Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco la sorprendente comunanza tra la prossima auto elettrica di Porsche e il Cybertruck di Tesla per la ricarica rapida sulle “vecchie” stazioni

Ecco la sorprendente comunanza tra la prossima auto elettrica di Porsche e il Cybertruck di Tesla per la ricarica rapida sulle “vecchie” stazioni

Se la prossima Porsche Macan elettrica sarà efficiente su strada, dovrà esserlo anche durante la ricarica rapida. Certo, l'azienda di Stoccarda promette una ricarica dal 10 all'80% in 22 minuti sulla rete a 800V, ma dichiara anche di aver migliorato il processo di ricarica in ogni condizione, soprattutto sulle “vecchie” stazioni a 400V. Sorpresa: è la stessa soluzione offerta da Tesla sul Cybertruck.

Porsche Macan EV // Fonte: Porsche

Il 12 dicembre Porsche ha rivelato le prime informazioni sulla sua auto elettrica Macan. Il SUV elettrico sportivo che abbiamo potuto scoprire durante una presentazione alla stampa a Lipsia, in Germania, e che ci ha già colpito durante i viaggi in pista e “fuoristrada”.

Elettrica o meno, la Macan è in realtà una Porsche, sovralimentata da due motori che generano una potenza combinata di 450 kW (612 CV) e 1.000 Nm di coppia.

Le prestazioni sono rese possibili in particolare dalla piattaforma e dalla geometria del DPI da 800 V. Per molti aspetti, questa popolare rete a 800 volt, già adottata da Porsche, Audi, Hyundai, Kia e Maserati, risuona regolarmente come una soluzione per ridurre i tempi di ricarica rispetto all’architettura a 400 volt tipicamente utilizzata.

Telaio Porsche Macan EV // Fonte: Porsche

Sulla base di questa osservazione, non sorprende che Tesla stia adottando 800 volt anche per il suo Cybertruck, che promette di battere il record di potenza di ricarica con un picco di 350 kilowatt. Secondo l'ingegnere capo dell'azienda californiana, è sufficiente raggiungere una percentuale compresa tra il 15 e l'85% in 18-20 minuti.

Da parte sua, Porsche afferma che la potenza massima della Macan è di 270 kW su una stazione da 800 volt, sufficiente per ricaricare la batteria NMC (nichel-manganese cobalto) da 100 kWh dal 10 all'80% in 22 minuti in condizioni ideali. Resta il fatto che il SUV sportivo tedesco e il monster truck americano, per quanto sorprendente possa sembrare, hanno una cosa in comune: hanno lo stesso trucchetto per migliorare i tempi di ricarica su una stazione da 400 volt.

READ  "Ricompensa più alta nella storia del nostro programma": l'informatore riceve 279 milioni di dollari per aver denunciato una truffa

Dividere la batteria per aumentare la carica a 400 volt

Infatti, Porsche o anche Tesla hanno deciso di integrare componenti elettronici nelle loro auto permettendo di dividere questa grande batteria da 100 kWh 800 V in due batterie virtuali da 50 kWh 400 V.

Pertanto, i 12 moduli batteria (ciascuno composto da 15 celle prismatiche) non vengono più ricaricati in serie come sul terminale VH da 800 V, ma in parallelo secondo la configurazione di due batterie virtuali, contenenti ciascuna 6 moduli da 15 celle prismatiche.

Batteria Porsche Macan EV // Fonte: Porsche

Si tratta di una tecnologia molto intelligente e molto promettente, il marchio tedesco ne ha già presentato le linee generali a gennaio 2023.

Dovete però aver capito che per raggiungere questi livelli energetici a 800 volt bisogna arrivare all'estremo giusto, lo stesso a 800 volt e tutte le stelle sono allineate. Il trambusto dell'elettronica, l'influenza del tempo o anche uno scarso (o addirittura assente) precondizionamento della batteria sono sufficienti per bloccare il sistema elettrico e ridurre le prestazioni di ricarica. La potenza di picco non verrà raggiunta o verrà raggiunta per un periodo molto breve.

Per questo, vista la copertura della rete e il numero (ancora esiguo) di terminali a 800V, identificabili dalla potenza superiore a 250 kW, è necessario che i produttori (e gli automobilisti) lavorino per migliorare la ricarica anche a 400V.

