto che gli esseri umani siano o meno biologicamente destinati ad avere una relazione. Lo studio ha rilevato che esiste un’importante componente genetica nel grado in cui le persone sono soddisfatte del proprio partner romantico. Ciò suggerisce che la nostra felicità nelle relazioni è, almeno in parte, dovuta ai nostri geni e non solo al nostro ambiente o alle circostanze. Cosa significa questo per gli individui? Siamo condannati alla solitudine o c’è ancora speranza per noi? »

L’amore è uno dei sentimenti più interessanti e spesso confusi che proviamo come esseri umani. Da un lato, può portarci a trovare l’anima gemella e sperimentare la felicità come nessun altro. D’altra parte, può anche portare ad angoscia e delusione. Quindi cos’è davvero l’amore? Siamo davvero progettati per vivere come una coppia sposata?

Gli scienziati ci dicono…

Ebbene, sappiate che questo è un argomento studiato dalla scienza. E c’è una risposta: sì, siamo stati creati per vivere in coppia, perché senza un partner non avremmo il livello di benessere che abbiamo quando siamo in una relazione. Per capire perché è così, dobbiamo sapere come funziona il cervello umano quando incontriamo qualcuno.

Quando incontri qualcuno di nuovo, il tuo cervello inizia a lavorare per determinare se quella persona è amica o nemica. Questo processo avviene rapidamente e inconsciamente e coinvolge diverse parti del cervello. Innanzitutto, il sistema limbico, che controlla le emozioni, entra in pieno svolgimento. Quest’area del cervello valuta se è probabile che una persona sia emotivamente minacciata.

Quindi l’amigdala, responsabile della paura e dell’ansia, inizia a valutare la situazione. Se l’amigdala avverte una minaccia, invia un segnale al resto del cervello, facendoti sentire stressato o teso. Infine, entra in gioco la neocorteccia, che è responsabile del pensiero di ordine superiore. Quest’area del cervello tiene conto di fattori come le espressioni facciali e il linguaggio del corpo per determinare se una persona è degna di fiducia. Tutte queste informazioni vengono elaborate in pochi secondi e ti aiutano a decidere come interagire con questa nuova persona. Che tu stia sorridendo o offrendogli una stretta di mano, il tuo cervello ha già preso la decisione per te.

READ  Meteo: Parigi in allerta gialla per la minaccia di temporali questo mercoledì

Poi entra in gioco l’ossitocina…

Fin dal primo saluto, il nostro cervello rilascia ossitocina, l’ormone dell’amore. Svolge un ruolo importante nel legame, nell’interazione sociale e nella riproduzione sessuale. Si attiva quando una persona abbraccia, tocca o si siede vicino a un’altra persona. I livelli di ossitocina aumentano anche durante il sesso, il parto e l’allattamento. Questo ormone ha molti effetti diversi sul corpo.

Ad esempio, può aiutare ad aumentare la fiducia e la cooperazione, ridurre la paura e l’ansia e promuovere sentimenti di felicità e benessere. L’ossitocina svolge anche un ruolo essenziale nella riproduzione. Durante il parto, aiuta a stimolare le contrazioni uterine. E durante l’allattamento, aiuta la madre ad avvicinarsi al suo bambino e a produrre latte. La prossima volta che ti senti vicino a qualcuno, assicurati di ringraziare i tuoi livelli di ossitocina per averlo reso possibile!

Quindi, gli esseri umani possono sopravvivere da soli?

La scienza dice che biologicamente non dovremmo vivere da soli. Gli studi hanno dimostrato che l’interazione sociale è essenziale per lo sviluppo del cervello e che gli esseri umani che non hanno contatti sociali hanno maggiori probabilità di soffrire di problemi di salute mentale e fisica. Anche gli animali hanno bisogno di interazione sociale per mantenersi in salute: guarda come si emozionano i cuccioli quando incontrano altri cani o i loro proprietari!

Quindi, anche se non sempre ci piace stare con altre persone, ne abbiamo chiaramente bisogno per vivere una vita felice e sana. Un altro caso che ha confermato questi studi è il confinamento dovuto alla diffusione del Covid-19 nel 2019. Molte persone che vivono da sole hanno sperimentato malessere e ansia durante questo lungo periodo. Il che suggerisce che potremmo non essere in grado di cambiare la nostra biologia, ma possiamo cambiare la nostra situazione. E qui stiamo parlando di single! Nonostante le esperienze frustranti che li portano a vivere da soli. Ciò non significa che siano condannati a una vita di solitudine. Ma sono nella fase della rinascita per tuffarsi nuovamente in una nuova avventura piena di amore e dopamina.

* Presse Santé si impegna a diffondere la conoscenza della salute in un linguaggio accessibile a tutti. In ogni caso, le informazioni fornite non possono sostituire il parere di un professionista della salute.