Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fascia da capitano ‘Arcobaleno’: Belgio e altre selezioni sotto la pressione della FIFA

La Francia, inizialmente membro dell’iniziativa “One Love”, aveva già annunciato con la voce del suo leader Hugo Lloris che non avrebbe indossato la fascia.

Tempo di lettura: 3 minuti

IlLe sette squadre europee che ai Mondiali in Qatar avrebbero indossato la colorata fascia antidiscriminazione “One Love” hanno rinunciato lunedì di fronte alla minaccia di “sanzioni sportive”, hanno annunciato poche ore prima dell’Inghilterra- Partita dell’Iran a Doha.

“La FIFA è stata molto chiara, imporranno sanzioni sportive se i nostri capitani indosseranno la fascia in campo. Come federazioni nazionali, non possiamo chiedere ai nostri giocatori di rischiare sanzioni sportive, compresi i cartellini gialli”, hanno scritto le sette federazioni.

Pertanto, Inghilterra, Galles, Belgio, Danimarca, Germania, Olanda e Svizzera hanno concesso ai rispettivi capitani che avevano ricevuto un cartellino giallo per un motto così onnicomprensivo, pur dicendosi “delusi” dall’inflessibilità della FIFA.

La Francia inizialmente faceva parte dell’iniziativa “One Love” e aveva già annunciato attraverso la voce del suo capitano Hugo Lloris che non avrebbe indossato la fascia.

“Eravamo pronti a pagare le multe applicabili in caso di mancato rispetto delle regole dell’attrezzatura, e ci siamo impegnati molto per questo braccialetto. Ma non possiamo mettere i nostri giocatori in una situazione in cui possono essere avvertiti, o addirittura devono lasciare il campo campo” (in caso di seconda ammonizione), hanno sostenuto le federazioni sette.

I regolamenti sull’equipaggiamento stabiliscono che i capitani indossino “bracciali forniti dalla FIFA” durante le fasi finali. In caso contrario, l’arbitro può chiedere al giocatore di lasciare il campo per “correggere il suo aspetto”, e se tali istruzioni non vengono rispettate, il giocatore può essere ammonito, a discrezione dell’arbitro.

Critica mascherata

C’è qualcosa su cui riflettere sui giocatori coinvolti, come ha ammesso lunedì l’allenatore danese Kasper Hjolmand: “Andare in campo e prendere il giallo non è possibile”, ha detto. “Non possiamo chiedere ai giocatori di assumerlo”.

Da quando è stato nominato per ospitare l’evento nel 2010, il Qatar ha dovuto affrontare intense critiche, che si sono ulteriormente intensificate in vista dell’evento, in particolare in relazione ai diritti umani, compresi quelli delle persone e dei lavoratori LGBT. siti di coppa.
Leggi anche
Con il suo “mondo arabo”, il Qatar si prende la rivincita

Per mostrare il loro legame con questi temi, a settembre diverse federazioni europee hanno annunciato l’iniziativa “One Love”.

A lungo taciuto sull’argomento, la FIFA, vedendola come una critica mascherata al paese ospitante, sabato ha risposto togliendo la fascia al braccio del suo capitano, portando messaggi più consensuali, come “salvare il pianeta”, “educazione per tutti” o addirittura “nessuna discriminazione”.


Leggi anche
Mondiali: l’amaro assaggio del calcio in un Iran in piena rivoluzione

Lunedì, il massimo ente calcistico mondiale ha annunciato che i suoi badge ufficiali con il messaggio “Nessuna discriminazione” sarebbero stati d’ora in poi utilizzabili dai capitani, mentre quel badge sarebbe apparso in linea di principio durante i quarti di finale.


Leggi anche
jean-michel-lark-inghilterra-troppo-assente-di-club-per-essere-preferito (2)

“La FIFA è stata molto chiara, imporranno sanzioni sportive se i nostri capitani indosseranno la fascia in campo. Come federazioni nazionali, non possiamo chiedere ai nostri giocatori di rischiare sanzioni sportive, compresi i cartellini gialli”, hanno scritto le sette federazioni. La Francia, inizialmente membro dell’iniziativa “One Love”, aveva già annunciato con la voce del suo leader Hugo Lloris che non avrebbe indossato la fascia.

READ  Frédéric Amorison : "Biniam Girmay avait demandé à participer à Gand - Wevelgem pour prendre de l'expérience"