Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Delhaize: “scontro” tra polizia e lavoratori riuniti a Bruxelles

Delhaize: “scontro” tra polizia e lavoratori riuniti a Bruxelles

YuCentinaia di attivisti si sono appostati sabato mattina davanti a Delhaize de Flagey (Bruxelles). Il Collettivo di Sostegno che ha organizzato la protesta voleva unire clienti e dipendenti della catena di supermercati e ha chiesto un boicottaggio a lungo termine di Delhaize. Durante la procedura, il Delhaize Flagey è rimasto aperto e ai clienti non è stato negato l’accesso al negozio. Al termine dell’azione, i dipendenti e gli attivisti di Delhaize hanno chiuso a chiave il negozio e negato l’accesso al negozio a un camion delle consegne. Thomas Englert dell’Unione Cristiana ACV-CSC, che era presente alla manifestazione come simpatizzante, ha spiegato che durante questa azione c’è stato uno scontro con la polizia.

A marzo, la direzione della catena di supermercati ha annunciato l’intenzione di privatizzare 128 negozi. Il dialogo sociale è giunto a un punto morto. “Dal 7 marzo 2023, i dipendenti Delhaize stanno cercando di far sentire la loro voce. Vogliamo che i diritti dei lavoratori siano rispettati e lottiamo contro il franchising nel settore della distribuzione. Questo franchising incide sui diritti sociali dei lavoratori”, hanno detto gli attivisti Delhaize Flagey. “Ecco perché sosteniamo tutti i Dalai in sciopero”.

È importante che questa interruzione duri a lungo e non perda slancio. “Questo è il motivo per cui abbiamo creato questo gruppo di sostegno”, ha detto Thomas Englert dell’Unione Cristiana ACV-CSC, che ha preso parte alla manifestazione davanti a Delhaize Flagey. Secondo il gruppo di sostegno, gli atti di solidarietà precedentemente compiuti davanti a Delhaize Chazal a Schaerbeek e Delhaize Defré a Uccle hanno avuto successo. “I Delhaize di Bruxelles hanno già perso molti clienti. Nemmeno loro torneranno”.

READ  I negozi Aldi invitano tutti i clienti a essere vigili, "Non consumarli"

Scontro con la polizia

Secondo Englert, dopo la protesta all’interno e all’esterno del supermercato, c’è stato uno scontro con le forze dell’ordine. “I dipendenti di Delhaize Flagey hanno deciso di chiudere il negozio dopo la procedura”, ha detto Englert. “Poco dopo è arrivato un camion delle consegne da Delhaize, al quale gli operai hanno risposto che il camion doveva tornare solo al magazzino visto che avevano chiuso il negozio”. A quel tempo, la polizia è stata coinvolta, secondo il signor Englert. “Abbiamo detto loro che non avevano il mandato di interferire con un sit-in, al che la polizia ha risposto che non era un sit-in. La polizia è stata aggressiva e ha spinto i lavoratori contro il muro”.

Il camion delle consegne decide finalmente di tornare al magazzino, e poi la polizia dietro l’angolo. “Ma sono tornati poco dopo e hanno detto che il negozio doveva riaprire”, dice Englert. “È stato allora che abbiamo cercato di raggiungere la comune.”

Un invito alla calma

Il primo assessore e assessore agli affari sociali, Audrey Lost (Ecolo), tra gli altri, è andato lì perché il sindaco Christos Dulkiridis (Ecolo) non era disponibile. “Il comune non desidera interferire con le azioni dei lavoratori e dei loro rappresentanti”, ha dichiarato Audrey Lust. La fila del sit-in è stata mantenuta e gli attivisti hanno potuto continuare il loro lavoro.

Secondo Englert, Lust ha detto alla polizia di “mantenere la calma”. ma trovo che ci dica che le forze dell’ordine sono così abituate a interrompere gli scioperi che hanno già cominciato a farlo spontaneamente e senza consultazione.

READ  Crisi energetica: un problema tecnico sul sito consente la richiesta di bonus riscaldamento

Leggi anche Delhaize vuole convincere i suoi clienti a tornare alla vita normale

La decisione della direzione di privatizzare 128 negozi è un atto di violenza nei confronti dei lavoratori che hanno sempre avuto ragione. Delhi vende i suoi lavoratori senza alcuna garanzia per il futuro – ha dichiarato Miriam Djam, segretario nazionale per il settore del commercio al Cne-Csc – La polizia e i tribunali sono dalla parte dei datori di lavoro con mezzi violenti.

Sabato i sindacati hanno svolto lavori in altre otto filiali Delhaize. A Bruxelles, questi sono Delhaize Chazal a Schaerbeek, Delhaize Dikke Beuk a Jette, Delhaize Debroux ad Auderghem e Delhaize Boondaal a Ixelles. A Liegi sono stati eseguiti lavori ad Aiwel, Hainaut a Enghien, Montigny-le-Tilul e Mons.

Leggi anche Tre mesi di stasi in Delhaize, di chi è la colpa?