Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Emmanuelle Bouidibat parla di come gli animali si adattano ai cambiamenti del loro ambiente

Emmanuelle Bouidibat parla di come gli animali si adattano ai cambiamenti del loro ambiente

ANon c’è dubbio che la specie umana sia unica, proprio come gli altri organismi del regno animale. Questa affermazione risuona profondamente attraverso le pagine I miei incontri più belli con gli animali (Odile Jacob, 2023) Scritto da Emmanuel Bouidibat, Direttore della ricerca al Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi. Il suo libro evidenzia una serie di comportamenti complessi e affascinanti in diverse specie, sottolineando la loro capacità di mostrare qualità emotive simili a quelle degli esseri umani.

Bollettino di scienza e tecnologia

Ogni sabato alle 16:00

Ricevi le ultime notizie scientifiche e tecnologiche e approfondisci conversazioni chiave, scoperte importanti, innovazioni e dietro le quinte…

Grazie!
La tua registrazione è stata presa in considerazione utilizzando l'indirizzo email:

Per scoprire tutte le altre nostre newsletter, vai qui: Aritmetica

Registrandoti accetti le nostre Condizioni Generali d'Uso e l'Informativa sulla Privacy.

Come noi, gli animali manipolano oggetti e strumenti, volano, cacciano, pescano e si esibiscono. Sono anche capaci di altruismo ed empatia. Ma su scala più ampia, l’opera si distingue dal suo dedicato predecessore Imitazione della naturaQuando gli animali e le piante ci ispirano (Odile Jacob, 2019), con la sua dimensione intima. Ogni riga è un caldo abbraccio del meraviglioso regno animale, rivelando una connessione personale ed emotiva con il mondo non umano.

Emmanuelle Bouidibat è specializzata in sviluppo comportamentale e Prestazioni degli animalisoprattutto loro cultura, attraverso abilità di manipolazione e utilizzo di strumenti. In questo libro rivela le radici profonde che hanno plasmato la sua carriera scientifica. La storia inizia nel bozzolo di famiglia, dove è cresciuta circondata da diversi compagni come un criceto, un pappagallo, un usignolo giapponese, un gatto, un topo e un cane.

Una passione fin dall'infanzia

Sua madre, un'appassionata insegnante di scienze, ha alimentato la sua curiosità portandogli libri sugli animali. “Tutte queste creature hanno avuto un ruolo fondamentale nel resto della mia carriera”, ammette Emmanuelle Bouidibat. » Il suo incontro con Yves Coppens, l'eminente paleontologo, che divenne il suo mentore, fu un punto di svolta. Dopo aver conseguito il diploma di maturità, realizzò il suo sogno di andare a lavorare allo zoo di Thowiri, e all'epoca fu la prima donna a prendersi cura degli animali. Questi anni di esperienza a volte l'hanno messa in situazioni pericolose, come il giorno in cui è stata inseguita da uno struzzo maschio o il giorno in cui ignari visitatori si sono introdotti nel territorio dei leoni. Ma soprattutto, questi anni gli hanno permesso di “capire come si comportano le specie, di trovare soluzioni… di provare e trasmettere un senso di meraviglia che porta all'ammirazione e al rispetto”.

READ  Qual è il reale impatto della pensione sulla salute?

Leggi anche Perché siamo ossessionati dalle creature metà umane e metà bestie?

Scimpanzé e formiche dalle incredibili capacità di orientamento, o rane che catturano la preda con le loro dita palmate, o ancora un boa constrictor che divora un'iguana verde, l'autore ci invita a una cinquantina di incontri eccezionali, organizzati in diversi temi principali: manipolatori di strumenti e oggetti , ladri, cacciatori e pescatori, artisti interpreti, protettori, bambini piccoli e curiosi. Il lettore scopre che oltre ai primati e agli uccelli, esistono altri animali capaci di utilizzare strumenti. Lo scienziato sottolinea, ad esempio, che “i coccodrilli e i coccodrilli usano i rami come esca per le loro prede, inducendo così le povere garzette a cercare rami per nidificare. Anche gli elefanti a volte usano rametti per pulirsi le unghie, mentre gli orsi usano le pietre per grattarsi. »

In che modo l'ambiente influisce sulle capacità degli animali?

