Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

È morto il mafioso siciliano Messina Denaro, arrestato a gennaio dopo 30 anni di latitanza.

È morto il mafioso siciliano Messina Denaro, arrestato a gennaio dopo 30 anni di latitanza.

Questo crudele assassino è stato condannato all’ergastolo per il suo ruolo nell’assassinio dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nel 1992.

Dopo il suo arresto, è stato trasferito in un carcere di massima sicurezza a L’Aquila, in Abruzzo, una regione a est di Roma, dove ha continuato a ricevere cure mediche. Ad agosto, Messina Denaro era stato trasferito nel reparto di detenzione dell’ospedale locale, dove le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi giorni.

Lo scorso fine settimana, i media hanno annunciato che era caduto in un “coma irreversibile”. I medici hanno smesso di alimentarlo e hanno chiesto di non rianimarlo, secondo la stampa.

Il suo arresto potrebbe aver portato sollievo alle sue vittime, ma il leader mafioso è sempre rimasto in silenzio. Nelle interviste rilasciate dopo il suo arresto, Messina Denaro ha negato di appartenere a Cosa Nostra.

Dopo la sua scomparsa nel 1993, alcuni credevano che avesse viaggiato all’estero. In realtà viveva in un confortevole appartamento vicino alla sua città natale di Castelvetrano, nella Sicilia occidentale.

Secondo i residenti di Campobello di Mazara, usciva in pieno giorno per prendere un caffè al bar, ordinare una pizza e fare la spesa… Aveva documenti falsi e si fingeva medico.

Nel 2015, il procuratore Teresa Principato ha stimato che se è riuscito a sfuggire alla polizia per un lungo periodo viaggiando facilmente, è stato solo perché era protetto “ad un livello molto alto”, senza specificare la natura di questa protezione. “Abbiamo avuto conferma della sua presenza in Brasile, Spagna, Gran Bretagna e Austria”, è rimasta sorpresa.

Il Corriere della Sera riferisce che sono in corso i preparativi per seppellirlo nella tomba di famiglia accanto al padre, don Ciccio.

READ  La guerra tra Israele e Hamas: Washington minaccia Hezbollah: “Questa potrebbe essere una guerra più sanguinosa di quella del 2006”

Quest’ultimo era il capo della mafia locale. Si dice che sia morto d’infarto mentre fuggiva, dopo che il suo corpo fu abbandonato in campagna vestito con abiti funebri.

Per anni gli investigatori hanno setacciato le campagne siciliane alla ricerca di Messina Denaro, alla ricerca di luoghi in cui nascondersi e origliando i suoi familiari e amici.

Intercettando una loro conversazione sui problemi di salute di una persona affetta da cancro e problemi agli occhi, gli investigatori capirono che si trattava di un leader mafioso ricercato.

Hanno utilizzato il database del sistema sanitario italiano per cercare pazienti di sesso maschile con età e storie mediche corrispondenti, e alla fine hanno interrotto l’operazione.

A luglio, un tribunale italiano lo ha condannato all’ergastolo per il suo ruolo nell’assassinio dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nel 1992.

Ha quindi confermato la sentenza in contumacia emessa nell’ottobre 2020, quando era ancora latitante.