Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | La Ferrari ha colmato un gap con la Red Bull con la sua nuova ala

Mattia Binotto crede che il nuovo alettone posteriore della Ferrari introdotto nelle ultime gare abbia contribuito a colmare il divario con la Red Bull dopo la seconda vittoria consecutiva al Gran Premio d’Austria.

Charles Leclerc è riuscito a prendere Max Verstappen e passarlo tre volte alla Red Bull, ottenendo un’altra vittoria dopo quella di Carlos Sainz a Silverstone una settimana fa.

Binotto afferma che il nuovo spoiler posteriore introdotto a Montreal – sulla Leclerc – ha avuto un ruolo importante nell’ultimo look della Scuderia.

“Abbiamo sicuramente avuto uno svantaggio per la Red Bull in termini di velocità in rettilineo, in particolare nelle aree DRS, quindi in termini di potenza DRS rispetto alla nostra. Ci abbiamo lavorato molto,” dice l’italiano.

“Il nuovo alettone posteriore che abbiamo introdotto su un unico telaio – Charles – in Canada, poteva essere montato su entrambe le vetture del Regno Unito e con questo nuovo alettone posteriore penso che abbiamo appena cancellato la differenza”.

“Abbiamo colmato il gap che avevamo in termini di velocità. Penso che abbiano ancora un leggero vantaggio, ma molto poco o molto poco, e anche se siamo molto vicini in termini di potenza, è solo a livello di controllo limitato in angoli che possiamo fare la differenza”.

“Penso che fossimo più veloci non solo per la macchina ma anche per i piloti. Hanno trascorso un ottimo weekend in termini di bilanciamento della vettura, messa a punto della vettura, comprensione delle gomme, gestione delle gomme e guida su questa pista”.

“Entrambi stavano andando molto bene ed erano molto veloci, quindi penso che sia stata una buona cosa in termini di prestazioni relative competitive”.

READ  Après l'ordre olympique, Vladimir Poutine perd sa ceintune noire de taekwondo

Mentre Verstappen ha vinto lo Sprint di sabato in Austria, Binotto afferma che il modo in cui i piloti hanno affrontato il primo periodo del Gran Premio ha permesso alla Ferrari di affermare il proprio vantaggio in termini di degrado delle gomme.

“Penso che solo in termini di velocità siamo molto simili e le qualifiche lo dimostrano. Le gomme”.

“Forse è stato leggendo che allo Sprint, penso che avessimo un po’ più di vantaggio nel degrado delle gomme che abbiamo trasformato in evidenza perché abbiamo iniziato a mettere pressione su Max all’inizio della gara e costringerlo a ottenere di più e poi ha sfasciato il si stanca di più e quello che abbiamo visto in Sprint è diventato più chiaro perché ci siamo allenati con più pressione.