Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli americani perdono fiducia di fronte all’aumento dei prezzi

La fiducia dei consumatori statunitensi è crollata a novembre al livello più basso degli ultimi dieci anni, a causa dell’accelerazione dell’inflazione e della diminuzione del loro potere d’acquisto, un argomento che Joe Biden ha identificato come prioritario.

L’indice si attesta a 66,8 punti, rispetto ai 71,7 punti di ottobre, secondo la stima preliminare dell’indagine dell’Università del Michigan pubblicata venerdì.

I consumatori sono preoccupati per i prezzi che continuano a salire negli Stati Uniti.

È stato riportato che i prezzi delle case, dei veicoli e dei beni durevoli sono aumentati più frequentemente (dai consumatori intervistati) che in qualsiasi momento in più di mezzo secoloSpiega Richard Curtin, l’economista responsabile di questa indagine.

Le difficoltà di approvvigionamento globale, di fronte alla forte domanda statunitense, sostenuta in particolare dagli aiuti pagati dal governo, hanno fatto salire i prezzi.

L’elevata inflazione in mezzo a diffuse interruzioni dell’offerta impedirà una piena ripresa fino al 2022Maher Rashid, economista dell’Oxford Economics, avverte.

Queste difficoltà sono esacerbate dalla carenza di addetti, lavoratori, camionisti, camerieri o persino venditori.

Tutti i settori sono coinvolti e questo in ultima analisi ha ripercussioni sul cliente finale.

Aumento dei salari

Un consumatore su quattro ha riportato una diminuzione del proprio tenore di vita a causa dell’inflazione“Soprattutto quelli con redditi più bassi e consumatori più anziani”, ha detto Curtin.

I salari sono certamente aumentati, ma non abbastanza da compensare l’aumento dei prezzi. “Metà delle famiglie (che hanno risposto al sondaggio) si aspettano un calo del reddito reale il prossimo anno‘ conferma Richard Curtin.

Per le famiglie, l’inflazione elevata al di là degli aumenti salariali rimarrà un ostacolo nel breve termineRubeela Farooqi, capo economista di HFE, ha commentato.

READ  Perché non ci sono più Nutella o Oreo in alcune sezioni?

La carenza di manodopera sta già facendo aumentare i salari, ma sta anche alimentando l’inflazione.

Primo “grande rassegnazione“I dipendenti continuano a fare offerte tra i datori di lavoro disposti a fare qualsiasi cosa per attirare candidati.

Pertanto, 4,4 milioni di persone hanno lasciato il lavoro a settembre, un numero record da quando ha iniziato a raccogliere tali dati nel dicembre 2000, ha detto venerdì il Dipartimento del Lavoro.

Oltre a notare il loro potere d’acquisto, i consumatori ancheconvinzione crescente […] Non è stata ancora stabilita una politica efficace‘, descrive Richard Curtin.

Finora l’inflazione elevata è stata attesa come temporanea da molti economisti, ma anche dalla Casa Bianca.

priorità assoluta

Ma i mesi passano, e i tassi di inflazione non scendono, finché ad ottobre non hanno toccato i massimi dal 1990: i prezzi sono aumentati del 6,2% rispetto a ottobre 2020, dopo il 5,4% di settembre, secondo l’indice dei prezzi al consumo.

Questo ha spinto Joe Biden a sottolineare mercoledì che era “Massima priorità“.

Conta su investimenti che spera di far approvare al Congresso, per sostenere l’economia nel lungo periodo, ma anche per sconfiggere l’inflazione, in particolare aumentando il potenziale di crescita dell’economia statunitense.

Anche la banca centrale statunitense (Fed) può adattare la sua politica. In tempi normali, tale inflazione li avrebbe portati ad alzare i tassi di riferimento, ma nel contesto attuale temono che una simile ripresa dell’occupazione possa danneggiare.

Nella sua ultima riunione lo ha mantenuto tra lo 0 e lo 0,25%, per continuare a sostenere l’economia. Tuttavia, ha avviato la sua normalizzazione della politica e ha iniziato a ridurre i suoi acquisti di attività, al fine di iniettare meno liquidità.

READ  Il sindacato imparziale dei giudici autonomi ha imposto un metodo di pagamento elettronico "troppo riduttivo"

Questo passaggio dovrebbe essere completato entro la metà del prossimo anno, aprendo la strada a un rialzo dei tassi. Ma di fronte all’inflazione, la Federal Reserve può accelerare il suo ritmo.