Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

E improvvisamente, Anderlecht è diventato di nuovo il “nemico del popolo” …

Certo, c’è sempre qualcosa da fare nel calcio belga. Dopo una buona stagione per i club di Bruxelles che sono arrivati ​​​​secondi e terzi nel torneo, tutto è stato capovolto e i rapporti non saranno fraterni a breve.

C’è stato un tempo in cui l’RSC Anderlecht non era solo il più grande club del paese, ma si comportava anche come un club. Prima che il Club Brugge volesse diventare il “Bayern Monaco belga”, è stata la RSCA a decidere i titoli, è andata alla ricerca degli allenatori più importanti e ha trasferito i migliori giocatori del torneo. Club di maggior successo del Paese, l’Anderlecht ha avuto l’atteggiamento di assecondare questo: serenità e contentezza ma anche una forma di arroganza che accomuna tutti i colossi nazionali in generale.

Per diversi anni il gigante ha mangiato il suo pane nero. Non c’è stato un solo premio dal 2017. Un’instabilità ai vertici della gerarchia ha finito per essere risibile. Un cambio di direzione accompagnato da gravi errori di servizio dentro e fuori dal campo. Sfondo di gioco perso. Anche la denominazione dello stadio, che divenne “Loto Park”, dava l’impressione che l’Anderlecht non fosse più l’Anderlecht.

Kompany, un arco necessario

Poi è arrivato Vincent Kompany. Anche se in questo preciso momento, la serie Obi-Wan Kenobi è stata un tale successo su Disney+ che il ritorno a casa di “Vince the Prince” sembra il ritorno dello Jedi. Accompagnati da un cambio di discorso: “Fidati del processo”, “Nei giovani ci fidiamo”, tutti questi slogan hanno sempre suscitato risate. L’idea era soprattutto quella di riportare a casa l’identità dell’Anderlecht. Kompany, con il suo fascino naturale ma anche una forma di “classe”, incarnava questa identità. Non funzionerà per tutto, ma una cosa è certa: con Vincent Kompany al timone, la RSCA aveva l’ambasciatore perfetto.

READ  pas de Romelu Lukaku ni d'Eden Hazard avec les Diables rouges
© Photonews

Osiamo dirlo: anche i sostenitori avversari hanno rispettato Kompany. Perché era rispettoso di tutti, almeno la maggior parte del tempo. Ha commesso errori di comunicazione? Assolutamente. Ha deluso la sua dirigenza? Certamente, o rimarrebbe in carica oggi. Il motto “Ci fidiamo dei giovani” non è sempre stato rigorosamente rispettato, ma Neerpede è anzi tornato al centro del progetto Mauve. In breve: l’immagine della RSCA è cambiata. E con un bel terzo posto, anche i risultati sono stati alti.

posto per i risultati

Ma una cosa mancava: l’arroganza. Certezza che RSCA sia migliore di altri club del Paese. Come puoi immaginare, le quattro sconfitte contro il rivale unitario hanno rapidamente sbalordito la dirigenza e rapidamente sbalordito il pubblico. Anche il discorso di Vincent Kompany. Perché l’allenatore non si nascondeva: “Al-Ittihad è stato sempre superiore a noi”. Peggio: Kompany sentiva che con i mezzi a sua disposizione non avrebbe potuto fare un lavoro migliore. Tuttavia, l’Anderlecht non poteva non fare un lavoro migliore.

Rompendo con Vincent Kompany e portando Felice Matzo sotto il naso e la barba della Federazione Saint-Gilloise, l’RSC Anderlecht ha infranto quello che sembrava essere un patto di non aggressione. I rapporti tra i due club di Bruxelles sono apparsi in buone condizioni. Certo, il “vicino amichevole” che era l’USG durante la sua ascesa si è trasformato in un vero contendente. Ma tutti amano l’unione. Nessun club nella storia recente del calcio belga ha attirato una tale ondata di simpatia. All’Anderlecht non importava. Anderlecht era un pragmatico. Prendendo di mira il simpatizzante promosso, il club di maggior successo del paese sta facendo rivivere la sua vecchia abitudine: cercare il meglio in Belgio. Per dimostrare che è al di sopra degli altri, e che anche se il vicino di Parc Duden gioca i preliminari di C1, è Parc Astrid ad attrarre. A livello atletico? Molto intelligente può dire quello che darà. simbolicamente? RSC Anderlecht ha deciso di riconnettersi con uno dei suoi status storici. Ora è tempo che lo Strike Empire torni…