Settembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Floccaggio di capitali, ma l’inverno delle criptovalute incombe secondo UBS By Investing.com

© Reuters.

Investing.com – Gli analisti della banca d’investimento UBS avvertono che i mercati delle criptovalute potrebbero vedere un altro “inverno” di prezzi più bassi e non si riprenderanno per anni.

La banca si riferisce quindi all'”inverno” del 2018, che ha visto le criptovalute e altre criptovalute scendere di oltre il 75% dai massimi precedenti. Poi ci sono voluti circa tre anni per tornare ai livelli massimi precedenti nel 2017.

I grandi investitori sono ancora interessati

Il capitale di rischio si sta riversando nello spazio crittografico. Secondo il Financial Times, uno dei maggiori attori – Andreessen Horowitz – prevede di raccogliere 4,5 miliardi di dollari per un nuovo fondo dedicato alle società coinvolte nella blockchain.

Secondo PitchBook, più di 30 miliardi di dollari in capitale di rischio e altre forme di private equity sono confluiti nelle startup crittografiche nel 2021, più di sette volte di più rispetto al 2020.

La criptovaluta si avvicina a una svolta

Secondo UBS, le criptovalute sono decollate nel 2021 in parte a causa delle politiche monetarie liberali che hanno inondato i mercati globali di liquidità in eccesso. Ma le banche centrali dovrebbero gradualmente normalizzare le loro politiche, facendo pressione su altcoin come bitcoin che sono stati potenziati dalla “liquidità in eccesso ad esso associata”.

Secondo UBS, anche l’idea che bitcoin sia una riserva di valore in un clima inflazionistico è sotto esame. Mentre le valute sovrane possono perdere il loro potere d’acquisto se l’inflazione aumenta, le loro riserve sono regolabili: possono ridursi ed espandersi a seconda della crescita economica e di altre variabili.

Questa flessibilità può aiutare le valute sovrane a mantenere il loro valore a lungo termine, a differenza di “valute come il bitcoin, che hanno un’offerta limitata e sono limitate nella loro capacità di agire come unità di conto o intermediario di scambio a causa della volatilità”, afferma UBS.

READ  Quasi un giovane belga su due acquista intenzionalmente prodotti contraffatti

La stretta monetaria è uno dei tanti motivi per cui UBS avverte di un secondo “inverno crittografico”.

La crittografia sta perdendo la sua anima?

Le blockchain sono nate come bitcoin come registri decentralizzati, con l’obiettivo di migliorare la sicurezza, la trasparenza e l’accessibilità attraverso i sistemi di pagamento esistenti dominati da banche e altre istituzioni. Ma la stessa rete Bitcoin è diventata più centralizzata poiché i minatori che gestiscono la rete si sono fusi.

Inoltre, molte nuove blockchain sono controllate da società ed entità e l’industria si sta muovendo verso un modello di elaborazione delle transazioni “Proof of Stake”, che rischia di centralizzare le reti attraverso le blockchain, nelle mani di pochi grandi operatori.

Blockchain deve affrontare molte sfide

UBS afferma: “La blockchain non può espandersi praticamente senza diventare gli stessi sistemi che è stata progettata per sostituire”. Le blockchain sono anche vulnerabili a pirateria informatica, frode e furto e sono ben lungi dall’essere ampiamente adottate a causa della sofisticatezza tecnologica della modifica della password di un account.

Ad esempio, la tecnologia blockchain è difficile da scalare a causa del suo design decentralizzato, che richiede a tutti nella rete di essere in grado di supervisionare e verificare le transazioni, hanno affermato gli analisti di UBS.

Infine, gli abusi speculativi sono in aumento: poiché le applicazioni e i servizi basati su blockchain attirano più utenti e valore economico, inviteranno inevitabilmente un maggiore controllo normativo. “Sembra che i progetti DeFi e stablecoin high-rise dovranno affrontare battute d’arresto ancora maggiori da parte delle autorità nei prossimi mesi”, afferma UBS.