Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A Bruxelles e in Vallonia quasi un ospedale su due è in zona rossa

La situazione è più preoccupante a Bruxelles che in Vallonia.

Tempo di lettura: 2 minuti

un Bruxelles e la Vallonia, quasi uno su due ospedali (48,65%) che hanno chiuso nel 2020 è in rosso, ha scritto Leko nella sua edizione di sabato. La tendenza è più marcata a Bruxelles (81,82%) che in Vallonia (34,62%). Se includiamo gli ultimi cinque anni, la storia non è molto diversa: quasi un ospedale su due è allo sbando.

Il risultato attuale – un risultato operativo oltre che finanziario piuttosto che un risultato eccezionale – di 37 ospedali a Bruxelles e in Vallonia continua a scendere, perdendo il 60% in un anno e il 188,02% in cinque anni. De -22,4 milioni nel 2019, il plonge à -35,83 milioni nel 2020. Ce qui explique cette rentabilité grime de rouge, avec une marge bénéficiaire de -0,38% nel 2020 et de -0,14% su cinq anni. Dal 2017 al 2020, il settore ha subito quattro anni di perdite.

Le vendite di questi 37 ospedali hanno continuato a crescere tranquillamente, con un aumento dell’1,22% in un anno. Da 9,4 miliardi di euro si è passati a 9,52 miliardi di euro.

In generale, i 48 ospedali pubblici fiamminghi stanno un po’ meglio, continua Leko. Negli ultimi 10 anni, non hanno mai completato un anno sotto la linea di galleggiamento. Il margine di profitto per gli ultimi cinque anni è dell’1%.

Tuttavia, concentrarsi su bilanci e conti economici per il 2020 porterà a un’analisi errata. Perché nel 2020, con la crisi sanitaria, le autorità pubbliche hanno aperto le restrizioni ai soldi per aiutare gli ospedali e prevenire una carenza di liquidità, ricorda Leko.

READ  Calma da scalare?