Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gennaio secco: Macron e il governo Borne fanno sentire le persone frustrate

Gennaio secco: Macron e il governo Borne fanno sentire le persone frustrate
I belgi hanno scelto febbraio per il loro “metal tour”

Questa non è l'unica differenza. Se le autorità pubbliche belghe sostengono il “giro minerale”, in Francia non è così. “Sono state le associazioni, tra cui la nostra, a lanciare la prima edizione della Challenge di Gennaio nel 2020, con pochissime risorse.spiega Bernard Basset, presidente dell'Associazione “Le dipendenze in Francia” e medico specializzato in sanità pubblica. “L’operazione doveva essere eseguita dall’Agenzia francese per la sanità pubblica, ma lo Stato si è ritirato”.

Possibile interferenza

Nel novembre 2019, il presidente Emmanuel Macron ha annunciato che non avrebbe sostenuto la “Sfida di gennaio” durante una visita a Épernay (Marna), nella regione dello Champagne, dove ha incontrato i rappresentanti del mondo del vino. Due anni prima, il nuovo capo dello Stato aveva nominato il delegato generale della potente lobby “Vino e Società”, Audrey Borolo, consigliere per l'agricoltura, la pesca, la silvicoltura e lo sviluppo rurale nel suo governo. Questi ultimi hanno continuato a difendere gli interessi dei commercianti di alcolici dell'Eliseo fino al punto di allentare la strategia del governo riguardo all'alcol, secondo quanto rivelato dal giornale. il mondo. Altro dato preoccupante: nel 2023, l’esecutivo ha annullato due campagne di prevenzione della salute pubblica in Francia previste durante la Coppa del mondo di rugby.

Privarsi di alcol, carne o riscaldamento per alcune settimane: processi di questo tipo si moltiplicano. Cosa dicono della nostra società? Da dove viene questo ascetismo contemporaneo e vediamo in esso l’emergere di un fenomeno reale? Non necessariamente e non immediatamente, come nota l’antropologo Olivier Servais.

“La lobby del vino e dell’alcol influenza l’azione del governoAnalisi di Bernard Bassett. Questo settore economico, che gode di sostegno, si è sempre opposto al divieto e ha reagito alla minima informazione che lo infastidiva. Nel 2018, l’amministratore delegato si è addirittura rifiutato di rendere più visibile la grafica della “donna incinta” sulla confezione e sulle etichette. Ogni anno in Francia si contano ancora 8.000 casi di disabilità legati al consumo di alcol da parte del feto. La prevenzione è un dovere delle autorità pubbliche, è la missione della sanità pubblica francese”.

READ  Boris Johnson si confronta con una nuova foto compromettente

L’agenzia è ancora in grado di trasmettere una forte campagna, dal 9 al 31 gennaio 2023, su ““È ridicolo augurarsi buona salute brindando con bicchieri di alcol.”. “Ciò non ha soddisfatto i lobbisti e potrebbe aver portato all’annullamento delle campagne successiveBernard Basset crede. Tuttavia, l’alcol non fa bene alla salute. Sì, il rischio aumenta con il consumo, ma anche un bicchierino di vino rosso al giorno non fa bene. “È stato dimostrato.”

Bottiglia esperta in mare

Di fronte alla mancanza di investimenti da parte del governo, alla fine di novembre, 48 specialisti nel trattamento delle dipendenze hanno scritto al ministro della Salute, Aurelien Rousseau, per chiedere una vera politica preventiva e il sostegno del governo alla “Sfida di gennaio”. “Crediamo tutti che l’alcol dovrebbe essere una priorità per la salute pubblica e ci dispiace che lo Stato non stia facendo abbastanza.“, scivola Bernard Basset, che ha contribuito alla lettera che ““Non abbiamo davvero ricevuto una risposta.”

Se il Ministro della Sanità, che si è dimesso dopo l’approvazione della legge sull’immigrazione, aveva promesso che si sarebbe svegliato a gennaio, per il Ministero dell’Agricoltura non è così. Mark Fresno ha dichiarato di preferire ““La frugalità e la moderazione, piuttosto che il divieto, sono permanenti”.

“È strano che ripeta parola per parola quello che dice 'vino e società'.”“, osserva Bernard Bassett. Il fatto che il Ministro dell'Agricoltura sia il portavoce ufficiale della lobby del vino non è un segno dell'indipendenza del Paese.

Anche se preferisce vedere il bicchiere mezzo pieno piuttosto che mezzo vuoto, il dottor Basit afferma tuttavia:Un profondo cambiamento nella società francese nel suo rapporto con l’alcol, e il successo della “Sfida di Gennaio” lo riflette”.

READ  Attenzione se andate in vacanza in macchina: dovrete dotarvi di un corpicino ben preciso

Secondo un sondaggio Ifop condotto il 26 dicembre, il 33% dei francesi prevede di partecipare a questo processo. Secondo l’Autorità sanitaria pubblica francese, la percentuale di adulti che hanno dichiarato che il loro consumo di alcol era superiore al limite raccomandato è aumentata dal 23,7% nel 2020 al 22% nel 2021. Da parte sua, l’Istituto nazionale per la salute e la ricerca medica (Inserm ) indica che l'alcol ne è responsabile. Per 49mila morti ogni anno, con un costo sociale stimato in 118 miliardi di euro.