Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Colui che aveva i fagioli divenne padrone”: conoscete la vera origine della galette des Rois?

“Colui che aveva i fagioli divenne padrone”: conoscete la vera origine della galette des Rois?

È il 6 gennaio… il giorno dell'Epifania. Per molti di voi questa potrebbe essere l’occasione per godersi un buon pasto. In Vallonia, durante questo periodo vengono venduti ogni anno 800.000 articoli. Ma conoscete la vera origine di questa torta?

Come non resistere a questa regina dei piatti deliziosi? Il suo colore è dorato, la sua pasta è gonfia e ha il sapore di mandorle tritate. Anche quest'anno, 9 belgi su 10 divoreranno l'intramontabile galette des rois.

Nel laboratorio di Emil è iniziata la corsa finale. Lui e la sua squadra devono rilasciare 700 torte durante il giorno. Pezzo dopo pezzo, li modella con agilità e velocità. “Una buona torta sta semplicemente negli ingredienti. Buon burro, buona farina… perché è fatta soprattutto di quella. E buon ripieno, e quindi buone mandorle.”“, spiega Emile Michaud, pasticciere.

Sole per il Re Sole

Con lui ogni dettaglio conta. Questo chef dipinge a mano un sole su ogni fetta di torta. Un riferimento alla sua storia. Perché nel XVII secolo Luigi IV, soprannominato il Re Sole, ne era molto ghiotto. “Sarebbe il ristoratore di Luigi IV, al quale il re chiederebbe di rappresentare il sole sulla torta. Da qui il famoso disegno classico della Galette des Rois.”“, spiega Eric Michaud, pasticciere.

Torte che dovranno poi essere dorate a mano. Per donare loro nuovamente la brillantezza che ricorda la stella divina. “Lo glassiamo, è solo uno sciroppo di zucchero – metà acqua e metà zucchero – lo facciamo bollire e lo mettiamo su una torta calda. E lì sarà più che lucido, sarà caramellato. Sarà davvero bello.”Lui continuò.

READ  Un grido nei Paesi islamici dopo aver "insultato il Profeta"

Ma questa gentilezza non è stata sempre elegante. Le sue tradizioni, piene di storie e voci, risalgono a diverse migliaia di anni fa. L'origine della Galette des Rois è spesso legata alla storia dei Re Magi e all'Epifania che avviene contemporaneamente. Ma in realtà si ispira a pratiche molto più antiche.

Schiavi e padroni

Tutto ebbe inizio nell'antica Roma, un secolo prima dell'avvento di Cristo. In questo periodo i romani celebrano i Saturnalia. “Durante queste feste, schiavi e padroni condividevano un pasto e veniva nascosto un fagiolo. Tra gli schiavi, quello che aveva il fagiolo, diventava il padrone della giornata. In definitiva è un buon modo per allentare le pressioni sociali.”dice Bernard Wilkin, capo del lavoro presso l'Archivio di Stato.

Nel Medioevo la tradizione divenne più familiare. Ma la Galette des Rois resta un po' rustica. Poi i suoi componenti sono diventati meno nobili di quelli utilizzati oggi. “Ciò significa che l'abbiamo fatto con un impasto di farina, acqua, sale e burro. E questo è assolutamente tutto. Ci abbiamo messo dentro un fagiolo. I fagioli, che sono verdure essiccate, sono semplicemente fagioli.”identifica Pierre Leclerc, storico della gastronomia.

Abbiamo dovuto attendere il XIX secolo e l'industrializzazione per vedere le galette diventare più precise. Oggi il loro successo è tale che ogni anno in Vallonia ne vengono venduti 800.000.