Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dove sono i candidati a Euro 2024? (3/7): Gli antenati della Germania non resistono più

Dove sono i candidati a Euro 2024?  (3/7): Gli antenati della Germania non resistono più

Il loro anno 2023: disastroso

Dopo il fallimento della Coppa del Mondo (uscita dalla fase a gironi), la Germania contava sul 2023 per rilanciarsi, svilupparsi e acquisire fiducia nell’Euro in patria. È successo esattamente il contrario. Ne verrà fuori un gruppo sconvolto dalla serie di brutti risultati, nervoso per la necessità di raggiungere il successo il prossimo giugno, e ancora non rassicurato dopo il cambio di allenatore.

Con l’espulsione di Hansi Flick a settembre, Julian Nagelsmann ha dovuto ritrovare rapidamente la calma, a pochi mesi dal torneo. Il fuoco si è spento brevemente lo scorso ottobre con la vittoria negli Stati Uniti (1-3) e il pareggio con il Messico (2-2), ma i problemi sono riemersi negli ultimi giorni con la sconfitta interna contro la Turchia (2-3) e poi un altro. Contro l’Austria (0-2). “Ora possiamo dipingere tutto di nero e vedere tutto in modo negativo, ma questo non ci farà avanzare come nazione calcistica”.Julian Nagelsmann cerca di calmarlo.

I loro punti di forza: il talento non è scomparso

Stelle esperte del Bayern (Sane, Gnabry, Kimmich, Müller, Goretzka), Real Madrid (Rudiger), Barcellona (Gündogan), Arsenal (Havertz) o Dormund (Hummels, Brandt, Volkrug), ma non c’è osmosi. “Le mie labbra bruciano quando vedo tutto questo talento.”ha commentato Julian Nagelsmann che ha iniziato a chiedersi se aggiungere questi grandi giocatori avrebbe mai funzionato. “Forse dovremmo agitare i pugni e dire: un talento in meno di alto livello, un lavoratore in più. Forse dovremmo rinunciare a due punti percentuali di talento e aggiungere altri due punti percentuali di lavoratori”.

Per ironia della sorte, il gruppo appare unito fuori dal campo ma i pareggi si spezzano in campo. “Ho la sensazione che siamo molto soli e che tutti siano impegnati con se stessi. Ma dobbiamo uscire da questo ruolo di vittima, visto quanto tutto è andato male negli ultimi anni. Questo ruolo di vittima non ti fa mai avanzare nella vita. Nagelsmann aveva solo sei mesi e mezzo per inviare l’intera collezione allo psichiatra.

READ  "Una piccola squadra? Per favore...": Jurgen Klopp si congratula con la St. Giloise Union per l'incontro ad Anfield

Lavoro futuro: rigenerazione e adattamento

I tedeschi stanno invecchiando. Con un’età media di 29,6 anni, l’attuale selezione è la più antica d’Europa. Infatti, solo la nazionale siriana (30,3 anni) è la più anziana tra le 207 nazioni presenti nella FIFA. Peccato conoscere l’età dell’allenatore, che è uno dei più giovani della storia (36 anni). Ovviamente non si tratta di cambiare tutto qualche mese prima degli Europei escludendo Neuer (37), Müller (34), Hummels (34) o Gundogan (33). Ma una piccola ristrutturazione andrebbe a vantaggio di questo gruppo. Almeno dando più credito ad alcuni giocatori di talento come Wirtz, Adeyemi o Moukoko.

Julian Nagelsmann dovrà anche risolvere alcuni collegamenti che evidentemente non funzionano. Come il suo centrocampo. “Gundogan e Kimmich non si incontrano in un ambiente a due perché sono troppo simili. Sono grandi giocatori, direi addirittura giocatori di livello mondiale. Ma non stanno bene quando giocano insieme.”Lo ha sottolineato la leggenda tedesca Lothar Matthaus su Sky Sports.

Anche in patria l’intera nazione si aspetta una mentalità completamente diversa. “Ci manca la virtù tedesca di ferire l’avversarioOsserva Rudi Völler, direttore sportivo della squadra. Non voglio parlare sempre di passione, ma portare questo dinamismo e queste emozioni. Altrimenti sarà dura per qualsiasi avversario”.

Squadre modello ©IPM Graphics