Agosto 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“È enorme, non ha prezzo!”: Inge recensisce gli anticipi di Giovanni, 550 euro al mese per una casa standard…

Questo padre aveva sentito parlare del boom dei prezzi dell’energia. Ma non si aspettava che il suo conto sarebbe quasi triplicato. Tramite il pulsante arancione “avvisaci”, denuncia la situazione “divenuta disastrosa”.

Giovanni non ci può credere. All’inizio della settimana ha ricevuto un’e-mail dal suo fornitore di energia, Engie (Electrabel). Quest’ultimo gli notifica una proposta di deposito mensile. Quando si esegue la simulazione, viene moltiplicato per 2,8. Motivo? Prezzi energetici elevati. Tramite il pulsante arancione avvisaci, si occupa di tale importo e cerca di capire.

Questo padre di tre figli vive in una casa a Itri. Nel 2014 questo padre, ormai separato, ha acquistato questa casa di 125 mq. Per calore e luce si rivolge al fornitore di energia elettrica Inge. Stipula un contratto a tempo determinato. Un contratto a tempo determinato, come suggerisce il nome, è un contratto il cui prezzo non cambia fino alla scadenza. Indipendentemente dalle fluttuazioni del mercato, il prezzo rimane lo stesso. Alla scadenza di quest’ultimo, nel 2017, Giovanni passa al contratto cosiddetto “variabile”. Questa volta, il suo prezzo mensile cambia in base alle tendenze del mercato. Finora questo padre doveva pagare 186 euro al mese per riscaldamento ed elettricità.

Non ho mai avuto un aumento del genere prima d’ora!

Il problema in questo momento tra inflazione e paura di penuria sul mercato stiamo assistendo a un’impennata dei prezzi dell’energia. Previsioni meteorologiche più fredde del previsto, insieme a scorte limitate, quote di emissioni esorbitanti e merci costose, hanno spinto i prezzi dell’energia a livelli record per settimane. Questa situazione ha ripercussioni sulle bollette familiari.

550 euro al mese per una casa “normale”

READ  Wall Street termina e termina la sua catena nera - 27/05/2022 alle 22:31

“Ho imparato che devo pagare ora 550 euro al mese. È enorme, non ha prezzo. Non ho mai avuto un aumento del genere prima d’ora! “, Giovanni esulta. Per capirlo, si è rivolto al servizio clienti del suo fornitore ma gli è stato detto che tale aumento era semplicemente dovuto all’evoluzione del prezzo di mercato. Questo papà inorridito spiega che non ha altra scelta che pagare le sue prossime bollette.

“Devo riscaldarmi”, Ha intenzione di ignorare le “estensioni”. Prima di ricevere questo nuovo deposito, Giovanni aveva circa € 330 al mese dopo che tutte le bollette erano state pagate. Giovanni ha fatto i conti: con una bolletta mensile di 550 euro per la sua energia, non gli sarebbe rimasto nulla per il suo tempo libero. “Devo anche vivere al di sopra di quello che ho”, Questo dipendente fa sciopero per la vendita.

“Dovrò ridurre le mie spese. Ho intenzione di tenere la mia casa a tutti i costi. Ma preoccupatevi, questa situazione è diventata disastrosa” Aggiunge.

Abbiamo contattato Angie per capire le ragioni di questo aumento. Ci risponde il suo portavoce, Olivier Dicle. “Dopo gli alti prezzi dell’energia sui mercati internazionali, la situazione è già difficile per molti dei nostri clienti. Per vostra informazione, i prezzi nei mercati all’ingrosso per la consegna nel 2022 sono raddoppiati di oltre 4 per l’elettricità e oltre 5 per il gas tra la fine del 2020 e la fine del 2021. Per il cliente residenziale che dispone di luce e gas per il riscaldamento e tenendo conto della stima dei prezzi futuri, è già possibile ottenere aumenti superiori a 200 euro/mese”, relatore ufficiale.

READ  Vuoi installare pannelli fotovoltaici per risparmiare? Si prega di notare che le scadenze sono più lunghe.

“Proposta di deposito”

Per darci una risposta esatta alla situazione che Giovanni sta descrivendo attualmente, Olivier Desclée vede il suo profilo. Il 13 dicembre Inge Giovanni ha comunicato via mail che l’acconto era ormai troppo basso per coprire il boom dei prezzi dell’energia. “Questa lettera lo invitava a simulare e adattare l’importo mensile per evitare una spiacevole sorpresa al momento dell’emissione del rendiconto annuale. Si tratta in realtà di un consiglio, non di un obbligo”, Il portavoce spiega. In conclusione, secondo il fornitore, Giovanni ha scelto di aumentare la sua caparra, arrivando inizialmente a 550 euro, e poi a 300 euro. “Quindi, un aumento di 114 euro “, Conclude il portavoce di Engy.

Concretamente, la mail ricevuta da Giovanni è appunto una “proposta di deposito”. Ciò tiene conto del suo consumo attuale e dell’evoluzione dei prezzi di mercato. Legalmente, nulla lo obbliga ad aumentare il suo deposito. La sua bolletta mensile può essere di 186 euro se lo desidera. Solo alla fine dell’anno contrattuale dovrà pagare il resto. Ed è qui che il conto può diventare astronomico. Il padre ci ha spiegato che alla fine ha scelto di depositare 300 euro. “Durante le vacanze è complicato. La gente parla da mesi di aumento dei prezzi dell’energia, ma sono stato avvertito solo ora”, È sconvolto.

alcuni consigli

“Al fine di evitare ulteriori addebiti di fatturazione al ricevimento della fattura annuale, consigliamo ai nostri clienti di rimanere vigili sul livello del prezzo fisso mensile. Invitiamo i nostri clienti in questo periodo senza precedenti di aumenti dei prezzi a prestare molta attenzione ai loro consumi. Il più economico l’energia è quella che non consumiamo” Il portavoce di Angie si identifica.

READ  Misteriosa chiusura di conti bancari: 'Nessun rischio fallimento'

Sul suo sito web, la Commissione vallone per l’energia (CWaPE) Fornisce anche alcuni consigli ai consumatori Per stare al passo con questo aumento dei prezzi:

  • Se firmi un contratto a prezzo fisso e quel contratto non è ancora scaduto, mantieni i termini di prezzo correnti.
  • Se firmi un contratto a tasso variabile, il tuo contratto rifletterà l’attuale aumento del prezzo, ma terrà conto anche di eventuali ribassi futuri.
  • Se il tuo contratto scade (tasso fisso o prezzo variabile), presta attenzione alle nuove condizioni di prezzo inviate dal tuo fornitore (se le tue condizioni di rinnovo sono diverse dalle condizioni attuali, il fornitore deve inviare le nuove condizioni due mesi prima che scadano le nuove condizioni di prezzo in vigore.) Il diritto di rifiutare e risolvere il contratto.)