Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Picchi, flop e domande dopo il Gran Premio del Messico

Dopo ogni Gran Premio, Nextgen-Auto.com ti invita a trovare i picchi e le cadute stabiliti dalla redazione. Chi è degno di lode? Chi, al contrario, dovrebbe essere criticato? Infine, quali punti interrogativi o ambiguità dovrebbero essere seguiti con interesse durante il prossimo Gran Premio? Scopri qui sotto!

Superiore.

Summit #1: Pierre Gasly, il migliore degli altri, il migliore di tutti?

Che fine settimana! Dopo essere arrivato in Messico, Pierre Gasly ha stimato di aver fatto il fine settimana ” Perfetto. “ Il pilota dell’AlphaTauri aveva una visione chiara delle cose. Cosa avrebbe potuto fare di meglio? non vedere. Nella prima qualifica, Pierre Gasly è stato più vicino a Sergio Perez, quarto, che al ferrarista Carlos Sainz, quinto, che è sceso a tre decimi. Imbarazzato. In gara, evitando il caos in un primo momento, Pierre Gasly ha vagato dopo: mettendo le Ferrari a una buona distanza, veloci 10 secondi, e poiché anche lui non aveva la macchina per competere con Sergio Perez, la sua prova del Grand Prix è appartata come è efficace. . Risultato della gara: Gasly non è apparso molto sullo schermo e meritava senza dubbio più visibilità, oltre ad essere eletto pilota della giornata e del fine settimana, davanti a Sergio Perez o Max Verstappen. È il prezzo del successo: l’apprezzamento. La parte peggiore è che stiamo iniziando ad abituarci a spettacoli come questi al Pierre Gasly, ma ricorda, ognuno è altrettanto eccezionale.

Con una prestazione così impressionante, Alpine vede l’AlphaTauri tornare a pari punti nella classifica costruttori. E con una tale misura, Gasly dimostra che quando quasi tutto funziona intoccabile nel gruppo, Faenza è ancora una volta il favorito in questa lotta.

Top #2: Verstappen in gita messicana

La sua delusione in qualifica è stata acuta quanto la sua gioia dopo la gara. Nel giro di 24 ore, Mercedes e Red Bull hanno ricordato quanto fosse pericoloso dire “chi” aveva la macchina migliore, a che giro e su quale pista era un rischio quest’anno. Essendo retrocesso in Mercedes in qualifica, Max Verstappen dubitava e aveva ragione. Ma in gara, superata in maniera superba la prima curva (grazie alla pessima difesa di Valtteri Bottas…), l’olandese ha svelato il suo piano indisturbato, non una volta minacciato, anche dopo che la gara è ripresa dopo che la vettura della sicurezza. Sono rimasto impressionato dalla facilità con cui è stato in grado di costruire un materasso di 8 secondi all’inizio della gara – Lewis Hamilton, arrabbiato dopo le FP3, poi rassicurato dopo la Q3, è tornato al suo stato mentale originale quasi apparendo. Conferenza stampa.

READ  Leicester e Rangers di nuovo in pista / C3 / Riepilogo / SOFOOT.com

Senza commettere un solo errore, Max Verstappen ha ottenuto una vittoria tirannica, come Sebastian Vettel e Lewis Hamilton all’apice della loro gloria. Questo ci ricorda qualcosa… Non è stata la vittoria di un eroe? Né Daniel Ricciardo né Helmut Marko hanno avuto bisogno di altro per rendere Max Verstappen il favorito per il titolo. Ma attenzione, tutto può cambiare in fretta…

Top n. 3: Vettel e Räikkönen, discreti ma efficaci

Nel gruppo ci sono state molte buone prestazioni di saluti. Sebastian Vettel ha confermato per la prima volta il suo buon arrangiamento ad Austin. Partendo dalle retrovie, il pilota dell’Aston Martin F1 è tornato in decima posizione, con una bella rimonta. Questa volta, partito nono, ma con una libera scelta delle gomme grazie alle penalità al motore di Yuki Tsunoda ea Lando Norris, il tedesco è stato efficiente e dopo aver cancellato Kimi Raikkonen ha preso il suo posto conquistando ben sei punti. Quindi, è il secondo Gran Premio di successo di Sebastian Vettel e promettente per il prossimo anno. Tuttavia, l’Aston Martin F1 non ha avuto il passo delle vetture Ferrari, di gran lunga.

Per quanto riguarda Kimi Räikkönen, ha fatto mentire i suoi critici, che hanno potuto apprezzare, sicuramente vista la sua regolare prestazione nelle qualifiche di quest’anno, che aveva davvero una mente altrove. In una strategia più efficace di quella del compagno di squadra, il finlandese ha preso il suo posto nel Peloton, contro l’Alpi a Fernando Alonso, cosa rassicurante per l’Alfa Romeo e preoccupante per l’Alpi. Ha segnato ben 4 punti, che lo scorso anno sarebbero stati più che sufficienti per l’Alfa Romeo per assicurarsi l’ottavo posto nella classifica costruttori. Ma quest’anno, Williams ha brillato quando necessario.

flop

Flop n. 1: uscita: niente funziona

Lance Stroll non ha mai raggiunto punti in Messico e sperava di invertire la tendenza quest’anno. Alla fine, le prestazioni del pilota di Formula 1 dell’Aston Martin sono state peggiori rispetto agli anni precedenti. Mentre la sua vettura è riuscita ad entrare a punti o addirittura in Q3, il canadese ha commesso uno stupido e inutile errore all’uscita dell’ultima curva, prima del suo giro in Q1. In un luogo in cui quasi nessuno andrebbe normalmente, Stroll ha perso il controllo della sua auto, provocando un grave incidente e perdendo le qualifiche per ore di sonno a causa dei meccanici. Lance partiva decisamente dal fondo della griglia a causa delle penalità al motore, ma questo non giustifica nulla.

