Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Decrittazione – Cos’è il “Progetto 2025”, il piano degli alleati di Donald Trump che potrebbe causare “violenza di massa”?

Decrittazione – Cos’è il “Progetto 2025”, il piano degli alleati di Donald Trump che potrebbe causare “violenza di massa”?

Secondo Community Magazine, attualmente nel Quarto Pilastro vengono formate 10.000 persone. Paul Dance, project manager, li descrive come “Un nuovo esercito di conservatori si è schierato, addestrato e armato, pronto a combattere lo Stato profondo“.

Con un vocabolario così altamente bellicoso, le linee del Progetto 2025 sono piene di potente aggressività. Ad esempio, la Società sottolinea che il verbo “eliminare” è usato 260 volte in questa raccolta.

Le persone dietro queste raccomandazioni provengono tutte da un orientamento politico molto conservatore. Ciò si riflette nel testo che vieta la pillola abortiva e invita il prossimo presidente a “preservare la definizione di matrimonio e famiglia basata sulla Scrittura”, nonché nell’abrogazione delle leggi che vietano la discriminazione basata sull’“orientamento sessuale”. E identità sessuale.

È molto chiaro che il Progetto 2025 è sulla via del nazionalismo e dell’autoritarismo cristiano. Rifiuta la separazione costituzionale tra Chiesa e Stato, favorendo invece le credenze religiose rispetto alle leggi civili“, condanna nel suo rapporto il Progetto globale contro l’odio e l’estremismo (GPAHE).

Tutti i punti sopra indicati sono chiaramente esplicitati nelle linee di progetto. Ma secondo un’indagine del Washington Post, l’obiettivo nascosto di questo programma è quello di instaurare un regime autoritario o, nella migliore delle ipotesi, semi-autoritario negli Stati Uniti se Donald Trump vincesse nel 2024. Ciò includerà l’imbavagliamento o l’imbavagliamento delle persone. Per punire “legalmente” oppositori e critici, o schierare preventivamente la Guardia Nazionale, cioè l’esercito, in tutte le principali città americane in caso di rischio di manifestazioni ostili alla loro politica, imponendo se necessario la legge marziale.

READ  E in Germania il grande risveglio della maggioranza silenziosa

Il quotidiano americano sostiene inoltre che Trump ha già stilato un elenco di figure su cui vuole perseguire o indagare.

Non il primo

La Heritage Foundation è stata fondata nel 1973. All’epoca, l’obiettivo del fondatore Joseph Kors era quello di armare intellettualmente i repubblicani. Nel 1980, poco prima che Ronald Reagan vincesse le elezioni, il think tank sviluppò una guida per i candidati di destra. Le misure erano meno estreme di quelle attuali, ma prevedevano, tra le altre cose, la riduzione delle tasse e il raddoppio del bilancio militare.

Dopo la sua elezione, Reagan distribuì questa guida a tutto il suo gabinetto e si rivolse persino alla Heritage Foundation per fornire personale e organizzare la sua amministrazione. Alla fine del primo anno del suo mandato, il 60% delle 2.000 idee contenute nella guida erano state implementate, ha riferito Community Magazine.

Molti anni dopo, Donald Trump ha utilizzato la stessa organizzazione per nominare persone a posizioni importanti nella sua presidenza.

Da allora, l’influenza del think tank ha continuato a crescere. “Grazie alla Heritage Foundation siamo diventati l’unico partito che produce nuove ideericorda Mickey Edwards, uno dei cofondatori.Tanto che anche la sinistra si è ispirata a noi“Oggi Edwards ha preso le distanze dal gruppo e sostiene persino i democratici”.Cominciarono a usare la religione per giustificare tutte le trasgressioni, sacrificando il pensiero agli istinti più bassi delle persone, e all’inizio non era questo l’accordo. La Heritage Foundation avrebbe dovuto essere un think tank, nient’altro“.

READ  Questi sono i paesi meno visitati al mondo

L’America trema

Intervista condotta da Romualdo SciorraDirettore dell’Osservatorio politico e geostrategico americano dell’Istituto per le relazioni internazionali e strategiche, diversi esperti hanno espresso preoccupazione per il futuro se Donald Trump verrà rieletto.

Anche se perdesse nuovamente le elezioni, Donald Trump potrebbe seminare il caos, teme Fiona Hill, ex vice assistente di Trump durante il suo mandato. Secondo lei, esiste il pericolo reale di vedere l’ex presidente contestare qualsiasi risultato elettorale che gli possa essere sfavorevole e tentare, in caso di sconfitta, di riconquistare lo Studio Ovale con un nuovo colpo di stato. “Lì, se ci riuscirà, dovremo allacciare le cinture, perché ci porterà a una serie di crisi costituzionali“, avverte.

Stessa storia con Robert Kagan. Il leader neoconservatore conferma che “il dottDonald Trump si sta preparando attivamente per assicurarsi la vittoria con ogni mezzo necessario“E se ci riesce”Gli Stati Uniti si dirigerebbero quindi verso la più grande crisi politica e costituzionale dai tempi della Guerra Civile […] Possibilità credibili di violenza di massa e divisione del Paese“.

Infine, Reed Brody, ex vice procuratore generale dello Stato di New York e attuale avvocato specializzato nella difesa delle vittime di regimi dittatoriali, afferma: “Se Trump diventasse di nuovo presidente, la democrazia americana diventerebbe presto un ricordo“.

READ  “Appena si è mossa, le ha conficcato un coltello nella schiena”: un testimone racconta atti di violenza sessuale commessi da Hamas

Il “Progetto 2025” vedrà la luce il 20 gennaio 2025, data in cui entrerà in carica il prossimo presidente? La risposta dipenderà dall’esito delle urne.