Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giovedì il centro logistico Mustadag di Gosselis ha impedito a diversi lavoratori di scioperare

Giovedì il centro logistico Mustadag di Gosselis ha impedito a diversi lavoratori di scioperare

Si è concluso con un fallimento anche il consiglio aziendale straordinario tenutosi mercoledì pomeriggio presso la sede del gruppo di supermercati Mustadough, acquisito dal marchio francese Intermarché. Stanchi delle “chiacchiere dolci” dell’amministrazione, i sindacati hanno annunciato giovedì un blocco davanti al deposito della sede centrale dei mustagl a Gosselis. Gli agenti del negozio hanno anche invitato tutti gli affiliati a scioperare giovedì.

Mandiamo i lavoratori verso l’ignoto.

L’acquisizione del gruppo di supermercati Mestdagh da parte del marchio francese Intermarché ha suscitato un forte malcontento sociale dovuto al passaggio al modello del franchising. In particolare, i sindacati chiedono garanzie sul mantenimento delle condizioni di lavoro delle persone trasferite con l’acquisizione di Mustagh Group. “Più andiamo avanti, meno garanzie abbiamo. Stiamo mandando i lavoratori verso l’ignoto”. E quando si tratta di istituire un CCT che colleghi l’acquirente, il dipendente e il palato assicurando il mantenimento delle attuali condizioni commerciali, i sindacati prendono una decisione “inconcludente”, Lo denuncia Myriam Dailami, di Sitka.

Inoltre, i sindacati chiedono alla direzione di fornire soluzioni alternative ai lavoratori che non desiderano più lavorare con Intermarché. anche questo, “Siamo nella terra di nessuno” La signora Delmee si rammarica. “Non sappiamo con che salsa mangeranno i dipendenti”. sul sindacalismo, “La direzione deve accettare l’impegno, ma anche nominare il componente che prenderà in carico il personale”. Diversamente da quello, “Il movimento di sciopero aumenterà”, Lei avverte.

La direzione è rimasta sorpresa e scioccata

Sul piano gestionale prevalgono l’incomprensione e lo stupore. “Siamo già al Quarto Business Council e ogni volta la direzione risponde a tutte le domande in modo costruttivo”, afferma Henry de Lophem, addetto stampa di Intermarché. Quest’ultimo dimostra che la direzione è disponibile a richiedere l’uscita volontaria e che il mantenimento delle garanzie dei diritti dei lavoratori è sancito dal CCT 32 Bis.

READ  Cosa ci insegna la conversione Ford Genk sui Caterpillar Gosselies

Inoltre, la direzione dice che è privato “scioccato” Su richiesta dei sindacati Piano di ristrutturazione. “La caduta delle maschere”conferma Henri de Louvem, che vuole che i sindacati entrino nella fase negoziale sulla legge Renault, mentre “Dall’annuncio dell’acquisizione di Mustadang, la direzione ha assicurato che i negozi non fossero chiusi e che i negozi non fossero chiusi”. L’amministrazione considera questa richiesta un desiderio di farlo “marcire” Stato e preparazione per le future elezioni sociali. “Msedtag ha bisogno di tutti a bordo”Ha concluso l’addetto stampa.