Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fotovoltaico: piatti “solari” nel villaggio vallone, i primi nel loro genere nell’Unione europea

Fotovoltaico: piatti “solari” nel villaggio vallone, i primi nel loro genere nell’Unione europea

Andare avanti praticamente

Il progetto del Parco Parabola è certamente in appello davanti alla giustizia amministrativa, ma ciò non significa che Monique e Christoph Nihon aspettino pigramente che il dossier venga portato avanti legalmente. I vincoli associati al finanziamento del progetto li costringono a spostarsi e a trovare soluzioni per far fronte ai propri obblighi finanziari e mantenere il sito su base giornaliera.

Leggendo la stampa mondiale, è venuta loro un’idea originale e significativa: i coniugi hanno chiesto e ottenuto un permesso ambientale di Classe 3 per coprire le parabole esistenti con almeno 20.000 metri quadrati di pannelli fotovoltaici! Il primo di questo genere nell’Unione Europea (solo la Svizzera dispone di una struttura di questo tipo).

Qualunque cosa accada al sito dell’ex stazione delle telecomunicazioni, l’elettricità sarà sempre necessaria per il suo funzionamento futuro. Inoltre questo progetto rientra nella visione globale dei proprietari del gruppo immobiliare “Proactiv”: economia ambientale.

Conviene investire in pannelli fotovoltaici in Belgio?

Molti futuri possibili

Il sito ex RTT Lessive potrà quindi essere dotato di un ampio parco di pannelli fotovoltaici. Resta da vedere per chi verrà utilizzata questa energia rinnovabile. Se il Consiglio di Stato sarà d’accordo con i promotori del Generations Village, il sito speciale sarà dotato di un imponente elettroutensile. Ma se la ripresa non avviene in tempi rapidi, nel progetto per l’occupazione, pubblica e sociale, c’è un’alternativa allo sviluppo, compreso uno sfogo puro e semplice per i 50 ettari, anch’essi grandi e necessari, di energia.

Terreno con una missione di ricerca ad alto potenziale

Recentemente, diversi media hanno sottolineato la mancanza di grandi appezzamenti di terreno disponibili in Vallonia, privandola di alcuni interessanti progetti valloni o stranieri. Questi ultimi vanno in esilio o si stabiliscono in altre regioni e paesi per compensare questo squilibrio. Tuttavia, la posizione Ad esempio, l’RTT è inferiore, senza incidere sui 21 ettari di Natura 2000 con cui confina, è dotato delle infrastrutture esistenti che saranno rinnovate e integrate dai 29 ettari che saranno costruiti, ed è idealmente situato a 4 km dall’autostrada. Una nuova benedizione per la regione?

READ  Iva su gas ed elettricità, diritto alla disconnessione, acquisto di immobili a Bruxelles: tutto cambia dal 1 aprile

Ma non riuscendo a essere all’altezza della loro intuizione e visione, Monique e Christoph Nihon potrebbero essere costretti a seguire la loro logica.

I dadi non sono stati lanciati, ma stanno per esserlo.