Informazioni distillate goccia a goccia

Purtroppo, nel momento in cui scriviamo, Porsche non ha ancora rivelato tutte le informazioni riguardanti la ricarica a 400 volt della Macan. Non viene effettuata alcuna connessione, ad esempio, nel tempo necessario per coprire il 10-80% di una rete del genere. Questo è vero, perché la rete di terminali a 400 volt fornisce un'ampia gamma di potenza.

READ  L'aumento del costo della vita: cosa hanno fatto e cosa non hanno fatto i nostri politici e governi dall'inizio della crisi?

Tuttavia, durante il nostro viaggio stampa abbiamo avuto ulteriori chiarimenti sul funzionamento del dispositivo. In realtà siamo stati gli unici a utilizzare il dispositivo di realtà mista disponibile in loco per condurre un'intervista con Mark Bate, della divisione Electric Development and E-Mobility di Porsche Germania. Ecco il nostro video:

https://youtu.be/VJMWjOkLucM?si=exix61In2XwzUhkF

Pertanto, questa svolta artistica è resa possibile dal nuovo Estensore del controller di gestione della batteria (BMCe) di Macan, il cui compito è passare dalla ricarica in serie a quella parallela per ottenere il massimo dal dispositivo, anche se ciò significa truccarlo un po'.

Un giro tecnico che fa davvero immaginare

Il vantaggio di un dispositivo del genere ci sembra ovvio, ma poiché non siamo riusciti a testarlo nella vita reale (non vediamo l'ora!), possiamo solo “fantasticare” sui vantaggi che offre. Mettendo in parallelo le batterie, Porsche consente di aggirare la maggior parte delle limitazioni di potenza ed elettronica che limitano le forze di ricarica.

Ciò resta ipotetico, ma questa innovazione potrebbe consentire alla Macan di unirsi alla Tesla Model S tra i modelli che accettano una potenza massima standard di 250 kilowatt a 400 volt. Meglio ancora, crediamo anche che questa tecnologia di ricarica parallela consentirà a Porsche di ottenere la massima quantità di energia da queste stazioni il più a lungo possibile.

Elettronica di potenza della Porsche Macan EV // Fonte: Porsche

Possiamo pienamente immaginare che ciascuna di queste ipotetiche batterie da 50 kWh sarebbe meno suscettibile al calore generato dalla ricarica sequenziale. Ciò può quindi modificare drasticamente la forma della curva di carica mantenendo potenze elevate più a lungo.

Immaginate, sul lato dei 400 V, di poter supporre che la potenza assegnata a ciascuna batteria virtuale possa variare tra 120 o 140 kilowatt con la potenza che si stabilizza per un periodo più lungo, prima di diminuire in modo meno radicale rispetto alla configurazione a 400 V. . E se la Macan potesse trasportare fino all’80% di potenza in più rispetto a 100 kilowatt (2 x 50 kilowatt)?

READ  Horesca: i prezzi sono dilaganti nei ristoranti lussemburghesi

In altre parole, ciò ridurrebbe notevolmente il tempo di ricarica della Porsche Macan su una “vecchia” stazione da 400 volt, rispetto alla Porsche Taycan, che riduce la sua potenza di ricarica a 150 kW nelle sue condizioni grazie al suo inverter. Il tempo di ricarica aumenta poi da circa 22 a 30 minuti.

Porsche Macan EV
Prototipo Porsche Macan EV in pista // Fonte: Porsche

“Un dolce sogno” diranno alcuni, altri diranno che non è poi così inverosimile, soprattutto se teniamo conto delle prestazioni che abbiamo potuto osservare durante i nostri test della Tesla Model Y che beneficia della nuova ricarica rapida . Ricordiamo che la Tesla Model Y impiega solo 20 minuti per passare dal 10 all'80%… a 400 volt, grazie a una nuovissima batteria BYD.

Comunque abbiamo contattato Mark Butt, per cercare di essere più precisi e addirittura – qui sogniamo – di ripristinare la curva di ricarica tipica di 400 volt di una Macan, ma non abbiamo tempo di tornare indietro. La questione dovrà essere approfondita, ma non mancheremo di ritornarci quando Porsche ci fornirà maggiori informazioni in merito.