Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli astronomi dell’Università di Liegi hanno scoperto una nuova super-terra che potrebbe essere abitabile

Speculoos-2c è stato effettivamente scoperto grazie a una ricerca su un altro pianeta, che risponde al dolce nome “LP 890-9b”. La sua esistenza è stata rilevata in precedenza La missione spaziale Tess (Transiting Exoplanet Survey Satellite) della NASA, dedicata alla ricerca di esopianeti in orbita attorno alle stelle vicine.

Abbiamo usato telescopi terrestri speculo (Cerca i pianeti abitabili che superano in numero le stelle ULtra-cOOl – la spiegazione è qui…), situati in Cile e sull’isola di TenerifeLaetitia Delreese dice: Per confermare l’esistenza di questo pianeta e per cercare altri pianeti che potrebbero essere stati persi da TESS.”. Bingo! Questo è lo speculum-2 c.

zona abitabile

È circa il 40% più grande della Terracontinua l’astrofisico. È particolarmente interessante perché si trova nella cosiddetta zona “abitabile” attorno alla stella. È una regione in cui le temperature sono favorevoli per la presenza di acqua liquida, che è essa stessa una componente essenziale della vita così come la conosciamo nel nostro sistema solare. Ecco perché siamo particolarmente interessati a questo tipo di pianeta”.

Speculoos-2c è più vicino alla sua stella che la Terra al Sole, orbita in soli 8 giorni (contro i 365 della Terra), ma la sua stella è 6,5 volte più piccola del Sole e ha una temperatura superficiale. La metà. Quindi la quantità di radiazione stellare che riceve rimane bassa, così come le temperature.

Studia l’atmosfera

Ora non sappiamo che aspetto abbia in praticaspecifico Laetitia Delrayes. Ad esempio, non sappiamo se ha un’atmosfera. Ci sono molti altri fattori in termini di abitabilità. “

READ  Road 96 arriva dal 15 aprile su PS4, PS5, Xbox One e Xbox Series X|S

Il prossimo passo per il team di Liegi è cercare in modo specifico di scoprire l’atmosfera di questo pianeta e, se ne ha una, analizzarne la composizione per saperne di più sulle condizioni sulla sua superficie. Per fare ciò, il team invierà una richiesta per poterlo utilizzare James Webb Telescope, lanciato di recente dalla NASA.

L’idea di poter utilizzare questo famoso telescopio è davvero molto eccitante. Apre nuove strade nella caratterizzazione degli esopianeti.” Il Il James Webb Telescope ci permette di sondare l’atmosfera con livelli di precisione mai raggiunti prima.