Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esercizio: fare esercizio significa anche assumere meno antidepressivi

Esercizio: fare esercizio significa anche assumere meno antidepressivi

Sono state soprattutto le osservazioni cliniche a spingere questo team a cercare di chiarire la relazione tra l’esercizio fisico e la necessità di assumere farmaci per i disturbi di salute mentale: “Abbiamo osservato che i pazienti migliori ricevevano meno prescrizioni di farmaci per l’ansia e la depressione”. “”, afferma l’autrice principale Linda Ernstsen, assistente professore di sanità pubblica e infermieristica presso la NTNU.

lo studio Analizza i dati della coorte dello studio Health Trøndelag (HUNT), condotto dal 1984 su dati sanitari per 250.000 partecipanti e in particolare i dati della terza ondata, condotta dal 2006 al 2008. Il team ha confrontato i dati HUNT3 con i dati del registro norvegese delle prescrizioni. Questa analisi conferma quanto segue:

  • Essere in migliori condizioni fisiche è associato a meno prescrizioni ricevute di ansiolitici e antidepressivi

Sembra quindi ridurre la necessità di farmaci per la salute mentale;

  • Questi dati confermano la precedente analisi delle onde che era associata ad una buona forma fisica e ad una minore prevalenza di sintomi depressivi;
  • Questi risultati si applicano a tutte le fasce d’età e ad entrambi i sessi, ma l’effetto dell’esercizio fisico sugli uomini è maggiore che sulle donne. Anche per gli anziani le associazioni sono meno chiare.

“Abbiamo motivo di credere che le persone a cui vengono prescritti farmaci sperimentano più sintomi rispetto a coloro che non consultano”. Identificare i ricercatori.

Qual è la relazione tra esercizio fisico, fitness e salute mentale? Una buona salute fisica aiuta a prevenire l’ansia e la depressione? Oppure le persone con ansia e depressione fanno meno esercizio fisico e quindi sono meno in forma fisicamente?

I ricercatori propendono per l’effetto protettivo dell’esercizio fisico sul cervello e sulla salute mentale, che è già ben documentato.