READ  Vincitore Imperiale a Monza, Ogier spunta il suo ottavo titolo mondiale, Power Stage per Neuville

Il giorno dopo, in gara, è rimasto logicamente bloccato nel gruppo e non è più tornato come Lando Norris per esempio. La sua unica arma vincente è stato il sorpasso delle Williams di George Russell: il suo ingegnere di pista ha elogiato il canadese dopo il Gran Premio per quello che restava del sorpasso in mezzo alla griglia su una vettura più lenta…

Flip #2: Bottas brilla prima che diventi completamente buio durante il fine settimana

Per prima cosa bisogna congratularsi con Valtteri Bottas per il suo ottimo giro in Q3: era forse il finlandese che non ci aspettavamo come uomo Pullman, ma ancora una volta ha dimostrato la sua capacità di essere veloce mettendo tutto ciò su cui il mondo è d’accordo in Q3. Ma la caduta è stata grave il giorno successivo. Valtteri Bottas ha perso tutto in partenza, e non è solo colpa di Daniel Ricciardo. Chiaramente non ha seguito le linee guida e gli scenari che la Mercedes prevedeva prima della sconfitta generale alla prima curva, lasciando molto spazio alla sua sinistra per Max Verstappen della Red Bull. Lewis Hamilton, che tratta bene il compagno di squadra, lo ha accusato di questo Lascia la porta aperta per Max. Lui dice “Parleremo con lui per vedere perché ha preso la sua decisione”. “ Toto Wolff non è stato meno spietato nel sostenere questo genere di cose “Non doveva succedere.”

Mancanza di volontariato nelle sue difese, Valtteri Bottas ha poi parlato di un altro grosso difetto durante il resto della gara: la sua incapacità di tornare in gruppo. La sua macchina potrebbe essere stata danneggiata, ma Daniel Ricciardo non è stato da meno: perché c’erano così tanti anelli dietro la McLaren? È stato un po’ difficile vedere la Mercedes attraversare questi punti… In breve, Bottas ha fatto Bottas questo fine settimana: veloce il sabato e molto lento il prossimo. Il riassunto dei suoi anni Mercedes?

GUASTO 3: La strabiliante polemica della FIA sull’incidente di Ricciardo

Certo, non è il direttore di gara della FIA Michael Massey che prende le decisioni in merito alle indagini e alle sanzioni in gara, ma piuttosto la commissione dei commissari. Ha quindi il gravoso compito di difendere decisioni che non sono sue. Ma può anche farlo in modo molto diverso dal contraddirsi. Così, giustificando la mancanza di una sanzione, e anche di un’indagine, nell’incidente al primo turno tra Danielle Ricciardo e Valtteri Bottas, Massey ha fatto una lite… imbarazzante. E così il clima secco del Gran Premio ne ha fatto una circostanza attenuante per la McLaren. Sebbene nei precedenti Gran Premi, come in Turchia o in Ungheria, incidenti di questo tipo fossero meno punibili proprio perché la pioggia, non il sole, era vista come un’attenuante. Poi prese a calci Massy, ​​dando la sensazione di imbarazzo, perdita o pigrizia: “Ci sono molti fattori diversi che entrano in gioco. Non ho pensato molto alla collisione, ma la visione delle guardie era che si trattasse di un incidente di gara”.

READ  Formula 1 | Messico, EL2: Verstappen risponde ai piloti Mercedes F1

Fernando Alonso si divertirà molto ricordando che Daniel Ricciardo corre per una squadra inglese! Nel frattempo, i capricci della FIA, che sembrano giudicare gli eventi in base alle loro conseguenze o semplicemente, a seconda del tempo e dell’umore delle guardie, sconfiggono; Speriamo che non abbia troppe conseguenze per il titolo definitivo!

vogliamo vedere…

Riuscirà Bottas a potenziare il suo gioco… fino alla polemica?

Toto Wolff e Lewis Hamilton si sono chiamati in causa a causa della sua mancanza di aggressività (vedi sopra), tenterà Valtteri Bottas ad alzare la voce ed essere più difensivo, carismatico e propositivo nelle prossime gare, soprattutto se la Red Bull troverà un certo Olandese dalla sua parte presto? Ascolterà le critiche, e quindi sacrificherà un po’ della sua reputazione di “pilota pulito”, ancora sostenuto da Max Verstappen in Messico, per mostrare i denti? È chiaro che le critiche a Toto Wolff e Lewis Hamilton, abbastanza rare da evidenziare, potrebbero pesare su di lei. E così Max Verstappen, come Sergio Perez, può pensarci due volte prima di valutare la prossima gara, che Valtteri Bottas batterà facilmente.

Possiamo già immaginare Christian Horner e Helmut Marko gridare allo scandalo, confermando che Toto Wolff ha poi dato un “crash pass” a Valtteri Bottas con le sue dichiarazioni. Insomma, l’aggressività di Valtteri Bottas rischia un fattore X di fine anno, fonte di infinite polemiche? Una moneta viene lanciata nella macchina.