Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trump afferma che “vincerà” le elezioni presidenziali del 2024 contro il “peggiore” presidente e che il suo Paese deve affrontare la minaccia della “Terza Guerra Mondiale”

Trump afferma che “vincerà” le elezioni presidenziali del 2024 contro il “peggiore” presidente e che il suo Paese deve affrontare la minaccia della “Terza Guerra Mondiale”

Il miliardario repubblicano, che sogna di essere rieletto a novembre e di tornare alla Casa Bianca il 20 gennaio 2025 nonostante le quattro accuse penali a suo carico, affronterà gli elettori entro otto giorni per la prima volta dalla sua improvvisa partenza dalla presidenza il 20 gennaio. , 2021.

Esattamente tre anni dopo l’attacco senza precedenti alla sede del Congresso a Washington da parte dei suoi sostenitori il 6 gennaio 2021, Donald Trump ha affermato in un discorso intermittente durato più di due ore a Newton, vicino alla capitale regionale Des Moines, che avrebbe continuato a: vincere una terza volta” alle elezioni presidenziali di novembre.

“Joe il bastardo”

La piattaforma repubblicana, eletta nel novembre 2016 e sconfitta quattro anni dopo, ritiene che la vittoria in queste elezioni le sia stata “rubata” dal democratico 81enne Joe Biden, che ancora una volta lo ha chiamato “Joe La Scrapole, ” che è un'età felice. fatta di.

Donald Trump (77 anni) ha descritto Joe Biden come il “peggiore” presidente della storia degli Stati Uniti, che ha messo sottosopra la democrazia americana in meno di dieci anni, esprimendo il suo rammarico per il fatto che la prima potenza mondiale sia “in declino”.

Stimò addirittura che il suo paese rischiasse una “terza guerra mondiale” e una “depressione” degli anni ’30, e avvertì alcune centinaia di sostenitori esultanti del MAGA (“Make America Great Again”) nella Newton Room: “È la nostra ultima possibilità, salva l’America. “.

“Malato”, “dittatore” e “principale negatore delle elezioni”: Joe Biden lancia la sua campagna elettorale con Donald Trump nel mirino

“Sono un dittatore”

È ironico che i democratici e i media abbiano messo in guardia negli ultimi mesi dal pericolo di una “dittatura” di Trump se dovesse vincere un secondo mandato, come ha dichiarato il miliardario: “Sono un dittatore”.

READ  Controversa nomina a un posto chiave della Commissione europea: Bruxelles reagisce alla protesta ma rischia di deludere la Francia

Il giorno prima, in un discorso elettorale in Pennsylvania incentrato sulla difesa della “democrazia”, Joe Biden aveva paragonato il discorso del suo rivale a quello della “Germania nazista”.

Nonostante i suoi insuccessi legali e il rischio di prigione per i suoi tentativi di invertire i risultati delle elezioni presidenziali del novembre 2020, i sondaggi attribuiscono a Donald Trump il 60% dei voti repubblicani contro i suoi principali rivali, Nikki Haley e Ron DeSantis.

Inoltre non ha esitato a deridere i suoi rivali repubblicani.

In Iowa e in molti stati conservatori del paese, il settantenne ha un seguito fieramente leale che ignora le sue avventure e i suoi problemi legali.

L'attentato al Campidoglio, tempio della democrazia americana, resta oggetto di profonda divisione negli Stati Uniti: un quarto degli americani e il 44% degli elettori di Trump ritengono, senza prove, che nell'attentato sia coinvolta la polizia federale (FBI). attacco. Originariamente, secondo un sondaggio condotto dal Washington Post e dall'Università del Maryland.

1200 arresti

La stessa FBI ha annunciato sabato l'arresto di tre persone in Florida per la loro partecipazione all'attacco del 6 gennaio. Durante l’indagine durata 35 mesi e ancora in corso, le autorità hanno accusato più di 1.200 persone in quasi tutti i 50 stati degli Stati Uniti. Più della metà di loro sono stati condannati.

Per Trump sono “ostaggi”.

Ha negato per tre anni di aver incitato i suoi sostenitori alla ribellione – sabato in televisione sono state trasmesse nuove immagini di violenza – e di aver attaccato il Congresso mentre veniva confermata la vittoria di Joe Biden il 6 gennaio 2021.

Quindi, per giudicare la pressione che avrebbe esercitato per cercare di ribaltare i risultati, dovrebbe iniziare il 4 marzo a Washington un processo penale.

READ  Stefan Bern valuta il controverso ingresso di Elisabetta II

Sarà la vigilia di una delle più grandi scadenze delle primarie repubblicane: il “Super Tuesday” in una quindicina di stati: Texas e California… ma anche Colorado e Maine.

Gli ultimi due stati lo hanno dichiarato non idoneo alla presidenza a dicembre a causa delle sue azioni il 6 gennaio 2021. La Corte Suprema ha esaminato la questione venerdì, anche se il nome di Trump è rimasto sulla lista in attesa della sua decisione a febbraio. Scrutinio delle primarie.