Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nel suo discorso della vigilia del 1 maggio, Alexander De Croo attacca le “proposte folli” degli altri partiti

Nel suo discorso della vigilia del 1 maggio, Alexander De Croo attacca le “proposte folli” degli altri partiti

Il primo ministro Alexander De Croo è stato aggressivo nel suo discorso della vigilia del 1° maggio, attaccando le “proposte folli” degli altri partiti, compresi i suoi stessi partner di maggioranza. “Tutti sanno che il vero partito di chi lavora siamo noi“, ha detto ai liberali fiamminghi riuniti a Blankenberge.

La proposta del Partito Socialista di ridurre la settimana lavorativa a 32 ore? “Mentre 200mila posti di lavoro cercano candidati!“, ha gridato il primo ministro, sottolineando che gli imprenditori e le PMI soffriranno a causa di tale misura.Anche i Verdi credono che dovremmo lavorare meno. Vogliono dare valore al tempo senza incentivi, così le persone possono esplorare un po’ il mondo. Chi pagherà? contribuente“, Accusare.



Il partito N-VA, dal canto suo, è stato attaccato per la sua proposta di costruire in Kosovo una prigione per i detenuti senza permesso di soggiorno. “Un'idea presa dalla Danimarca, costata 210 milioni di euro senza la partenza di nessun detenuto per il Kosovo“.

Anche CD&V non è stata risparmiata, accusata di voler tassare più pesantemente i “risparmi” attraverso il registro patrimoniale.

Open VLD si presenta come il partito serio, il partito che ha fatto i suoi compiti. “Siamo l’unico partito che ha presentato un piano di crescita economicamente vantaggioso con una direzione chiara. Aspettiamo i numeri degli altri. Ma sono impegnati a intervistarsi a vicenda e a formare alleanze“.



READ  Zakia El-Khattabi, ministro del Clima, reagisce dopo la COP27: "Non nascondo la mia delusione"
-->

I liberali fiamminghi hanno già messo al centro della loro campagna l'idea che ci dovrebbe essere un divario di reddito di almeno 500 euro tra chi lavora e chi non lavora. De Croo conferma che l'idea «è stata nel frattempo adottata anche da altri partiti». Quindi i liberali vanno oltre: la differenza dovrebbe farsi sentire anche nelle pensioni, come ha ribadito il primo ministro. “Che i disoccupati ricevano talvolta una pensione pari a quella di chi ha sempre lavorato è ingiusto.“.