Gennaio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dal #MeToo alla salute mentale, Simone Biles, il portatore di battaglia

Gli atleti di alto livello a volte usano il loro posto per essere messaggeri di problemi che riguardano l’intera comunità, al di fuori degli spogliatoi o della competizione. È stato nominato atleta dell’anno dalla rivista TIMEginnasta americana Simone Biles Ha reso il 2021 un anno in cui le aggressioni sessuali e i problemi di salute mentale non erano più una vergogna o una paura nel mondo altamente esigente degli atleti professionisti.

Alle Olimpiadi di Tokyo, quando ci si aspettava che fosse la migliore ginnasta di sempre e aveva già preso un certo numero di medaglie prima dell’inizio della competizione, Simone Biles ha detto di non continuare a sperimentare per tenerlo al sicuro. “La mia mente e il mio corpo non erano fuori sincronia, potrebbe essere pericoloso” annunciato. il suo compagno di squadra, Susan LeeCommentando la sua decisione: “Ciò che ha fatto Simon ha cambiato il modo in cui pensiamo al nostro benessere al 100%. Ci ha mostrato che siamo più di un semplice sport, che siamo esseri umani che possono anche avere giorni difficili. Ci ha davvero aiutato. Ci ha reso umani .”

Simone Biles ha affermato di avere il controllo del suo corpo e della sua mente. Agendo in questo modo, la ginnasta dà la certezza di poter brillare in uno sport di alto livello ascoltandosi e accettando l’imperfezione. Bills ha spiegato l’importanza di mettersi al primo posto e rifiutarsi di cedere alle aspettative esterne. Con gli occhi del mondo addosso, ha avuto il coraggio di parlare: “Basta, sono abbastanza.”

Quindi, quando Bills intraprende un’azione ovvia per proteggere la sua salute mentale e fisica, per segnalare che vale la pena proteggerla, quell’azione ha un potere speciale.

La ginnasta americana non ha fatto della salute mentale la sua unica battaglia. Un mese dopo le Olimpiadi di Tokyo, è diventata ambasciatrice per le denunce contro l’ex medico della squadra femminile statunitense, Larry Nassar, abusatore sessuale di dozzine di atleti statunitensi. Il 15 settembre Simone Biles si è rivolta al Congresso degli Stati Uniti e ha usato il suo posto per testimoniare i fallimenti delle istituzioni di fronte alla situazione.

Parlando, Simon ha chiesto un’azione collettiva, per un coinvolgimento molto maggiore delle istituzioni: “Ora è il momento di riconoscere un problema diffuso e agire in modo che nessun altro atleta debba passare quello che ho passato io. […] Spero che, come sopravvissuto a Larry Nassar, ci prendiamo questo tempo per fare tutto il possibile per stabilire protocolli di buon senso, proteggere gli atleti e prevenire danni. L’inazione equivale alla complicità. Ogni bambino, atleta o meno, ha il diritto di stare al sicuro. Ogni sopravvissuto ha il diritto di essere creduto. A tutti i sopravvissuti e le vittime: sappiate che non siete soli in questo viaggio. Ti credo e al tuo fianco c’è un esercito di sopravvissuti».

In una prospettiva in cui il sacrificio porta molto di più del costo, dell’audacia e della fiducia in se stessi Da Simone Biles per svelare la sua verità e assumersi la responsabilità del suo destino, ha permesso ad atleti e non atleti di parlare più francamente, e forse un po’ più facilmente, delle difficoltà che un tempo avevano.

READ  Fibra in vendita a 14,99€ al mese da Sosh