Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Verstappen: Tensioni ma soprattutto rispetto con Hamilton

Nonostante gli scontri e le tensioni tra i loro clan, guidati dai direttori di Mercedes Formula 1 e Red Bull, Lewis Hamilton e Max Verstappen vanno d’accordo. Lo ha confermato quest’ultimo in un’intervista, dove ha parlato del rispetto reciproco che li unisce.

“Tutto bene” Verstappen ha confermato in un’intervista a The Gentleman’s Journal. “Siamo come dovrebbero essere i concorrenti. Non ceniamo insieme ma va tutto bene”.

“Abbiamo questo spirito competitivo e cerchiamo sempre di lottare sul ring, ma ci rispettiamo anche fuori dal ring. Finora ci sono stati alcuni momenti di tensione, ma nel complesso tutto è filato liscio”.

Verstappen chiarisce di non essere interessato ai social media e a quello che succede intorno alla Formula 1. L’olandese rivela che cerca di non pensare alla F1 quando è con chi gli sta vicino.

“So quello che ho bisogno di sapere in F1, all’interno del team, e non sono molto interessato a tutte le altre storie che ci circondano. Non voglio seguirle. Non voglio vederle in il mio thread. Concentrati solo sul passare il mio tempo con la mia famiglia e i miei amici quando sono a casa.”

“Se sono sui social media, non voglio vedere una macchina da corsa. Non influenzerà quello che faccio nel fine settimana, in pista o sulle mie prestazioni, quindi è solo una perdita di tempo. Per guardalo. Preferisco passare il tempo con la mia famiglia o i miei amici”.

Imparare nel momento

Verstappen è stato il pilota più giovane a raggiungere la Formula 1, con un solo sedile provato per una stagione. In effetti, il suo tempo di adattamento è stato significativo e ci sono voluti molti anni prima che smettesse di commettere errori.

READ  Karim Benzema condannato a un anno di carcere

Periodo di apprendimento richiesto per lui: “Que peut-on attendre à 17 ans ? Vous devez faire des erreurs, vous devez apprendre. Je n’avais fait qu’un an de compétition, en F3, en dehors du kart, donc il y avait une période d’éapprentissage n “per vivere.

“Va bene, perché ho iniziato in Toro Rosso. Non era come se stessi lottando per il campionato del mondo in quel momento. È stato bello lottare in mezzo al gruppo e lavorare davvero per questo. Ho imparato molto”.

Mentre lotta per il titolo mondiale quest’anno, sta cercando di non pensare a quell’obiettivo: “C’è ancora molta strada da fare. Non sono un sognatore quindi non penso ancora molto ad Abu Dhabi. Corro una gara alla volta per cercare di ottenere più punti possibili ogni volta”.