Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | È il turno della McLaren F1 di preoccuparsi dei budget limitati

L’importo del budget specifico (140 milioni di dollari) è stato fissato in un momento in cui la deflazione era più una minaccia dell’inflazione.

Tuttavia, qui nel Regno Unito, l’inflazione è al tasso annuo più alto degli ultimi 40 anni (+9%): il che significa che se i budget stabiliti seguono l’inflazione, dovrebbe essere in termini reali di $ 153 milioni. Forse di più perché le spese di spedizione in particolare stanno salendo (quattro volte di più). Quindi la diminuzione dell’importo dei budget coperti di 5 milioni di dollari rispetto allo scorso anno è “noccioline” rispetto agli effetti dell’inflazione.

Quindi i team di Formula 1, soprattutto nel Regno Unito (l’inflazione è più bassa in Italia), sono sotto pressione. Tanto che Christian Horner (Vedi il nostro articolo) ha confermato che i team di F1 salteranno le gare di fine anno se il limite non viene aumentato!

Non è solo la Red Bull a dare l’allarme: anche la McLaren. Andreas Seidl, Team Principal della McLaren Formula 1, avverte FIA ​​e FOM dei pericoli di sorpassi estremamente pericolosi. Pur difendendo il principio dei budget limitati, ma devono essere adattati alle circostanze.

“Ci è chiaro che rispettare il limite di costo è una necessità assoluta per questo sport. Non è un segreto che abbiamo fatto un grande sforzo per portare questo limite di budget e ottenere i numeri che abbiamo ora”.

Allo stesso tempo, è importante che se si verificano circostanze eccezionali come quest’anno – se si guarda solo alle bollette dell’elettricità e all’enorme aumento dei costi di trasporto – sia possibile avere un confronto tra tutte le squadre e la FIA ​​per trovare soluzioni eque”.

READ  GP d'Australie, EL1 : Sainz survole les débats

“Siamo a metà stagione ormai, tutti si sono preparati per la stagione per lavorare al massimo, e con queste circostanze eccezionali e questi incrementi, è praticamente impossibile tenere il cappello”.

“Ecco perché è giusto discutere di soluzioni tra tutti i team. Ciò significa, a nostro avviso, che sarebbe giusto alzare il tetto forse a causa di questi costi specifici che sono aumentati notevolmente”.

“L’aumento è di diversi milioni perché quell’aumento è quello che vediamo nei costi di spedizione, per esempio”

L’effetto della cancellazione di Sochi

A peggiorare le cose, la rimozione del Gran Premio di Russia, che non è stato sostituito, abbasserebbe meccanicamente il tetto di 1,2 milioni di dollari. E se la FOM decidesse di non applicare almeno questa riduzione?

Almeno Seidel è felice di non aggiungere al calendario la 23a gara per sostituire Sochi.

“Dopo aver perso la gara ora, il limite è stato ridotto di $ 1,2 milioni. Allo stesso tempo, puoi anche risparmiare sui costi non partecipando a questa gara. Quindi non direi che questo è il punto di discussione più importante al momento”.

“In linea di principio, ci impegniamo a correre quelle 23 gare quest’anno e abbiamo pianificato tutto nella squadra per farlo. Ma ovviamente fare una gara in meno è sicuramente qualcosa che tutti apprezzerebbero con favore all’interno del team in termini di onere che ci mettiamo il nostro staff.”

“Alla fine della giornata, è stata la decisione che doveva prendere la Formula 1 – dopo aver chiarito che non saremmo andati in Russia, ed è stata la decisione giusta – per vedere se aveva senso farlo. Un altro gara. È qualcosa che hanno studiato in dettaglio e alla fine sono giunti alla loro conclusione. Ed è il giusto compromesso quando si guarda alle finanze, ma anche in termini di logistica, quindi ne siamo felici. “

READ  Quand umiliation et inganno sont noyées par l'émotion pour Lukaku

Affare difficile da trovare?

Ora Seidl vuole che la FIA sia pragmatica. Ma non fatevi illusioni: le squadre che non lavorano a livello di budget stabiliti non rischieranno di certo di accettare un aumento del plafond!

“Una delle cose che si sta esaminando ora è quale sia il meccanismo corretto per adeguare il tetto di inflazione. Un meccanismo è stato individuato due anni fa, quando sono state introdotte le norme, che sarebbe entrato in vigore dal 2024. Questo è parte della revisione in corso: è questo il meccanismo? Giusto o possiamo farlo? Succede nel mondo?

“Come sempre ci sono interessi diversi, ed è normale. Ci sono squadre in una posizione sportiva forte, per esempio, in questo momento. Squadre che non hanno raggiunto il limite e quindi non hanno quel problema. Ovviamente no Non voglio rinunciare a questi, al vantaggio sportivo che hanno in questo momento perché lo considerano un loro vantaggio”.

“Ecco perché hai posizioni diverse, il che è normale in Formula 1, fa parte del gioco. Ogni squadra è molto invadente. Ma fa parte della competizione in cui ci troviamo, ed è per questo che è importante avere una forte FIA ​​in Formula 1 su cose come queste? per guidarlo nella giusta direzione nell’interesse dell’intera arena e dello sport.

“E’ un circuito di Formula 1, quindi è molto improbabile che troveremo una soluzione! Ma spero ancora. Penso che abbiamo dimostrato in passato di aver trovato soluzioni logiche con la Formula 1 o la FIA. Quindi spero ancora che con la FIA a capo di questo problema, troveremo una buona soluzione”.

READ  Invasion de l'Ukraine: le capitaine de la sélection russe Dzyuba dénonce un "deux poids deux mesures"