Con uno sguardo a volte drammatico sull’umanità, Emmanuelle Bouidibat spiega come i Cappuccini, così lontani dall’uomo sul piano evolutivo, “hanno realizzato in sei mesi ciò che avevo imparato durante i miei studi come peculiare dell’uomo: cacciare le anatre collaborando con gli speculatori, cacciare pescare”. Cacciano varie prede, le mangiano, condividono il cibo e persino lo immagazzinano. Il ricercatore esplora l'impatto dell'ambiente sullo sviluppo delle capacità degli animali.

Ha dimostrato come la vita sugli alberi abbia portato i primati a sviluppare un’eccellente presa, un’abilità che veniva poi sfruttata per manipolare oggetti e strumenti. Sottolinea che queste capacità di manipolazione possono essere espresse attraverso una varietà di organi come pollici lunghi o corti, tenaglie, mani, piedi o persino il becco.

La sua scoperta con i ragni è stata “sorprendente”: “Sono davvero dotati di adattamento”. I ragni sono tra gli animali terrestri più diffusi sulla Terra, con ben 42.000 specie, di cui 16.000 specie trovate solo in Francia. Emmanuel Bouidibat è stupito e incoraggia “L'etica dovrebbe valere per tutte le specie, indipendentemente dalla loro vicinanza a noi o no.” Sfida l'idea di una gerarchia di intelligenza tra le specie.

READ  Francia: Neo parla dopo la condanna dei suoi genitori

“Non importa quanto siano intelligenti”, un’idea che definisce “una funzione adattiva che consente all’individuo di trovare soluzioni ai problemi e modificare il proprio comportamento a seconda della situazione”. “Non ha senso dire che una specie è più intelligente di un'altra. Sono tutte intelligenti e la sofferenza è inaccettabile, indipendentemente dallo scopo dello studio.”

Il babbuino spaventa la leonessa…con la sua urina

A conclusione del suo lavoro, Emmanuelle Bouidibat, vincitrice della medaglia d'argento al Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica, sottolinea l'importanza della ricerca sui sentimenti degli animali. La madre è più impegnata nello studio della nostra persona rat-taupes, “I migliori che sanno cosa è lo studio l'uno per l'altro, e lo usano anche per soluzioni più efficaci per la vita o per la vita Per un periodo più lungo.” riflessione sul fatto che la scienza si concentra più sui maschi che sulle femmine, situazione che attribuisce alla “misoginia o mancanza di interesse, ma anche perché le femmine sono soggette a cambiamenti ormonali, di peso e di comportamento”. Tuttavia, ciò crea un pregiudizio significativo nella comprensione dei meccanismi di coping. » Quindi il ricercatore evidenzia la necessità di correggere questo difetto – Che riguarda anche il trattamento delle donne nella preistoria – Ottenere una conoscenza più completa e accurata delle dinamiche evolutive e comportamentali.

Le sue osservazioni gli hanno insegnato che “a volte la soluzione più intelligente è la più semplice”. Questa saggezza è illustrata dalla storia di un babbuino inseguito da una leonessa. Il babbuino inizialmente si arrampica su un albero per sfuggire alla leonessa, ma la leonessa aspetta pazientemente ai piedi dell'albero che scenda. Allora il babbuino ne spezza i rami e li lancia alla leonessa. Questo è in corso. Il babbuino persistente sceglie una soluzione molto più semplice: urina su di esso, scacciando così con successo il predatore. Il ricercatore sottolinea l’ironia della situazione sottolineando che la risposta alla sopravvivenza era in definitiva semplice. “Certo… dobbiamo ancora trovarlo!” conferma.

READ  Progetto di legge 15 sulla salute in Quebec | I chiropratici vogliono partecipare alla consulenza

Infine, insiste sull’idea di “contesto”. “Non si può dire che un pesce sia cattivo se non riesce ad arrampicarsi su un albero. Né un medico è uno sciocco se non riesce a orientarsi nel deserto.” Un libro pieno di passione, umorismo e onestà, dove la scienza e l'emozione si uniscono meravigliosamente.

I miei incontri più belli con gli animaliEmmanuel Bouidibat, Odile Jacob, 23,90 euro.