Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Forum di Bioetica 2024. “L’intelligenza artificiale è un partner nella salute, non un avversario”

Forum di Bioetica 2024. “L’intelligenza artificiale è un partner nella salute, non un avversario”

Appena il 44% dei francesi ritiene che sia possibile curarsi grazie all'intelligenza artificiale, secondo uno studio condotto lo scorso anno da OpinionWay, l'Healthcare Data Institute ed editore di Mediscoop. Più di uno su due afferma di non vedere nemmeno cosa questa tecnologia può apportare alla salute. “Tuttavia è già molto presente lì da molto tempo”, osserva il genetista Dominique Stopa-Lionnet. Questo è il caso dell’oncologia, della dermatologia, della chirurgia ausiliaria, dell’imaging medico, dell’istopatologia, ecc. All'Ospedale universitario di Rennes arriviamo al punto di utilizzarlo per gestire il trattamento dei pazienti che arrivano al pronto soccorso con traumi. Il risultato: traduzione radio più rapida e riduzione del 30% del tempo impiegato nel reparto.

Ricerche più efficienti

«Anche l’intelligenza artificiale occupa un posto sempre più importante nella ricerca», sottolinea Dominique Stopa-Leonet. Tra i suoi punti salienti, ad esempio: uno studio sulle proteine ​​condotto nel 2022 dal team DeepMind, il ramo di intelligenza artificiale di Google. In un solo anno, questo strumento ha permesso di prevedere le strutture di 200 milioni di proteine. Altro campo di applicazione. Un team dell'Ospedale Generale di Vienna sta lavorando per usarlo per prevedere lo sviluppo del linfoma di Hodgkin, un cancro dei linfonodi. I suoi risultati consentiranno prescrizioni più efficienti per la chemioterapia e la radioterapia. “L'intelligenza artificiale tende a sostituire il microscopio del patologo con un microscopio”, afferma Dominique Stopa-Leonet. Possiamo esserne contenti perché permette di elaborare in tempi record dati la cui molteplicità rende difficile, se non impossibile, l’elaborazione da parte dell’uomo. »

“Così possiamo vedere chiaramente che l’intelligenza artificiale è diventata un partner nella salute, non un avversario”, continua il genetista specializzato nella diagnosi della predisposizione al cancro. Il suo nome può farti venire le vertigini, suggerendo che agisca da solo. Non bisogna però darle un posto individuale che non ha e non dovrebbe avere. Deve essere considerato uno strumento e, soprattutto, non un sostituto dell’essere umano. C'è bisogno di chiaroveggenza in medicina. La connessione umana è essenziale. Il ruolo dell’uomo deve rimanere cruciale nella diagnosi e nella direzione del trattamento. In questo dobbiamo chiederci cosa ci aspettiamo veramente da questa intelligenza. Dobbiamo farlo ora, poiché sta assistendo a uno sviluppo senza precedenti. La storia deve essere scritta nel presente. »

READ  Il gruppo sanitario CHC-Montlégia è vittima di un tentativo di attacco informatico: alcuni sistemi sono # bloccati

Dare più potere agli utenti

Questa riflessione dovrebbe concentrarsi in particolare sul monitoraggio degli utenti, spiega Dominique Stopa-Lionette, tracciando un parallelo con il caso dei pazienti esposti alle radiazioni presso l'ospedale di Epinal. Promemoria: a seguito di errori di programmazione e malfunzionamenti, 5.000 pazienti trattati con radioterapia presso la Fondazione Vosges hanno subito un'overdose tra il 1989 e il 2005 (300 di loro sono morti). “In seguito a questo caso, abbiamo fatto della professione di fisico una professione medica a pieno titolo. Perché? Perché questi professionisti hanno una responsabilità reale di cui devono potersi giustificare, commenta il genetista. Non dobbiamo aspettare fino a quando una cosa del genere non contamina l’intelligenza artificiale prima di affrontare la questione della supervisione dei suoi utenti e della loro responsabilità.