Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giro delle Fiandre | Foto pazzesca e svolta decisiva: perché Mathieu van der Poel è volato a Koppenberg?

Giro delle Fiandre |  Foto pazzesca e svolta decisiva: perché Mathieu van der Poel è volato a Koppenberg?
Quando ha visto apparire la pioggia sul percorso del Giro delle Fiandre, Mathieu van der Poel (Alpecin-Deseuinink) Koppenberg aveva questo in mente? Aveva chiaramente intenzione di attaccare lì per superare il secondo livello dopo la sua prima accelerazione sull'Old Kwaremont. Ma non si aspettava che il 90% del gruppo in cui faceva parte sarebbe stato bandito e costretto a dimettersi.

Sono scivolato in cima!“, ha sorriso il vincitore di giornata dopo aver festeggiato il suo terzo successo, un record, al Giro delle Fiandre portando la sua bici sul traguardo. Sarà anche scivolato ma Van der Poel ha schiaffeggiato tutti nel mondo, compresi quelli che “sono arrivati ​​al top in bicicletta. Perché lui e non altri? Perché alcune persone dovevano scendere dal punto più ripido del pendio? Chiaramente il punto di svolta della gara, che il nostro consulente Steve Channel ha decodificato.

Van der Poel, il miglior tecnico del mondo

È riuscito a mantenere la sua velocità e non ha perso nulla quando ha raggiunto i rapporti più altianalizza Steve Chennell, il nostro consulente. Soprattutto, è l'unico che può caricare il massimo peso sulla sella“.Un'eredità del ciclocross, una disciplina che ha padroneggiato come nessun'altra attraverso i suoi sei titoli mondiali.”Ed era il caos […] Sono dovuto scendere dalla bici a Koppenberg. Dopodiché Matteo rimase solo nel suo mondo“, ha commentato Tom Scoggins (Liddle Trek).

Matteo van der Poel

Credito: Getty Images

All'ultimo Gran Premio dell'E3, Wout van Aert, con la caduta a Paterberg, ha mostrato la differenza tecnica che ancora separa Mathieu Van der Poel dal resto del mondo. L'olandese non avrebbe mai avuto un incidente del genere, e i suoi risultati al Giro delle Fiandre (4°, 1°, 2°, 1°, 2°, 1°), una corsa pericolosa ed essenzialmente casuale, ci ricordano quanti guai evita. A meno che non sia il contrario. “La sua forza e la sua tecnica hanno fatto la differenza. Il ciclocross chiaramente lo aiuta in queste condizioni“, sorridendo al padre Adri, vincitore del Giro delle Fiandre nel 1986.

Come il gelato

Immagino che non pensasse che ci sarebbero stati solo tre ragazzi in sella alle loro biciclette.“, apprezza Chainle quando parliamo di una mossa deliberata da parte di Van der Poel. Sì, il futuro vincitore voleva fare la differenza ma no, non pensava di approfittare dei corridori, che è un'immagine d'altri tempi Una volta rimosso il Koppenberg, la montagna più dura del mondo, le Fiandre, dalla strada, sono state sottoposte a lavori per renderle nuovamente più sicure.

immagine

Cavalcando trionfante fino alla fine: un capolavoro di Van der Poel

Lì, questa domenica, erano solo tre del gruppo dei leader che sono riusciti ad attraversarlo in bicicletta. Ovviamente Matteo van der Poel ma anche Matteo Jorgenson (Visma | Rent a Bike), che ha provato a seguirlo prima di ricredersi a pochi chilometri di distanza, ed infine Mads Pedersen (Liddle Trek).

Ha un problema di adesione al pavimento.“, spiega Chainle, che ha osservato questa zona umida a Koppenberg nel 2009. Dovresti evitare di rimbalzare e dare il massimo controllo alla ruota posteriore quando accendi la macchina. Sarà come cavalcare sul ghiaccio, se giri velocemente le gambe non passerà. Devi applicare la giusta pressione. È un elemento tecnico“Un oggetto che ha permesso a Van der Poel di volare via. Dopo cinquanta chilometri nessuno lo ha più rivisto e lui ha potuto festeggiare.

READ  'È sulla buona strada': capocannoniere, il ritorno in pista di Romelu Lukaku (VIDEO)
immagine

Un altro van der Poel, un'altra masterclass: gli highlights di Ronde in video